fbpx

Tutto ciò che devi ricordare prima della premiere della sesta stagione

Gli amanti delle buone serie festeggiano con il ritorno di La buona battaglia. La serie più politica degli avvocati in televisione torna su Movistar Plus+ per chiudere i suoi complotti con un sesta e ultima stagione in cui si prepara una guerra civile.

Dalla sua prima nel 2017, la serie nata dal matrimonio formato da Robert e Michelle King ha interpretato meglio di ogni altra la realtà socio-culturale e il clima politico degli Stati Uniti, ritraendo il argomenti più caldi nei titoli e sempre incollati alle notizie. Da Trump a MeToo, il dibattito sulle donne trans negli sport professionistici, il conflitto razziale o la pandemia, lo spin-off e il seguito di La buona moglie Non ha dato punto senza filo e lo ha fatto senza mai perdere il senso dell’umorismo.

In preparazione per questo tanto atteso ritorno che culminerà il viaggio di Diane Lockhart e dei suoi colleghi presso il nuovo Reddick Ri’chard & Associates, esaminiamo il novità che questa sesta stagione ci porterà e ricordiamo dove abbiamo lasciato i suoi protagonisti l’ultima volta che li abbiamo visti.

[Por qué ‘The Good Fight’ es la serie que mejor entiende el mundo actual]

Da dove ci eravamo lasciati alla fine della quinta stagione

Il popolare esperimento di corte del giudice Wackner si è rivelato così così.

STR Laurie, la società internazionale che ha acquistato Reddick, Boseman & Lockhart si è presentata di sorpresa negli uffici in attesa della relazione trimestrale, mentre Diane, Marissa, Carmen e Liz correvano di tribunale in tribunale cercando di convincere Óscar Rivi e Plum Meadow a firmare l’accordo che consentirebbe loro di fissare i numeri con l’entrata di un nuovo contratto. Alla fine ci sono riusciti, superando, come di consueto, i limiti di alcune considerazioni etiche, in questo caso l’origine del denaro di Rivi.

Per quanto riguarda Liz e Diane, alla fine sono riuscite a appianare gli spigoli tra di loro dopo che l’idea iniziale di formare un’azienda guidata da donne è stata interrotta dalle implicazioni che Diane, che ha alcuni clienti con tendenze razzisteera partner di uno studio fondato da avvocati afroamericani.

Sebbene la prima soluzione proposta da Diane fosse abbastanza problematica nella sua concezione, poiché consisteva sostanzialmente nella segregazione degli uffici, finalmente deciso di rinunciare a questa possibilità e ha accettato di continuare come associata, cedendo la sua posizione ad Allegra (ma è stato confermato che Wanda Skye non sarà nella nuova stagione), e poco prima di partire per la sua tanto attesa vacanza.

Infine, l’esperimento Tribunale del popolo di Wackner (e il prodotto di intrattenimento in streaming) si è conclusa in una rivolta con echi dell’assalto al Campidoglio il 6 gennaio 2021. Ha anche portato a un terrificante schermo diviso che ha mostrato come questi tribunali di vigilanza si sono diffusi in tutto il paese difendere l’indifendibile. Questa è una delle fiamme che accenderà la guerra civile della nuova puntata.

Leggi  Spiegazione della fine!

[Sarah Steele: “La clave del éxito de las series de los King es que escriben pensando en sus actores”]

Cosa possiamo aspettarci dalla sesta stagione

Rimorchio ‘Il Buon Combattimento’ | Stagione 6 | Movistar Plus+

Diane si sente intrappolata in un continuo déjà vu, con la sensazione di tornare più e più volte fino al punto di partenza di sei anni fa (2016, l’elezione di Donald Trump), che la porterà ad affrontare situazioni surreali.

Tra minacce di una nuova Guerra Fredda, libertà di scelta sotto scacco e diritto di voto diminuito, gli avvocati di Reddick & Asociados si chiedono se la violenza che li circonda stia puntando a una guerra civile imminente. Come ha rivelato Michelle King in un’intervista a Entertainment Weekly, il concetto di guerra civile sarà più che metaforico in questa puntata.

Andre Brauguer, John Slattery e Alan Cumming si uniscono alla sesta stagione di

Andre Brauguer, John Slattery e Alan Cumming si uniscono alla sesta stagione di “The Good Fight”

Oltre al solito cast, in quest’ultima stagione vedremo ancora una volta Carrie Preston dare vita al memorabile Elisabetta Tascioni. Anche Alan Cumming ritorna come Eli Oroil padre di Marissa e il miglior avvocato di gestione delle crisi, che non abbiamo più visto da allora La buona moglie.

Come novità nella distribuzione, è incorporato Andrea Braugher (Brooklyn nove-nove) nel ruolo di Ri’Chard Lane, un avvocato egocentrico che diventerà il nuovo partner dello studio su suggerimento di SRT Laurie. Y John Slattery (Uomini pazzi), che interpreterà Lyle Bettencourt, una dottoressa che segue terapie alternative che aiuterà Diane a superare i suoi momenti di crisi.

La sesta stagione di “The Good Fight” debutterà l’8 settembre alle 22:00 su Movistar Series.

Lascia un commento