fbpx

The Boys Stagione 3: L’operazione Charly è davvero esistita?

Scopri cos’è l’Operazione Charly e se è una storia vera a cui The Boys si ispira!

The Boys è disponibile su Amazon Prime Video! Se vuoi sapere se L’operazione Charly è una storia vera, continuare a leggere! Dopo aver rivelato la verità su Victoria Neuman, Hughie ha deciso di tornare nella squadra e aiutare Billy, Marvin e Frenchie a combattere Vought nei loro modi violenti. Billy li portò dove Grace Mallory viveva con Ryan e alla fine le chiese del suo lavoro segreto in Nicaragua nel 1984.

Mallory ne ha parlato con la squadra Operazione Charly, un progetto segreto commissionato da Ronald Reagan. Per combattere il comunismo, Reagan finanziò segretamente i ribelli Contra per combattere i sandinisti sostenuti dalla Russia e per finanziare il progetto; hanno iniziato a vendere armi all’Iran. Ma non si è fermato qui. Scopri chi è Soldier Boy e la sua storia qui.

Per ottenere denaro per acquistare più armi, la CIA ha incaricato Grace Mallory di contrabbandare cocaina, di proprietà dei ribelli di Contra, negli Stati Uniti e quindi ha utilizzato i proventi per la sua operazione segreta. In altre parole, l’amministrazione Reagan seppellì le mani in ogni sorta di sudiciume nella sua lotta contro i rossi. Per acquistare i libri, clicca qui. Altrimenti, per sfruttare il formato Kindle con una prova gratuita di 14 giorni, è qui.

C’era anche una politica non scritta secondo cui ai trafficanti veniva ordinato di vendere cocaina solo nei quartieri delle minoranze al fine di abbattere due nemici con un colpo solo e quindi promuovere il loro programma di supremazia bianca. Ma allora L’operazione Charly esisteva al di fuori di The Boys?

L’operazione Charly è una storia vera al di fuori di The Boys?

Sì, l’operazione Charly è una storia vera! Operazione Charl era un nome in codice per il programma che ha avuto luogo tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80. La sua base risiede nel coinvolgimento dell’America negli sconvolgimenti politici in atto in America centrale e nella crescente minaccia del comunismo nella regione.

Leggi  Nuovi film e serie da guardare su Netflix dal 14 al 20 ottobre

Tutto ebbe inizio nel 1977 con la rivoluzione nicaraguense. Il Fronte di liberazione nazionale sandinista voleva rovesciare la dittatura della famiglia Somoza. Hanno avuto successo nella loro impresa nel 1979, ma i loro legami con l’Unione Sovietica e Cuba preoccupavano gli Stati Uniti. Temevano che la vittoria dei sandinisti avrebbe portato una marea comunista in altre parti dell’America centrale.

In collaborazione con l’Argentina, gli Stati Uniti si organizzarono per addestrare i Contras e rifornirli di armi. Tuttavia, in patria, il governo degli Stati Uniti ha ricevuto un contraccolpo per essersi impegnato in un nuovo conflitto, che temeva sarebbe finito come la guerra del Vietnam.

Come spiega Mallory, i Contras avevano una grande scorta di cocaina, che veniva contrabbandata negli Stati Uniti. La sua distribuzione era limitata alle comunità minoritarie per evitare che i bianchi subissero danni. Il denaro di questa impresa fu poi utilizzato per raccogliere più armi e munizioni per i Contras.

La rivelazione dell’affare Iran-Contra ha suscitato enormi polemiche. North è riuscito a ottenere un’immunità limitata dall’accusa testimoniando davanti al Congresso. Sebbene inizialmente fosse stato condannato per tre reati minori, tutte le accuse contro di lui furono ritirate nel 1991.

Lascia un commento