fbpx

Uragano: flotta critica

L’uragano è stasera alle 21:05 su 6ter.

Per coloro che non assaporano né le acrobazie digitali dei supereroi, né le valvole dell’olio di palma dei comici francesi, l’epoca ha tutto come una sbornia cinematografica. Pertanto, quando un regista ha rotto con le buffonate del passato (Rob Cohen: luce del giorno con Sylvester Stallone, Fast & Furious, xXx) torna da noi con Uraganoun misto di pellicola di rottura e disastro termoclimatico, vogliamo dimenare gravemente la retina.

PIOGGIA DI FERRO

Sfortunatamente, Rob Cohen potrebbe avere dei bei successi al suo attivo (luce del giorno) e ha avviato franchise succosi come xXx Dove Fast & Furious, non possiamo dire che la sottigliezza sia la sua prima qualità, salvo considerare una torta con creatina e bile di bue come un traguardo gastronomico. Tuttavia, il suo Uragano richiedeva una grande raffinatezza.

Perché non basta mettere insieme un tono improbabile, attori poco freschi (Toby Kebbell, Maggie Grace, Ryan Kwanten) e due o tre concetti muscolosi per resuscitare il cinema di intrattenimento disinibito anni 90. Capiamo cosa avrà allettato i produttori della cosa, e la sua promessa di rompere tutto durante una rapina in autostrada avvenuta nel mezzo di una tempesta apocalittica: l’idea di ibridare Tortore, pioggia d’inferno e tutto ciò che il cinema conta di rapine schifose che sono gioiosamente regressive. Ma per raggiungere questo obiettivo è necessario dosare accuratamente ogni elemento di questa curiosa ricetta, cosa che Rob Cohen si dimostra incapace di fare.

Effetti speciali molto belli

LA BORSA O LA PIOGGIA

Non abbiamo chiesto la luna Uragano, ma il film alla fine è solo una pietosa rapa che vorrebbe passare per un nanar. Li riconosciamo, queste repliche basse della fronte, queste battute rilasciate con un cipiglio; ma la sceneggiatura non va mai abbastanza lontano, i dialoghi non si concedono mai abbastanza devianze, superare la mediocrità standardizzata.

Leggi  'Stranger Things 4': l'inquietante avvertimento dei creatori sul volume 2

Lo stesso vale per gli effetti speciali. Quando l’immagine non è appesantita da una fotografia nientemeno che disgustosa, più blanda di una giornata senza pane, gli effetti speciali rivelano crudamente la loro abissale nullità. Nessuna fisicità, non la minima illusione di pericolo: questa panouille digitale non è degna di un filmato GTA prima del nome. Un’incompetenza tecnica su cui passeremmo rapidamente, se Rob Cohen mostrasse la creatività fotocamera in mano. Purtroppo, il suo taglio dell’azione è amorfo, sistematica mancanza di inventiva, preferisce persino nascondere il suo dispiegamento sotto trombe drammaticamente brutte.

Foto Maggie GraceMaggie Grace, non vedo l’ora che finisca

Infine, gli attori ci offrono un inno all’esaurimento nervoso di una morbidezza infinita. Saremmo quasi travolti dalla trasparenza di Toby Kebbell, che ha ovviamente rinunciato all’idea di fare qualsiasi cosa con il suo talento, Ryan Kwanten (rivelato da Sangue vero) non fa nemmeno più finta di capire quello che sta dicendo, mentre Maggie Grace è entusiasta del suo personaggio come lo è di una sessione di disegno dei capelli nella mensa di un obitorio moldavo (e la capiamo). Unica soddisfazione in questa tempesta di nullità: Rob Cohen ha la decenza di impacchettare il tutto in appena 1 ora e 40 minuti.

Locandina

Lascia un commento