fbpx

“Stavo cercando di catturare la Gioconda”

Michael Peterson ha ucciso Kathleen? la miniserie La scala da HBO Max è stato l’ultimo a esplorare questo intrigante caso reale, un’approssimazione della vasta serie di documentari sui crimini veri su cui si basa, ma più di 20 anni dopo la sua morte quella domanda rimane senza risposta.

La storia con protagonista Colin Firthnel ruolo del romanziere condannato per l’omicidio di sua moglie, che porta in vita nella narrativa Tony Collette, ha tenuto incollati allo schermo sin dalla sua prima sia coloro che avevano visto il documentario originale sia coloro che non l’avevano visto. Ogni settimana abbiamo assistito a un nuovo capitolo in cui è stato rivelato un nuovo aspetto di Peterson e come aveva influenzato tutti coloro che vivevano intorno ad esso, o si stava esplorando una nuova teoria del caso. Compreso quello con il gufo, che, essendo incredibile, molti telespettatori sono arrivati ​​a pensare fosse il prodotto di finzione.

Abbiamo anche visto le reazioni di alcune delle persone reali coinvolte. Da Jean-Xavier de LestradeDirettore di La scala 2005, sconvolto dai risvolti sulla sua professionalità e su quella della sua squadra quando nella serie viene introdotto il personaggio interpretato da Juliette Binoche, nel ruolo di Sophie Brunet, editore di documentari che aveva una relazione con l’imputato.

Colin Firth e Juliette Binoche nell’episodio 1×08 di “The Staircase”.

Allo stesso tempo, il vero Michael Peterson ha espresso le sue lamentele contro il regista del documentario, che accusa di essere ipocrita per essersi sentito colpito dopo aver venduto senza esitazione la sua storia e quella della sua famiglia; e contro HBO, per un ttrattamento omofobico nella rappresentazione della propria sessualità. Per inciso, ha anche detto che Colin Firth non è il suo attore preferito, che avrebbero potuto scegliere Brad Pitt.

Il caso Peterson continua a suscitare curiosità due decenni dopo. e Ccontinua ad essere un enigma irrisolto la cui risposta non possiamo trovare nella finzione. Tuttavia, uno degli aspetti più affascinanti della serie di Antonio Campos è l’importanza a cui attribuisce punto di vista nella costruzione di una narrazione e come ha usato quel concetto per decostruire il vero genere criminale. La scalacerto che ne ha uno, fa parte della sua natura, ed è evidente in cosa ha scelto di mostrare e come.

Il suo ultimo aereo ne è un campione. Sebbene sia aperto all’interpretazione, la sua ambiguità è abbastanza suggestiva quindi possiamo trarre le nostre conclusioni dopo tutto ciò che abbiamo visto, comprese le diverse morti di Kathleen secondo tutte le teorie che erano in gioco. Questo è quello che le ha detto Antonio Campos nel mezzo di The Wrap su come ha concepito la scena finale e su come è stata girata.

Colin Frith nella prima scena di

Colin Frith nella prima scena di “The Staircase”.

un finale tondo

Quando si è trattato di strutturare il viaggio di Peterson, che, nelle parole di Campos, “ha avuto tre finali” (il primo processo in cui è stato dichiarato colpevole, il secondo in cui sembrava che avrebbe avuto l’opportunità di provare la sua innocenza, e un terzo Con la Dichiarazione di Alford, il creatore lo decise la storia sarebbe iniziata e finita nello stesso postocon Michael Peterson da solo in camera da letto.

Leggi  Buzz Lightyear: i migliori giocattoli Buzz Lightyear per bambini!

Come è stato girato l’enigmatico ultimo colpo

“Stava cercando di catturare la Gioconda”, ha detto Campos. Lo scrittore e regista Volevo catturare un’immagine che potesse significare due cose contemporaneamente, a seconda che tu abbia guardato gli occhi o la bocca. Replicare la magia del dipinto di Da Vinci non è stata una sfida facile, ma ammette di non essersi preoccupato perché aveva già pensato di ritoccare l’immagine in post-produzione e di unire due delle espressioni facciali di Colin Firth in una, se necessario. Non era.

A causa della messa in scena e del movimento della telecamera, l’inquadratura è progettata per trasmettere un senso di scopertaspiega il creatore: “Per noi, perché era la prima volta che lo vedevamo sullo schermo, per Colin, perché sente qualcosa che si muove verso di lui. C’era come una danza tra lui e la telecamera, in cui Colin decide quando entrare in contatto visivamente ed esprimere ciò che ho sentito”.

Riguardo all’intenzione dello scatto, Campos afferma che ciò che stava cercando di catturare e trasmettere con quello sguardo era la domanda se sia possibile che qualcuno sia colpevole e innocente allo stesso tempo.

Colin Firth nei panni di Michael Peterson nell'ultima scena della serie.

Colin Firth nei panni di Michael Peterson nell’ultima scena della serie.

La scena come è scritta nella sceneggiatura

Nel caso volessi altri indizi, oltre alla serie e alle dichiarazioni del creatore, puoi leggere la scena originale che ha condiviso con The Wrap come è nella sceneggiatura:

“Michael mette la foto di Kathleen sul suo comodino (lo stesso che ha visto quando si è svegliato all’inizio della serie). È seduto nella sua stanza e per la prima volta da solo con se stesso da molto tempo. Pensa alla vita ha vissuto e quanto poco gli resta da vivere. La telecamera inizia a girare intorno a lui e ingrandisce fino a quando non si trova faccia a faccia con lui. Guardando direttamente negli occhi di Michael alla fine di questo viaggio, sentiamo che potrebbe essere possibile che qualcuno è colpevole e innocente allo stesso tempo. Per un momento le sue labbra tremano. Penso che abbia semplicemente sorriso, come qualcuno che l’ha fatta franca. Forse non era un sorriso. Difficile da dire, anche se lo sapessi per certo. “

“The Staircase” è disponibile su HBO Max.

Lascia un commento