fbpx

‘The Last of Us’ 1×03, l’amore ai tempi dei funghi in un capitolo per la storia della televisione

Il terzo episodio di L’ultimo di noi Ha tutto per essere la storia della televisione. Per l’emozionalità della sua storia, per il messaggio di base che si adatta all’opera che la racchiude, per il suo coraggio quando si tratta di deviare dal gioco che adatta e, soprattutto per i suoi personaggi: Bill (Nick Offerman) e Frank (Murray Bartlett) prendono temporaneamente il posto di Joel ed Ellie come protagonisti.

Il contrabbandiere e il giovane immune hanno, sì, i loro momenti di gloria. All’inizio e alla fine del capitolo, fare il pane in un panino il cui sapore è dato dai due nuovi personaggi. Sono quelli che fanno funzionare questo episodio anche per coloro a cui non piace la serie.

Joel ed Ellie, già circondati da una natura che non ha nulla a che fare con il grigio della zona di quarantena di Boston, stanno ancora facendo i conti con la morte di Tess. È costretto a prendersi cura di lei mentre lei cerca di essere utile. e continua a offrirsi volontario per portare un’arma o cercare rifornimenti.

Panino di Joel ed Ellie

L’audacia della ragazza la porta a fare irruzione in uno scantinato dove non è troppo timida all’idea di ritrovarsi con una persona infetta intrappolata tra le macerie. Il suo aspetto mostra che la violenza non è troppo sgradevole per lui, qualcosa che era già evidente con la sua reazione nel primo episodio quando Joel ha schiacciato un soldato.

In quel preciso momento si potevano apprezzare i traumi del suo nuovo protettore. Si tratta di qualcuno riluttante a parlare del suo passato. Qualcosa che si scontra con la fiducia in se stessa di Ellie, che le lancia domande su domande. In una delle loro conversazioni confermano come vera la teoria della farina su come il Cordyceps sia passato agli umani.

[El creador de ‘The Last of Us’: “Si el género zombi se trata adecuadamente puede abordar problemas sociales”]

E una delle risposte del contrabbandiere spicca su tutte le altre. Guardando un mucchio di cadaveri umani, Ellie si chiede perché li abbiano uccisi se i Cordyceps non li avevano trasformati. “I morti non si infettano”risponde, in una risposta che potrebbe benissimo essere la dichiarazione di vari politici durante la pandemia di coronavirus.

È allora che la serie mette i due protagonisti davanti a uno specchio. Bill e Frank appaiono nel riflesso. Il primo, sospettoso e cospiratore, non vuole sapere nulla del resto del mondo. La seconda, nonostante tutto quello che è successo nel mondo, continua a scommettere sull’amore.

16 anni di romanticismo

Quando il Cordyceps iniziò a infettare gli umani, Bill si nascose nel suo bunker, volendo stare con la gente di Lincoln tutto per sé. E come mostra questo personaggio solitario, sa come badare a se stesso. Conto, sì, con una buona manciata di armi che stava collezionando. Nel caso in cui.

Con le risorse del territorio a sua disposizione, prepara trappole in giro in modo che né infetti né esseri umani ti disturbino. Non è preoccupato di vivere da solo per quattro anni. Date le sue capacità, anche a livello pragmatico non ha bisogno di nessuno.

Gli attori di Bill e Frank in The Last of Us: “Il modo migliore per onorare la diversità è dimenticarla”

A livello emotivo è un’altra cosa. Questo viene mostrato quando Frank cade nella sua tana. Bill finisce per liberarlo da quella trappola e alla fine è lui a innamorarsi del suo fascino. Ti invita a fare la doccia a casa sua, a mangiare e qualunque cosa succeda. Nel mezzo, un momento toccante con i due che suonano il pianoforte Tanto tanto tempola canzone di Linda Ronstadt che dà il nome e un certo filo conduttore all’episodio.

