fbpx

trailer di un thriller contorto che correremo a vedere in ottobre

L’origine del male, il nuovo thriller di Sébastien Marnier con Laure Calamy e Jacques Weber, si è rivelato in un primo trailer… contrastante.

La famiglia è complicata. E non è sicuramente il cinemaun inesauribile esploratore di colpi di scena familiari, che si lamenterà. Che si tratti degli incontri difficili descritti nel Festa di Thomas Vinterberg, le disfunzioni madre-figlio sondate dall’intera filmografia di Xavier Dolan, o più semplicemente i vari capricci della vita osservati in Il primo giorno del resto della tua vita di Rémi Bezançon, i conflitti relativi ai legami di sangue sono molteplici e il cinema non esita a attribuirli tutti al posto d’onore.

Sébastien Marnier ha deciso di rendere questo eterno tema caldo il cuore del suo prossimo lungometraggio. Quattro anni dopo la sua agonia Tempo di uscitail regista e sceneggiatore torna quindi a investire nei cinema con L’origine del maleun tuffo negli orrori di una famiglia più sinistra di quanto sembri.

L’origine del male racconterà quindi la storia di Stéphane (Laure Calamy), una donna di modeste origini che è andata a incontrare il suo padre biologico (Jacques Weber). Nelle grotte di una lussuosa villa in riva al mare, quest’ultimo si confronterà con una famiglia tanto ricca quanto sinistra. Preso tra una moglie lugubre, una sorellastra eccessivamente amichevole, un’adolescente ingrata e un servitore inquietante, Stéphane dovrà confrontarsi con il peso sospetti, bugie e malvagità sempre crescente.

Un male che contagia anche l’intero trailer del film. Ogni personaggio, con la possibile eccezione di quello di Laure Calamy, sembra nascondere una parte della verità che l’eroina non è invitata a conoscere. L’atmosfera soffocante, saturo di artifici, inganni e altri affettuosi simulacri, si chiude così a poco a poco intorno a Stéphane.

Leggi  Matthew Perry riconosce per la prima volta quanto fosse vicino alla morte a causa delle sue dipendenze

L'origine del male: foto, Laure CalamyBello, l’arredamento

Recentemente vincitrice del César come migliore attrice per la sua interpretazione nel film di Caroline Vignal, Antonietta nelle CévennesLaure Calamy sembra aver trovato, sotto l’egida di Stéphane Marnier, un ruolo potente e ricco di sfumature. Davanti a lei ci saranno dunque Jacques Weber, e Céleste Brunnquell, Doria Tillier, Dominique Blanc, o anche Suzanne Clément.

Quali segreti nasconde davvero Serge? Perché la sua famiglia sembra risentirsi di lui al punto da sbarazzarsi di lui? Per scoprirlo, si tratterà di aspettare fino all’uscita del filmato, che occuperà i cinema il 5 ottobre. Il tempo per (ri)scoprire ormai la filmografia di Sébastien Marnier (Impeccabilee Tempo di uscita).

Lascia un commento