fbpx

‘Stranger Things 4’: La storia di Eddie Munson è reale… ed è molto tragica

Il personaggio interpretato da Joseph Quinn è stato introdotto nella quarta stagione ed è diventato uno dei preferiti di questa nuova puntata.

La quarta stagione di cose strane Ha avuto i ritorni attesi di diversi personaggi amati come Max (Sadie Sink), Eleven (Millie Bobby Brown), Dustin (Gaten Matarazzo) o Steve (Joe Keery). Ma c’è stato spazio anche per l’introduzione di nuovi personaggi che sono diventati i nuovi preferiti di molte persone, come nel caso di Eddie Munsoninterpretato da Joseph Quinn.

Munson è il leader dell’Hellfire Club composto da un gruppo di adolescenti che si uniscono per interpretare Dungeons and Dragons, tra cui Dustin e Mike (Finn Wolfhard). Il suo aspetto metal e la sua passione per questo gioco da tavolo lo hanno portato ad essere considerato un secchione e un ‘mostro’ al liceo. E ancora di più quando è l’unico testimone della morte di Chrissy (Grace Van Dien) e per questo perseguitato dalla polizia.

Ma la cosa più sorprendente di questo personaggio è che Si basa su eventi realiin particolare in un caso verificatosi durante il panico che ha invaso la regione meridionale degli Stati Uniti tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90.

Eddie Munson attinge dall’esperienza di Damien Echols, uno dei membri dei West Memphis Three, il cui caso è in corso da quasi 30 anni. Netflix lo ha recentemente confermato durante Geeked Week in cui afferma di essere basato su questa storia vera, che è già stata oggetto di un documentario: Paradiso perdutodisponibile su HBO Max.

Cosa è successo al caso West Memphis Three?

Leggi  Questo è "Per comando del cielo", il "Vero detective" sul fondamentalismo Disney + Mormon

Il 5 maggio 1993, tre amici di otto anni si chiamarono Steven Branch, Michael Moore e Christopher Byers sono scomparsi a West Memphis, in Arkansas. I loro corpi sono stati trovati il ​​giorno successivo in una foresta vicina. Le vittime sono state spogliate nude e legate prima di essere gettate in un ruscello.

A causa della natura violenta di questi omicidi, i sospetti caddero rapidamente su Damien Echols, un adolescente goth di 18 anni che viveva vicino al quartiere in cui i ragazzi erano scomparsi. Al momento, c’era un panico crescente riguardo al satanismo e Damien non ha nascosto la sua passione per le band metal e il suo interesse per la magia.

Netflix

Eddie Munson in Cose più strane

Era anche già noto alla polizia, essendo stato arrestato per taccheggio e furto con scasso, e aveva una storia medica di cure per problemi di salute mentale. Charles Jason Baldwin era un suo amico, ma a differenza di Damien aveva 17 anni, aveva ottimi voti al liceo e il suo amore per l’arte in generale era noto a tutti i vicini.

Jason e Damien sono stati arrestati quando la polizia ha ottenuto una confessione da una lontana conoscente, Jessie Misskelley., un ragazzo di 16 anni che è stato interrogato per 12 ore senza alcuna supervisione. Jessie, che aveva un QI di 72, ha detto che era con loro quando hanno commesso il crimine e ha impedito a uno di loro di scappare, anche se in realtà non l’ha fatto. Non ha nemmeno partecipato all’omicidio.

I creatori di “Stranger Things” hanno pianificato di uccidere uno dei personaggi più carismatici e la sua sopravvivenza vacilla nella stagione 4

Parti di quelle dichiarazioni sono trapelate alla stampa anche prima dell’inizio del processo. E sebbene non ci fossero prove del DNA, nessun collegamento con i bambini, Jessie cambiava costantemente la storia e c’erano persino alibi che sostenevano l’innocenza degli adolescenti, il processo è diventato copertura mediatica e presentato come un omicidio rituale di un culto satanico.

Nel frattempo, Damien, Jason e Jessie hanno continuato a mantenere la loro innocenza. Alcuni dei genitori delle vittime sono persino venuti in loro difesa. Alla fine, in particolare nel 2011, il trio ha accettato di attenersi alla dottrina Alford, che consiste nel non rivendicare la colpevolezza o l’innocenza delle accuse presentate per ottenere una pena inferiore. Per questo motivo, tutte le loro condanne sono state ridotte a tempo scontato e alla fine sono stati rilasciati dopo 18 anni con una pena sospesa a 10 anni.


Instagram

Damien Echols, Charles Jason Baldwin e Jessie Misskelley, i tre di West Memphy

Oggi sono sulla quarantina e sono Echols credo fermamente nella magia nera e ha scritto libri su come si è salvato la vita quando era in prigione. Baldwin si è trasferito in Texas, dove ha co-fondato Proclaim Justice, che aiuta i condannati ingiustamente. Ha anche detto che da quando la HBO ha pubblicato il documentario Paradise Lost, è probabilmente il motivo per cui i West Memphis Three sono stati rilasciati dalla prigione.

Non si sa molto della vita di Misskeley negli anni da quando è stato rilasciato. Nel 2017 è stato arrestato dopo una serie di violazioni del codice della strada, ma non è tornato in carcere. Sono emerse anche notizie secondo cui da allora ha lavorato nell’edilizia. Nonostante quello che hanno passato insieme, i tre non sembrano essere in contatto tra loro.

Lascia un commento