A poco a poco, Frank inizia a trovare un posto per sé nel cuore di Bill. così fino a quando condividere una vita insieme. Con le loro discussioni, con i loro momenti romantici a raccogliere fragole e non riuscire a contenere la felicità di riassaggiarle tanti anni dopo. La loro storia d’amore porta anche a doppi appuntamenti con Joel e Tess, una coppia di contrabbandieri che diventano i loro nuovi amici.

Leggi  Quale data e ora di rilascio?

[Crítica: ‘The Last of Us’, una adaptación a la altura que muestra los contrastes y las dos caras del ser humano]

La sua vita è mostrata dal regista Peter Hoar in a modo intimo e dolce ma senza essere stucchevole. La sceneggiatura, di Craig Mazin, co-creatore della serie, ha scene commoventi da ricordare. Una delle frasi più potenti e significative è detta da Bill al suo partner: “Non ho mai avuto paura prima che tu apparissi”.

Niente male per una storia presa dalla manica, a partire dal fatto che nel videogioco che adatta la serie, Frank sembrava solo un cadavere appeso a una corda. Il “partner” di Bill, come lo chiama lui, si è impiccato dopo essere stato morso da un infetto per evitare di voltarsi. Nella commedia originale, lascia a Bill un biglietto in cui spiega che non ce la faceva più e che aveva bisogno di uscire da lì e uscire da quella relazione.

Entrambi i personaggi di Offerman e Bartlett lo sono esposti come persone con una certa vulnerabilità. Vengono scoperti in una storia che mostra la loro evoluzione durante i 16 anni vissuti insieme come coppia.

In quel momento, devono anche affrontare la realtà di quel mondo, in cui vengono attaccati da coloro che cercano le provviste che possiedono. Sopravvivono e finiscono per avvicinarsi. Il ritratto della loro relazione è disegnato con delicatezza e con un fascino accattivante.

Dopo qualche tempo, già in età avanzata, una morte molto più naturale, dovuta a malattia, perseguita Frank. I sintomi lo lasciano debole e Bill non esita a prendersi cura di lui e fare ciò che è necessario per l’amore della sua vita.

La fine della coppia non potrebbe essere più straziante. Frank, stanco del suo dolore, chiede di trascorrere un ultimo giorno insieme. Vuole sposare Bill, cenare e poi morire in pace. E riesce a convincere il suo amante.

[Así nació ‘de improviso’ la serie de ‘The Last of Us’: “Cruzamos la calle y se la presentamos a HBO”]

O almeno, questo è ciò che ti fa pensare Bill. Lui già “soddisfatto” e “vecchio” non vede il senso di vivere da solo, come ha fatto tanti anni fa. Senza Frank, non c’è “scopo” o qualcosa per cui valga la pena esserci. Pertanto, versa nel suo vino la stessa sostanza che ha versato nel bicchiere dell’amante e confessa il cambio di programma. Qualcosa che il tuo partner capisce e considera “romantico” ma non accetta.

Quando Joel ed Ellie arrivano lì, trovano i loro corpi che riposano pacificamente nella camera da letto. Trovano una lettera d’addio che dà a Joel un cambiamento sotto forma di consiglio: “C’è qualcuno che vale la pena salvare e proteggere”.

Tra le mura che hanno assistito a quella vita d’amore, ora i due protagonisti della serie ereditano i loro averi (tra cui l’iconico abbigliamento del videogioco e un veicolo con cui viaggiare). E in quella casa, lo spettatore scopre a cosa si riferiva la canzone degli anni ’80 che suonava nel primo episodio. Era un messaggio in codice di Bill a Joel che diceva addio.

Bill e Frank hanno formato una coppia che, salvando le distanze tra amore romantico e amore fraterno, non è molto diversa da loro, uno dei suoi membri è chiuso in se stesso e l’altro vuole godere di ciò che la vita può ancora offrire. Una contraddizione tra personaggi e un parallelismo tra duetti che si sposa perfettamente con il linguaggio di L’ultimo di noi.

‘The Last of Us’ è disponibile su HBO Max.


Lascia un commento