fbpx

‘Stranger Things 4’: la vera storia dietro il panico satanico degli anni ’80

Per un intero decennio c’è stato un notevole movimento di persone spaventate dall’occulto e ‘Dungeons and Dragons’, come vediamo nella serie Netflix, è stato oggetto di varie e gravi accuse. Ti raccontiamo la vera storia.

Per fortuna, né il Mondo Sottosopra, né nessuna delle sue creature a cominciare dall’angosciata Vecna, ha qualcosa di reale fuori dagli episodi cose strane che ha appena pubblicato la sua tanto attesa quarta stagione su Netflix. Tuttavia, come una serie ambientato negli anni ’80 Impegnato fin dall’inizio a rappresentare il tempo in cui si svolge come se fosse un personaggio in più, il nuovo capitolo della serie di fantascienza più popolare sulla piattaforma del grande N ospita una storia vera in una delle sue trame principali: la rappresentazione del panico nei confronti delle sette sataniche e demoniache che esistevano in quel momento.

Se avete già visto la quarta stagione di cose strane saprai che, non solo è molto più oscuro, ma inizia con l’introduzione di una nuova minaccia sotto forma di un mostro soprannaturale che si dedica all’uccisione di adolescenti in modo davvero violento e ripetitivo come se fosse un serial killer. Questo mostro è soprannominato Vecna, una creatura appartenente al gioco di ruolo Dungeons and Dragons con cui presenta importanti somiglianze e, sebbene il nostro gruppo di protagonisti riconosca quasi dal primo momento che le morti sono direttamente legate agli orrori che il rialzo mondo in basso, il resto dei normali cittadini di Hawkins vive nel terrore che ci sia uno spietato assassino a piede libero nella loro città.

E il primo sospetto lo è Eddie Munson, uno dei personaggi principali della stagione 4, interpretato da un camaleontico Joseph Quinn e che è riuscito rapidamente a mettere in tasca gli spettatori. Leader del club di giochi di ruolo Hellfire, a cui appartengono Dustin (Gaten Matarazzo), Mike (Finn Wolfhard) e Lucas (Caleb McLaughlin) e maestro di Dungeons and Dragons, Eddie è notevolmente più vecchio dei protagonisti, che incontra e accoglie .nel suo gruppo da quando è entrato al liceo. Inoltre ha un gruppo di musica metal, si dedica a far passare la droga ad alcuni studenti e non ha paura di confrontarsi con i principali teppisti del posto.

‘Stranger Things 4’: l’incredibile cambiamento dietro le quinte di Joseph Quinn, da nobile russo a ‘pesante’ anni Ottanta

Tuttavia, la leadership e il carisma con cui viene presentato nel primo episodio della stagione 4 svaniscono rapidamente in secondo piano quando assiste all’omicidio di una giovane cheerleader e fugge inorridito dopo quello che ha visto. Dal suo rifugio, Eddie riceve l’aiuto di Dustin e compagni, dalla mano di chi conosce gli orrori del Mondo Sottosopra, ma, allo stesso tempo, è ricercato dalla polizia e perseguitato dal gruppo di giovani popolari e delinquenti dell’istituto. Un gruppo convinto che il loro club di Dungeons and Dragons sia in realtà una pericolosa setta satanica come quella di cui si parla tanto negli ultimi tempi sulla stampa.

Cos’è il panico satanico?

È noto come Satanic Panic al panico morale (reazione esagerata di un gruppo di persone basata sull’errata percezione del comportamento di un gruppo di persone, spesso una minoranza) che Avvenne negli anni ’80, quando divenne popolare la convinzione che l’adorazione del diavolo fosse una realtà pericolosa negli Stati Uniti che stava dando origine a tutti i tipi di eventi violenti e mortali.

Nello stile più puro la famosa Caccia alle streghe di Salem del 17° secolo, negli anni ’80 il conservatorismo dell’epoca trovato nella musica che si ascoltava, nei film che si vedevano e nei giochi che si suonavano all’origine di quello che allora consideravano un improvviso aumento nella pratica delle scienze occulte. Temevano che tutto ciò portasse a crimini e abusi nelle scuole e nei college e per un intero decennio ci furono centinaia di accuse in tutto il mondo.

Tutto è iniziato, come un interessante articolo pubblicato da Collisore, con un libro pubblicato nel 1980 dallo psicologo Lawrence Pazder dal titolo Michelle Remembers. Raccontava la “storia vera” di Michelle, una ragazza che era stata vittima di un culto satanico e che, attraverso l’ipnosi, sosteneva di essere stata oggetto di rituali spiacevoli e di essere stata testimone di vari omicidi per quasi tre mesi. Sia il libro che l’intera storia di Michelle sono stati sfatati, ma non abbastanza presto, poiché il panico si era già diffuso e attanagliato molte persone.

Leggi  Finalissima: Dove vedere in streaming l'Italia

Durante più di un decennio in cui è durato il panico satanico, ci sono state molteplici accuse senza prove che includevano storie tanto grottesche quanto incredibili, che le persone credevano alla lettera anche se non potevano essere provate in tribunale. Come vediamo in Cose sconosciute 4, Anche “Dungeons and Dragons” è stato preso di mira dalle accuse di questo movimento, così come la musica heavy metal. Un obiettivo facile che ha portato anche alla creazione del Parents Music Resource Center (PMRC), un’organizzazione dedicata alla protezione dei bambini dalle influenze corruttrici di sesso, droghe, linguaggio volgare e iconografia nascosta nella musica.

Con il passare del decennio, il panico satanico ha perso vigore, anche se ha avuto un certo aumento negli anni ’90 e non ha mai cessato di esistere del tutto.

Panico satanico e Dungeons and Dragons

“Dungeons and Dragons” è stato oggetto di problemi e accuse durante il panico satanico e, infatti, fu additato direttamente come il colpevole della scomparsa e del presunto suicidio di uno studente universitario di nome James Dallas Egbert III. La realtà è che il giovane ha cercato di uccidersi e ha lasciato un biglietto di suicidio ma, non riuscendoci, si è semplicemente nascosto a casa di un amico. Mentre i suoi genitori e un investigatore privato hanno ipotizzato che la scomparsa fosse direttamente correlata al gioco e non alla depressione di cui soffriva, cosa che alla fine lo ha portato a suicidarsi al suo terzo tentativo.


Il caso Egbert è diventato così famoso che ha persino una sua voce su Wikipedia, ha ispirato un romanzo e poi un film. con Tom Hanks nel 1982. La lei, sotto il titolo Mostri e labirinti, Uno sconosciuto Hanks che stava facendo i suoi primi passi nel settore ha interpretato un giovane che soffre di una crisi psicotica mentre gioca a un gioco di tipo D&D.

Il culmine arrivò nel 1983, quando fu fondato un gruppo chiamato “Bothered About Dungeons & Dragons”. Il suo precursore era la madre di un ragazzo che si era suicidato e che amava questo tipo di giochi di ruolo, quindi ha citato in giudizio gli editori di Dungeons and Dragons per omicidio e, sebbene questo fosse stato respinto, è riuscita a rendere popolare le sue convinzioni sullo stesso. Secondo Patricia Pulling, D&D ha promosso satanismo, demonologia, cannibalismo, stupro, omicidio, voodoo, omosessualità e prostituzione e ha così iniziato a diffonderlo nelle scuole, nelle chiese, nei dipartimenti di polizia e nei media, guadagnando credibilità in vari settori, comunità e anche professionisti della salute mentale.

Lascia un commento