fbpx

Taika Waititi spiega perché Thor 4 non avrà un taglio da regista

Il direttore di Thor: Amore e tuonoTaika Waititi, spiega perché l’ultimo film Marvel non avrà un taglio da regista.

Questo è tutto, il nuovo film MCU, Thor: Amore e tuono, è appena sbarcato negli Stati Uniti con un clamoroso punteggio di 143 milioni di dollari di entrate nel fine settimana. Un elettrizzante inizio americano per questo Thor 4che conferma ancora una volta Disney e Marvel come i colossi del botteghino globale definitivo degli ultimi anni.

Tuttavia, tra un’accoglienza critica mista e il primo feedback degli spettatori abbastanza diviso, questo nuovo lungometraggio diretto da Taika Waititi non sarà unanime. Altrimenti, possiamo già vedere l’hashtag “Release the Waititi Cut” fiorire sui social networksoprattutto dopo le osservazioni di Natalie Portman sui numerosi outtakes di Thor: Amore e tuono. Feedback che ha fatto desiderare ai media NME per interrogare il regista sull’argomento di una possibile versione tagliata dal regista del suo film:

Taika rompe il taglio del regista

“Ho pensato molto ai tagli del regista. Guardo molti altri registi: fanno schifo. I tagli del regista fanno schifo. A volte i registi devono essere controllati. Il mio taglio del regista? Dura quattro ore e mezza! “Non lo è bene se dura quattro ore e mezza. C’è un sacco di grasso superfluo”.

È difficile non pensare al famoso Justice League di Zack Snyder dove il direttore di Batman contro Superman ha avuto carta bianca per rimodellare un montaggio precedente e finire con un film di più di quattro ore. Un grande delirio da regista che alcuni avrebbero preferito vedere contenuto (compreso l’autore di queste battute), ma che resta tutto uguale un mezzo espressivo come un altro per un artista che si è confrontato con dei problemi intimo e professionale durante la realizzazione di una versione precedente.

Leggi  'Cinco lobitos', 'Apagón' e 'Rapa' guidano le nomination ai Forqué Awards

Thor: Love and Thunder: foto, Chris HemsworthPiù è lungo, meglio è

Inoltre, i tagli del regista non si limitano a enormi riedizioni che possono essere confuse con gli orsi giganti (pre-montaggi di un film). Possono anche esserlo versioni aumentate di creazioni originali più o meno interessanti. Si può pensare, ad esempio, al Alieni diretto da James Cameron il cui le aggiunte della versione lunga permettono di arricchire davvero il materiale di partenza – soprattutto nei confronti dei personaggi – senza offrire un’alternativa indigeribile e antifilmica al capolavoro originale.

Come con qualsiasi tecnica o strumento cinematografico, la rilevanza di un taglio del regista dipende dal contesto e dal progetto stesso. Un taglio da regista non è mai automaticamente sinonimo di libertà salvifica o rigurgito incontrollato. In caso di Thor: Amore e tuonoTaika Waititi dice che se si fosse divertito a fare una versione estesa del suo film, avrebbe sicuramente aggiunto delle battute, ma che se le scene fossero state tagliate, sarebbe stato per una buona ragione.

Thor: Love and Thunder: foto, Chris HemsworthGli editori di Thor 4

Quindi, ci sono poche possibilità che una versione tagliata da un regista di Thor: Amore e tuono potrebbe vedere la luce tra qualche anno dopo l’ennesimo scandalo artistico… beh, speriamo. Atterrerà il lungometraggio diretto da Taika Waititi nelle sale francesi questo mercoledì, 13 luglio.

Lascia un commento