fbpx

Uscite cinematografiche del 19 ottobre: ​​Black Adam, Bros, EO…

Quali sono le uscite cinematografiche per la settimana del 19 ottobre? Black Adam, Il nuovo giocattolo, EO

Ogni settimana, Ecran Large fa il suo mercato nei cinema e seleziona alcune uscite e film da non perdere (per buoni o cattivi motivi). Con Dwayne Johnson in abiti molto (molto) attillati, un simpatico asino, sconosciuti in Transilvania, il ritorno di Michel Ocelot, una storia d’amore che non ha tempo e storie di ricchi.

ESCURSIONI CONSIGLIATE

EO

Durata: 1h29

Di cosa si tratta : Il viaggio di un asino attraverso il mondo e attraverso i suoi occhi.

Perché lo consigliamo: Il polacco Jerzy Skolimowski è tornato al cinema con una sorta di remake di Balthazar casuale di Robert Bresson all’ultimo Festival di Cannes da dove è partito con un bel Premio della Giuria, e ovviamente non puoi perderlo. In un misto di realismo estremamente brutale e un’affascinante dose di surrealismo immergendo il film in un’atmosfera quasi orribile, EO esplora così la crudeltà umana (e in particolare quella degli uomini) attraverso gli occhi degli animali.

Il risultato è un’esperienza sensoriale completamente fuori di testa, non sempre avvincente (soprattutto quando si sofferma un po’ troppo su umani vanitosi), ma assolutamente unica. Trasportato dalla musica destreggiandosi tra classica e metal, EO poi consegna un inquietante opuscolo contro la violenza degli animali e dipinge un ritratto del mondo allarmistico con una visione singolare, dove la specie umana è davvero la più pericolosa del mondo.

La nota widescreen: 3,5/5

NMR

Durata: 2h05

Di cosa si tratta : In una piccola città della Transilvania, l’arrivo di lavoratori stranieri provoca un’ondata di xenofobia.

Perché lo consigliamo: Perché se sei uno di quelli che immagina che il cinema rumeno sia un compendio di cliché grigiastri, noia e sguardi sconfitti, basta questo per farti misurare la portata del tuo errore. Già vincitore della Palma d’Oro, si avventura con il regista Cristian Mungiu NMR contemporaneamente nel campo del dramma, del thriller sociale, mentre si avvicina alla narrazione e all’horror.

Con una messa in scena febbrile e tesa, cattura tutte le nevrosi, le paure e le vicissitudini che fanno a pezzi una piccola comunità dove tutti cercano anno dopo anno di sopravvivere e dove l’emergere di un individualismo disperato arriva a minacciare la sopravvivenza di tutti. . Umano e toccante, anche nei suoi colpi di scena più terribili, RMN avanza inesorabilmente verso una conclusione agghiacciante e poetica, che confronta il suo eroe con l’orrore che si annida nel cuore degli uomini.

La nota widescreen: 4,5/5

La nostra recensione di NMR.

Il Faraone, il Selvaggio e la Principessa

Durata: 1h23

Di cosa si tratta : Di tre racconti, uno con uno faraone, l’altro con un selvaggio e l’ultimo con una principessa.

Perché lo consigliamo: Perché il ritorno al cinema di Michel Ocelot ha sempre qualcosa di speciale. Con questo nuovo film, il regista francese torna alla sua forma preferita di narrazione, vale a dire la raccolta di racconti (tre in questo caso), e si ricollega alla figura ricorrente del narratoreche questa volta assume le sembianze di una donna in un cantiere edile.

Se Il Faraone, il Selvaggio e la Principessa non è l’opera più innovativa o interessante di Michel Ocelot, che ha preferito qualcosa di più leggero dopo Dilili a Parigi, il film rimane un bellissimo compendio dell’arte del regista : scenografia bidimensionale ispirata agli affreschi dell’antico Egitto, ombre cinesi e uno spicchio finale dai colori accesi e sontuosi decori.

La nota widescreen: 3/5

La nostra recensione di Faraone, il Selvaggio e la Principessa

BROS

Durata: 1h56

Di cosa si tratta : La storia d’amore ovviamente carina, divertente e complicata tra due persone eternamente single.

