fbpx

tutto quello che sappiamo su ‘Babylon’, il viaggio di Damian Chazelle nella classica Hollywood

Damien Chazelle intraprende un viaggio nella brutale Hollywood degli anni ’20, con Brad Pitt e Tobey Maguire, nel loro ritorno al cinema. Il dramma in costume arriverà in Spagna il 20 gennaio, un mese dopo rispetto agli Stati Uniti.

di cosa si tratta

Damien Chazelle viaggia alle origini di Hollywood per raccontare come l’industria sia passata dal cinema muto a quello sonoro attraverso la storia di una star che non è in grado di adattarsi ai nuovi tempi.

cosa sappiamo di lei

La storia si svolge nella Hollywood pre-Hays Code, durante il passaggio dell’industria cinematografica dal muto al sonoro. Questa era di Hollywood era famosa non solo per le sue feste leggendarie e il comportamento sfrenato, ma anche per il suo contenuto cinematografico trasgressivo.

Chazelle ha detto a Vanity Fair con cui voleva riflettere Babilonia la crescita esponenziale di Los Angeles in quel momento. “Tutto cambia sotto i piedi dei personaggi, e sono rimasto particolarmente affascinato dal costo umano di una rottura di questa portata in un momento in cui non c’era una tabella di marcia, quando tutto era nuovo e folle”.

Babilonia prometti di esserlo la versione più sfrenata del cinema di Damian Chazelle quello che abbiamo visto finora. “Era un palcoscenico come il selvaggio West per queste persone, per tutto questo repertorio di personaggi che si alzano la cui fortuna migliora e peggiora continuamente”, ha detto all’intestazione americana. È anche il più grande film della sua carriera. “È stata senza dubbio la cosa più difficile che abbia mai fatto.. La logistica, il numero di personaggi, la scala delle ambientazioni, la durata del film… è tutto cospirato per renderlo particolarmente difficile, ma è stata una sfida molto eccitante”.

[Rumbo a los Oscar: todo lo que sabemos de ‘The Fabelmans’, la película sobre la vida de Steven Spielberg]

cast e troupe

Brad Pitt (vincitore di 2 Oscar, come produttore e come attore) e Margot Robbie (nominata due volte) si incontrano di nuovo dopo c’era una volta a hollywood. Babilonia conferma il ritorno del semiscomparso Tobey Maguirelontano dal cinema dal 2014 fino alla sua riparazione lo scorso Natale in Spider-Man: Non c’è modo di tornare a casa.

Appaiono anche nel film Katherine Waterston (vizio intrinseco) Olivia Wilde (recidiva in questa carriera grazie al suo secondo film da regista, Non preoccuparti caro), Max Minghella (Il racconto dell’ancella), Tessitura Samara (Notte di nozze), Eric Roberts (candidato all’Oscar per il treno dall’inferno), Lukas Haas (unico testimone) e Jovan Adepo (recinzioni), tra gli altri.

Leggi  La serie "biopic" dell'attore porno Nacho Vidal ha già una data di uscita su Lionsgate +

Damien Chazelle si affida ancora una volta ai suoi abituali collaboratori: il produttore Marc Platt, il montatore Tom Cross, il musicista Justin Hurwitz e il direttore della fotografia Linus Sandgren. Gli ultimi tre hanno la statuetta d’oro a casa per un film di Chazelle.

Quando, come apre e debutta ai festival

La Paramount distribuirà il film negli Stati Uniti il ​​25 dicembre. Arriverà in Spagna il 20 gennaio.

Il suo precedente passaggio attraverso i festival non è previsto.

Sfondo sugli Oscar

Damian Chazelle ha vinto l’Oscar come miglior regista per La La Terrail film che per pochi minuti è stato nominato il migliore del 2016 fino a quando è diventato chiaro che il vero vincitore era stato al chiaro di luna. Il regista è stato anche nominato sceneggiatore per il musical e per colpo di frusta. Il suo lavoro precedente, Primo uomoè stato relegato nelle categorie tecniche degli Oscar.

Curiosità su Babilonia

  • Emma Stone è stata scelta per interpretare il ruolo da protagonista, ispirandosi alla figura reale di Clara Bow, ma ha dovuto abbandonare il progetto a causa di problemi di programmazione causati dai ritardi dovuti al coronavirus.
  • Il film è stato paragonato a Il lupo di Wall Streetdi Martin Scorsese, Y Satyricondi Federico Fellini. Chazelle ha detto che un’altra delle sue influenze per la sceneggiatura è stata la serie Babilonia Berlino.
  • Nel novembre 2019, la California Film Commission ha assegnato al progetto un’agevolazione fiscale di 17,5 milioni di dollari per le riprese del film drammatico nello stato della California.
  • Babilonia È il terzo film condiviso da Brad Pitt e Margot Robbie. In c’era una volta a hollywood Y la grande scommessa non avevano scene insieme.
  • Le voci dicono (nessuno l’ha ancora visto) che la scena iniziale duri 30 minuti.

Trailer e foto del film


Oscar 2022

Lascia un commento