fbpx

Vader al timone di Disney+?

Dopo due episodi di avvio lento, Obi-Wan Kenobi il secondo passa con il tanto atteso ritorno di uno dei suoi personaggi mitici.

ATTENZIONE: spoiler in vista!

Battle of the Heroes 2: Boogaloo elettrico

Io Robot

Mentre abbiamo accennato nella nostra recensione dei primi due episodi di Obi-Wan Kenobi (e il nostro video qui sotto) l’importanza del corpo degli attori della serie, uno degli scatti inaugurali dell’episodio 3 conferma tutto il bene che abbiamo pensato dell’approccio di Deborah Chow. Se il volto di Ewan McGregor viene scrutato dalla telecamera nei minimi dettagli per riportare al centro dell’equazione la sua incarnazione del personaggio, lo stesso fa il regista con Hayden Christensen e il suo ritorno nei panni di Anakin Skywalker.

Con una semplice carrellata verticale, il famoso elmo di Darth Vader scende, fino a raggiungere la testa dell’attore che ha prestato i suoi lineamenti all’ex Jedi sotto il costume. Dietro la maschera funeraria rappresentata dalla sagoma scheletrica di questo mitico elmo, eccoci in procinto di collegare l’umano e il mostro nello stesso movimento.

È tanto più eccitante perché Darth Vader è essenzialmente un cadavere squisito (nessun gioco di parole), tra i vari corpi che gli davano presenza e la voce di James Earl Jones (di nuovo qui). Il più grande cattivo nella storia del cinema è un patchwork, e lo spettacolo gli ricorda questo con il senso di colpa di Obi-Wan. “Io sono quello che mi hai fatto”, proclama i Sith al suo ex padrone. Di fronte al guscio del personaggio, è difficile non vedere la moltitudine di influenze che hanno portato il fisico di Christensen a perdersi sotto il costume. Gli scatti portano il peso del passato, senza bisogno di flashback. Il corpo dei suoi attori dice già tutto.

Certo, questo non scusa il fatto che la serie stia seriamente trascinando i piedi, ma questo ritorno a un organico trionfante dà respiro alla sua narrazione e alle sue metafore. Mentre i nostri eroi scoprono un “passaggio” organizzato per salvare i braccati dall’Impero, questa eco delle ore più buie della nostra storia assume subito un sapore particolare.

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: foto, Ewan McGregorUno spettatore medio che affronta i fan tossici di Star Wars: Allegory

Monomito del monotasking

Inoltre, lo sentiamoObi-Wan Kenobi è alimentato dalla stessa energia di Dave Filoni nelle sue serie animate, in particolare Il brutto lotto. La svolta politica che ha portato all’avvento dell’Impero non è più vista solo dal punto di vista dei potenti, ma da quello di un popolo che accetta questo ritorno all’ordine. “che non fa male”, come spiegato da un quidam che Obi-Wan e Leia incontrano. Il fuori campo esplorato dalle produzioni Disney+ ritorna all’originario retaggio di George Lucas, metaforizzando un contesto storico particolare e collaudato: quello diun fascismo tollerato dalla maggioranza della popolazione.

Leggi  Taika Waititi pensa che il personaggio di Natalie Portman abbia fatto schifo prima di Thor 4

L’Impero perde così la sua dimensione di Male assoluto della galassia, e al contrario acquista una forma di ambivalenza che disturba sempre più i nostri sbiaditi Jedi. Questo è senza dubbio il motivo per cui il primo “duello” tra Obi-Wan e Vader si svolge di notte, mentre la luce delle loro spade laser brilla attraverso l’oscurità. Possiamo criticare la messa in scena per la sua rigidità, ma Deborah Chow cattura accuratamente questa perdita di riferimento, soprattutto quando la telecamera e il montaggio girano attorno al volto spaventato di Ewan McGregor.

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: fotoLa famosa espressione: non c’è Vader senza fuoco

Un po’ come dentro RogueOne, il regista riesce a fare del ritorno di Darth Vader una proposta iconica e inquietante. Al di là della dolce ironia del suo finale, che cerca di ripetere La vendetta dei Sith, ci sono qua e là degli scatti molto belli che arrivano a riportare il personaggio al suo posto preferito nella mitologia di Star Wars. Qualcuno potrebbe obiettare che ci accontentiamo di poco visto lo stacanovismo di Lucasfilm e Disney+, ed è vero cheObi-Wan Kenobi potrebbe trascendere nettamente il suo aspetto “solido e quadrato”, a priori insufficiente per un evento di tale genere.

In effetti, l’ovvio rispetto che Deborah Chow e i suoi team hanno per l’universo di George Lucas è di per sé un problema. Dopo un primo episodio che ha allungato più che ragione le prime fasi del monomito campbelliano (la teoria della narrazione al centro della meccanica del Guerre stellari… e molte finzioni da allora), il viaggio del nostro Jedi preferito segue troppo da vicino questo modello, anche se ciò significa creare una mancanza di sorpresa.

Certo, è importante che l’episodio 3 (cioè metà della serie) porti a una sconfitta per l’eroe in modo che impari dai suoi errori in seguito, ma questo confronto, per quanto essenziale e previsto, tra Vader e il suo ex maestro manca. follia e suspense, quando avrebbe dovuto lasciare qualsiasi spettatore in una posizione laterale sicura. Potrebbe essere lì il limite del servizio di fan e il suo potere di attrazione.

Un nuovo episodio di Obi-Wan Kenobi viene rilasciato su Disney+ ogni mercoledì dal 27 maggio 2022

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: poster ufficiale

Lascia un commento