Perché lo consigliamo: Un po’ come Con affetto, Simone con il film per adolescenti, fratelli si riappropria dei codici della commedia romantica, ma con due uomini. E così ? E quindi non cambia nulla se stai cercando una commedia romantica divertente, tenera e maliziosa. Ma cambia tutto se vedi quanto conta la cultura pop nell’immaginario collettivo, e come la rappresentazione abbia un valore significativo.

Leggi  Nations League: Paesi Bassi

L’idea è semplice (ma preziosa) e fratelli lo sviluppa utilizzando tutti i buoni trucchi del genere. La prima: i due personaggi, incarnati dagli ottimi Billy Eichner e Luke MacFarlane, sono un mix perfetto di nevrosi, autoironia e tenerezza. La seconda: lo scenario può essere quadrato, è pieno di scene, linee e spunti molto più intelligente e divertente della media del genere (sì, pensiamo alle cazzate Biglietto per il paradisoa caso).

Ciliegina sulla torta: questa è l’occasione perfetta per (ri)scoprire il talento di Billy Eichner, qui attore e co-sceneggiatore.

La nota widescreen: 3,5/5 (o anche 4/5, perché è molto buono)

La nostra recensione di fratelli

ESCURSIONI MENO CONSIGLIATE

adamo nero

Durata: 2h05

Di cosa si tratta : Dwayne Johnson sta cercando di essere un antieroe per la DC.

Perché non lo consigliamo: Per farti risparmiare due ore del tuo tempo. Come ci si potrebbe aspettare, adamo nero segue lo stesso schema sbiadito e sbiadito dei blockbuster del genere con un Dwayne Johnson che si destreggia tra due espressioni facciali, personaggi senza caratterizzazione (o reale importanza), cameo bruciati durante la promozione, un nuovo grande cattivo e aneddotico, un nuovo paese immaginario, un nuovo sassolino magico e una nuova scena post-crediti (oltre alla cosa più importante da ricordare).

La nota widescreen: 2/5

La nostra recensione di adamo nero

IL NUOVO GIOCATTOLO

Durata: 1h52

Di cosa si tratta : James Huth, Jamel Debbouze e Daniel Auteuil cercano di fare un remake di Pierre Richard

Perché non lo consigliamo: Perché è il tipico esempio del remake che non riesce a capire il suo materiale di partenza al punto da contraddire la sostanza stessa del materiale di partenza. Per il resto, la fotografia controllata ei grandi mezzi non riescono a compensare una pigra modernizzazione, un aplomb sprezzante per il pubblico e un certo imbarazzante servilismo politico. Quando l’opera originale sembra più contemporanea e attuale 45 anni dopo il suo “aggiornamento”, si può parlare di fallimento. Per non parlare del fatto che è a malapena divertente.

La nota widescreen: 1,5/5

La nostra recensione di Nuovo giocattolo

L’USCITA FREDDA

Millennio Mambo

Durata: 1h45

Mambo numero 5

Di cosa si tratta : Vicky, divisa tra due uomini, con il suo fidanzato possessivo DJ da una parte e il suo amico mafioso dall’altra.

Perché devi (ri)guardarlo: Perché devi solo ripensare ai primi due minuti del film per ricordartelo Millennio Mambo è un piccolo killer sensoriale. Le luci al neon, il rallentatore, la musica di Yoshihiro Hanno e Giong Lim, Shu Qi che cammina da dietro e la sua voce fuori campo… è una bolla magica e indimenticabile, che racchiude perfettamente il cinema di Hou Hsiao-hsien.

La città dei dolori, Il burattinaio, Fiori di Shanghai, Tre volte, L’assassino… imperdibile il regista taiwanese, e la riedizione di Millennio Mambo al cinema è l’occasione ideale per (ri)scoprire il suo cinema. Filmando le notti urbane, seguendo la sua attrice preferita Shu Qi (la ritroverà due volte dopo) e sposando le peregrinazioni sentimentali della sua eroina fluttuante, firma uno dei suoi film più belli. E uno dei migliori accessi al suo universo.

La nota widescreen: 3,5/5

Lascia un commento