fbpx

un artista degli effetti speciali si sofferma sul suo lavoro infernale con lo studio

In una testimonianza anonima, un artista di effetti visivi ha riferito della propria esperienza con la Marvel, e non è proprio carina.

Nuovo giorno, nuove accuse contro la Marvel. Ormai da diversi anni, il famoso studio è stato regolarmente criticato non necessariamente fornire ai propri dipendenti un ambiente di lavoro ideale. Accusata di razzismo da Anthony Mackie (alias, il Falcon), o di maltrattare gli autori di fumetti da cui dipendono le loro produzioni, la Marvel non sembra essere pienamente apprezzata dai suoi vari dipendenti.

Più recentemente, sono stati gli specialisti responsabili degli effetti speciali a lanciare un enorme sfogo contro l’MCU tramite la piattaforma. Reddit. Superato con le modalità dello studio, quest’ultimo così denunciato condizioni estenuanti, un continuo sovraccarico di lavoro, nonché scadenze sempre più difficili da rispettare. Un’insoddisfazione generale le cui prime testimonianze sembrano ora avere un effetto valanga.

Kevin Feige affronta gli artisti degli effetti visivi

ambiente di lavoro meno salubre rispetto all’esercito di thanos

Mentre l’ex artista degli effetti visivi Dhruv Govil (che ha collaborato in particolare a Guardiani della Galassia e Spider-Man: ritorno a casa) ha riferito all’inizio di luglio che la sua esperienza con la Marvel lo aveva spinto a lasciare l’industria, anche un nuovo artista degli effetti speciali ha deciso di cogliere l’occasione per descrivere, per mezzo di una testimonianza anonima rilasciata da vulnerabilità, uno sfondo non invidiabile:

“È risaputo nel settore che lavorare per la Marvel è particolarmente difficile. Quando lavoravo a un film, facevo quasi sei ore di straordinario ogni giorno. Lavoravo sette giorni su sette per una media di 64 ore a settimana. . . ed è stato allora che stava andando bene. La Marvel ci fa lavorare come muli. Alcuni dei miei colleghi venivano e si sedevano accanto a me e iniziavano a piangere istericamente, mentre altri facevano i capricci. ansia al telefono. “

L’artista ha continuato descrivendo l’importanza dello studio per l’industria degli effetti digitali. Infatti, con un ritmo di distribuzione sempre più sostenuto man mano che le Fasi si susseguono e l’universo cinematografico continua ad espandersi (a maggior ragione con l’arrivo della serie nell’equazione), Marvel si è rapidamente posizionata come un client VFX indispensabile.

Avengers: Infinity War: foto, Josh BrolinUnica nota positiva: niente VFX, niente Thanos

scadenze insostenibili

Uno degli altri problemi principali con la testimonianza è gestione degli effetti speciali dallo studio. La Marvel è infatti nota in tutta l’industria cinematografica per aver richiesto molti cambiamenti durante il processo di creazione degli effetti digitali, e questi cambiamenti, secondo l’artista, sarebbero tutt’altro che minori. Accadrebbe, ad esempio, che un mese o due prima che il film uscisse nelle sale, la Marvel ordinasse agli artisti di ridisegnare l’intero terzo atto:

“Il problema viene dall’MCU stesso: ci sono troppi film. Lo studio fissa le date di uscita e, una volta fissate, non si spostano. Sono inflessibili. Eppure, la Marvel non ha scrupoli a ordinare ripetizioni e modifiche considerevoli mentre le date di uscita del film si avvicinano pericolosamente. […]. Ma questo è tutt’altro che nuovo.

Vedova Nera: foto, Florence PughAh, la “magia” del green screen

Ricordo che una volta sono andato a fare una presentazione visiva per uno dei primi film Marvel in uno degli studi di effetti visivi, e le persone lì stavano già segnalando che si sentivano come se fossero fottuti dai pixel. È una frase che usiamo nel settore per descrivere i clienti che curano il minimo dettaglio. […]

Un cliente può dire “Non è esattamente quello che voglio”, quindi ovviamente continuiamo a lavorarci. Ma non sanno mai cosa vogliono. Allora brancolano: “Puoi provare questo? O questo?”. E ci troviamo a dover cambiare un intero set, un intero ambiente, in una fase molto avanzata dell’avanzamento del film. »

Cavaliere della Luna: fotoLa serie Moon Knight, un’altra bella rappresentazione del lavoro affrettato

una produzione non sufficientemente preparata

A corto di tempo, eccessivamente sovraccarico e molto regolarmente a corto di personale, gli artisti responsabili degli effetti digitali sembrano inoltre impegnati non solo a sopperire alla mancanza di pre-produzione prima delle riprese, ma anche alla mancanza di esperienza dei cineasti reclutati dalla Marvel. E secondo l’artista, l’assenza di un direttore della fotografia durante la post-produzione non aiuta:

Leggi  Qual è il segreto delle Terre del Sud? Mordor?

“Fini per dover inventare determinate inquadrature, e questo causa molti problemi di continuità durante l’intero filmato. Un esempio delle conseguenze di questo tipo di situazione può essere visto nella sequenza della battaglia finale in Black Panther. leggi della fisica sono stati presi in giro lì.

All’improvviso, i personaggi iniziano a saltare dappertutto, facendo un sacco di gesti spettacolari, come se fosse una battaglia in miniatura nello spazio. E poi la telecamera esegue movimenti che non sono mai stati eseguiti in nessun altro momento del film. […] E rompe il linguaggio visivo”.

Pantera Nera: fotoScena del film o concept art?

In effetti, gli effetti visivi sempre più brutti e incompleti delle recenti produzioni Marvel non sono solo responsabilità dei gestori degli effetti visivi, ma a tutta la filiera. Insostenibile a lungo termine, la situazione merita quindi che la Marvel ripensi i suoi metodi, prepari meglio i suoi registi all’uso degli effetti digitali e smetta di riscrivere i filmati durante le riprese, o anche in sala di montaggio.

Per quanto riguarda gli artisti degli effetti speciali, ora si tratterebbe di sindacalizzare gli studi VFX per proteggere le manine che ci lavorano attraverso contratti collettivi. Senza organizzazione sindacale, infatti, gli artisti sono più facilmente oggetto di sfruttamento senza che venga necessariamente garantito un salario adeguato.

Il fatto è concludere che, come accenna l’artista nella sua testimonianza, i problemi da lui accennati si possono riscontrare anche in altre produzioni. Ma ciononostante fa notare che ci sono altre aziende del settore che richiedono meno straordinari e offrono condizioni di lavoro generalmente più sane. Essendo Marvel comunque preponderante in termini di richieste, gli studios si concedono di più gioca sul loro status per piegare le case degli effetti speciali ai loro minimi desideri.

Lascia un commento