fbpx

Un commerciante può rifiutarsi di stampare una ricevuta a un cliente?

Forse non lo sai ancora, ma presto non sarà più obbligatorio rilasciare una ricevuta a un consumatore dopo il suo atto di acquisto. Sarà addirittura vietato stamparli automaticamente. Queste sono molte abitudini da cui dovrai staccarti. Ma è una buona notizia per la nostra salute, oltre che per il pianeta. Non necessariamente ci pensiamo, ma questi pezzetti di carta sono dannosi e pericolosi.

La nuova legge, in vigore in primavera

Inizialmente previsto per il 1° gennaio 2023, questi regolamenti entreranno finalmente in vigore tre mesi dopo, il 1° aprile. E non è un brutto scherzo!

La sua applicazione è stata rinviata per consentire alle imprese di adattarsi, e di mettersi in campo per affrontare questo importante cambiamento.

Se sei un commerciante, ne distribuisci centinaia al giorno. Anche i consumatori ottengono molto e spesso finiscono nella spazzatura prima ancora di essere guardati. Questi famosi scontrini presto non faranno più parte della nostra quotidianità. Non è peggio. Anzi, sospettiamo che inquinino e che sia uno spreco.

Ma quello che non sappiamo davvero è che sono 30 miliardi all’anno. Si tratta di un numero totalmente spropositato che consentirà un grande risparmio di carta. Ciò di cui non siamo nemmeno consapevoli è che sono pericolosi per la nostra salute. Queste ricevute, che servono come prova d’acquisto e ci consentono di verificare che non ci siano stati errori al momento del pagamento, contengono interferenti endocrini. Questi possono danneggiare notevolmente la nostra salute. Rimuovendoli si elimina questo pericolo.

I biglietti interessati così come le eccezioni

Ora che sai perché esiste questo nuovo regolamento, parleremo con te zone colpite, ed eccezioni da considerare.

Riguardano :

  • Biglietti con carta di credito emessi da luoghi aperti al pubblico, come musei e altre attività, e quelli delle aree di vendita.
  • Quelli stampati dagli automi
  • Buoni stampati e sconti
Leggi  Quale recinzione rigida da giardino installare per essere sicuri?

Sono esclusi:

  • Prova di acquisto di beni “durevoli”, dove è menzionata la durata legale della garanzia di conformità. Pensiamo ad esempio agli elettrodomestici o ai telefoni. Puoi trovare l’elenco di tutti gli oggetti nel Codice del Consumo.
  • Biglietti con carta di credito quando sono soggetti ad accredito, rifiuto o cancellazione
  • Quelli emessi dagli automi necessari per recuperare un prodotto o beneficiare di un servizio.
  • Documenti di fatturazione, emessi da uno strumento per pesare

Quindi non sorprenderti se a volte ti ritroverai con una ricevuta!

Un commerciante può rifiutarsi di stampare una ricevuta a un cliente?

Questa è una domanda che viene facilmente in mente. Il venditore può rifiutare la prova d’acquisto al consumatore? La risposta è no. Tuttavia, il cliente esercita pienamente il diritto di richiedere una ricevuta al commerciante, se la sua richiesta è espressamente formulata. Sarai quindi in colpa, come commerciante, se rifiuti questa richiesta.

Inoltre, il commercio è tenuto a informare questi clienti delle nuove normative. Questa le informazioni devono essere leggibili e comprensibilitramite un poster alla cassa, dove avviene il processo di acquisto.

Infine, puoi trovare nuove soluzioni per dare questi biglietti se lavori in un commercio. Ad esempio, con a registratore di cassa topordercreare file clienti e inviare informazioni di acquisto direttamente tramite SMS o e-mail.

Lascia un commento