fbpx

“Tutto è iniziato con una telefonata di un amico”

Dietro le illustrazioni che compaiono nella serie Netflix del momento, la ragazza delle nevic’è la mano di l’illustratrice valenciana Ana Zuritache, oltre a fornire i suoi disegni, ha consigliato l’attore Raúl Prieto, che interpreta un fumettista, su cosa sia la catarsi vissuta durante la creazione di un’opera.

Dopo due decenni come illustratrice professionista, la comparsa dei suoi disegni nella serie televisiva interpretata da Milena Smith e José Coronado ha dato visibilità al suo lavoro, che spiega a EFE vive con “orgoglio personale”ma significa anche “valorizzare” una professione in cui quando ha iniziato nel 2004 ha dovuto spiegare in cosa consisteva.

Nello studio di Zurita (Valencia, 1976) sono nate quasi tutte le tavole che in questa produzione audiovisiva. decorare la casa dei genitori della ragazza scomparsa attorno alla quale ruota la tramacosì come la copertina della storia che suo padre crea nella serie, con la bambina in impermeabile giallo e maschera da coniglio.

Tutto è iniziato con una telefonata

E come sono finiti i disegni di Zurita in una serie Netflix? Beh, “un po’ per fortuna e un po’ incontrando la persona giusta”spiega ricordando che circa un anno fa ha ricevuto una telefonata da un amico che ha un’azienda di oggetti di scena e lavora per il cinema, che le ha detto che aveva bisogno del lavoro di illustratore.

E come gli amici, non devi dire di nosenza sapere cosa fosse o altro, gli ho detto che ne valeva la pena”, racconta con una risata l’illustratrice valenciana, che all’epoca ignorava la portata del progetto: non sapeva che si trattava di una serie per Netflix , né che fosse un adattamento di un best seller di Javier Castillo, né quale fosse il cast.

[Milena Smit, la actriz más cuestionada de ‘La chica de nieve’: el encendido debate en redes]


Oltre a contribuire con i suoi disegni, ha consigliato l’attore Raúl Prieto.

EFE

La prima cosa che gli ha detto è che uno dei ruoli era quello di un fumettista, Álvaro (interpretato da Raúl Prieto), e avevano bisogno di sapere com’è lo studio di un illustratore, quindi gli ha inviato le sue foto. Poi Ha chiesto delle illustrazioni per decorare l’angolo di lavoro e la casa di questo personaggio sul set, per le quali gli ha inviato 30 fogli.

La prossima cosa che sapeva è che questo audiovisivo era basato sul romanzo la ragazza delle nevi -che non aveva ancora letto ed è corso a cercarlo- e che nella serie, per affrontare il lutto per la scomparsa della figlia, il fumettista illustra una storia, di cui hanno chiesto a Zurita di creare la copertina.

La sequenza in cui il padre crea quell’immagine è la preferita dell’illustratrice, che ha parlato in videoconferenza con l’attore -che a suo dire è “abbastanza fluente” nel disegno- per spiegare come si vive un momento come questo: “Improvvisamente l’idea ti viene e il tuo modo di disegnare deve cambiare, essere più energico”. E crede che sia così che l’ha riflesso.

Una palla di neve

Zurita, che oltre a lavorare sui libri di testo ha illustrato trenta racconti, alcuni dei quali pubblicati negli Stati Uniti, in Francia o addirittura in Giordania, confessa che la sua prima incursione nel mondo dell’audiovisivo “È stata come una specie di palla di neve” che è cresciuta e vive ancora con “incredulità”.

Poter contattare il regista della serie, con uno degli sceneggiatori e anche con l’autore del libro è stato un modo per vedersi “immersa” nel processo, anche se “di traverso”, e ne è grata una società di produzione spagnola ha pensato a un illustratore spagnolo.

Ammette che pensando che, ad esempio, in Argentina, uno dei paesi in cui la serie è stata la numero uno in termini di ascolti, qualcuno potrebbe guardare il suo lavoro non perché compra i libri che illustra, ma perché sta guardando “la serie di moda” e vi compare il suo lavoro, la cosa la lascia “un po’ sbalordita”.

Zurita assicura che molte persone gli hanno scritto per dirgli di aver riconosciuto le sue illustrazioni guardando la serie e afferma che, da appassionato di cinema, mi piacerebbe continuare a partecipare alle seriesebbene sia “complicata”, poiché la sua è una professione “molto limitata”, e ancor più nel suo caso, poiché è specializzata nel campo dei bambini

Archiviato in Illustratori, José Coronado García, Netflix, Valencia

Leggi  Quale data e ora di rilascio?

Lascia un commento