fbpx

‘Welcome to Eden’: 6 domande a cui la serie Netflix risponderà ora che la stagione 2 è una realtà

La serie spagnola di successo che sta spopolando sulla piattaforma di streaming è stata appena rinnovata per una seconda puntata le cui riprese sono già iniziate.

La seconda stagione di benvenuto nell’Eden Era un segreto di Pulcinella, ma ora è una realtà su Netflix. Con i creatori della serie Joaquín Górriz e Guillermo López completamente favorevoli a continuare la storia, una prima stagione che si è conclusa con un “cliffhanger” e con un’accoglienza davvero scandalosa, non ci si poteva aspettare altro. Adesso, a soli 20 giorni dalla sua anteprima sulla piattaforma, il servizio di streaming lo ha ufficialmente confermato benvenuto nell’Eden Avrà la stagione 2.

Continua il viaggio della tua vita

Netflix ha confermato la notizia attraverso un criptico “teaser” con protagonista il “2” che ci ha tanto interessato da allora la prima puntata ha detto addio nel suo ottavo episodio con più domande che risposte e con l’orgoglio di poter condividere il ottimi dati registrati dalla serie spagnola.

Dopo i grandi successi di La rapina di denaro Y Elite, benvenuto nell’Eden ha l’onore di essere il nuovo titolo spagnolo che spazza la piattaforma di streaming sia dentro che fuori i nostri confini, diventando nella prima settimana dopo la sua anteprima il la narrativa non in lingua inglese più vista della compagnia al mondo. Secondo i dati pubblicati, la fiction ambientata sull’isola paradisiaca ha già accumulato 116.970.000 ore di visione dalla sua prima ed è attualmente nella Top 10 di 68 paesi tra cui Spagna, Francia, Germania, Turchia, Argentina, Messico e Brasile.

Quello che Górriz e López stanno preparando per la seconda stagione è ancora un mistero, ma sappiamo già i nomi dei due nuovi attori che si uniranno al cast in questa nuova fase: Carlos Torres (La regina del flusso) e Nona Sobo (antipasti). Tuttavia, in attesa di ulteriori dettagli, lLe domande lasciate dalla prima puntata ci permettono di avere un’idea delle risposte che possiamo aspettarci nella seconda stagione. Prendi nota di seguito.

1. Chi è veramente Isacco?

L’apparizione di Isaac nel tratto finale di benvenuto nell’Eden lascia più domande che risposte. E dovremmo averli in questa seconda stagione ora che è ufficiale.

Nel secondo episodio, dopo aver bevuto l’allucinogeno blu chiamato Eden, Zoa crede di aver visto un bambino, ma perde le sue tracce quando cerca di seguirlo. Più tardi, gli dicono che non ci sono bambini nel posto, quindi pensa che sia tutto dovuto al bere. Tuttavia, nel penultimo episodio scopriamo non solo che era reale, ma che potrebbe essere assolutamente fondamentale in Eden.

Quando Erik è ferito, Astrid (Amaia Salamanca) lo porta da Isaac, che sembra guarire le sue ferite. Tuttavia, non ci viene detto esattamente come lo fa o chi sia esattamente al di là di indizi sul fatto che sia il figlio di Erik e Astrid e che potrebbe avere una posizione al di sopra di loro nell’organizzazione.

2. Cosa accadrà a Zoa dopo l’arrivo di Gaby sull’isola?


Quando, dopo tanti sforzi, Zoa e Charly sono stati in grado di lanciare il loro piano di fuga dopo che l’elettricità è stata interrotta, la giovane donna ha raggiunto il suo obiettivo, ma luiLa stagione si è conclusa con Zoa che ha visto Gaby, sua sorella, sulla barca che sta arrivando sull’isola per il prossimo festival. Proprio come hanno fatto con lei.

Leggi  Coup de Théâtre: Spiegazione della fine!

Convinta che sua sorella avesse bisogno di aiuto, Gaby è riuscita a raggiungerla proprio come Zoa è riuscita a liberarsi e tornare a casa, ma ora, consapevole dei pericoli dell’Eden e dell’isola, Zoa non può lasciare Gaby alle spalle. E quello che farà d’ora in poi sarà una delle cose che la stagione 2 dovrà sicuramente affrontare.

3. Quale sarà il prossimo passo dell’Africa?


L’Africa (Belinda) sta scoprendo cose su Eden e continuerà a lavorare per svelare i segreti che la misteriosa organizzazione nasconde e il suo vero obiettivo. Dopo aver premuto un pulsante misterioso nell’ultimo episodio, suona un allarme e il satellite si avvia: “Invio segnale nello spazio, in attesa di risposta”.

Chi deve rispondere al messaggio? È il vero Eden di cui parla Astrid? Chi ci abita e cosa stanno veramente cercando?

4. Judith e Aldo sono davvero morti?


I personaggi di Ana Mena e Albert Baró non hanno lasciato in vita la stagione, ma, mentre alcuni fan sono chiari sul fatto che sono la migliore prova che il posto è pericoloso e che nessuno dei personaggi è davvero al sicuro, altri seguaci si chiedono che lo siano davvero morti e aspettati di vederli apparire di sorpresa nella stagione 2.

Anche intorno a loro sono emerse teorie come quella che i morti sull’isola siano quelli che tengono in vita Isacco e un’altra serie di speculazioni. Al momento, gli attori non compaiono nell’elenco dei membri del cast che torneranno nella nuova stagione, quindi sarà la seconda stagione a dare il tocco finale a questo dibattito.

5. Cos’è davvero l’Eden?


La domanda finale. Cosa c’è veramente dietro la Fondazione, chi la controlla e per quale scopo? Dopo la prima stagione, l’unica cosa certa è che Astrid ed Erick servono qualcosa di molto più grande. Che l’isola è solo una delle braccia del vero Eden e che un messaggio di allerta è stato inviato a uno di loro.

Non sappiamo se la stagione 2 risolverà il più grande punto interrogativo della serie, ma almeno possiamo aspettarci nuove risposte.

6. Quale futuro attende ‘Welcome to Eden’?


E il futuro della serie sarà anche nelle mani della stagione 2 da quel momento in poi, dal momento che, da come funziona, dipende dal fatto che Netflix voglia mantenerla sulla griglia più a lungo.

Al momento, i creatori sembrano fiduciosi del materiale che hanno in mano, hanno realizzato la prima puntata sperando di poter continuare in una seconda e, se anche la nuova fase dovesse finire in ‘cliffhanger’, possiamo contare su più colpi di scena e gira sull’isola più misteriosa corrente del piccolo schermo.

Se vuoi essere aggiornato e ricevere le anteprime nella tua email, iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia un commento