fbpx

Star Wars salvato dalle acque su Disney+?

Dopo un soddisfacente terzo episodio, Obi-Wan Kenobi torna in acque più calme su Disney+.

ATTENZIONE: leggeri spoiler

Si gioca in casa

20.000 leghe sotto l’Impero

Sia di serie Guerre stellari o Marvel, Disney+ ha standardizzato in pochi anni un modello di produzione interamente basato conservazione delle informazioni. Stagione 2 di Il Mandaloriano e Il libro di Boba Fett ne sono stati gli esempi più convincenti, allungando l’elastico più del necessario per creare un’aspettativa artificiale attorno alle sue più grandi sorprese.

In breve, laddove qualsiasi esigenza narrativa li incoraggerebbe a trattare queste storie come film di due ore, Lucasfilm preferisce estendersi su sei episodi o più archi narrativi non sempre costruiti, al punto da creare volutamente un vuoto colmato da uno o due elementi di servizio di fan.

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: fotocane bagnato

A dire il vero, l’attuale cultura pop sembra interamente governata da questo approccio, e questo da un marketing pensato per implicare allo spettatore ciò che si aspetta di vedere sul suo schermo. Non importa che la presenza dei tre Spider-Man sia stata discussa mesi prima dell’uscita di Non c’è modo di tornare a casa. Quello che conta è la fantasia del pubblico, conquistato in anticipo dall’evento, anche quando quest’ultimo viene trattato con criminale noncuranza. L’attesa prevale sul risultato finale.

Purtroppo difficile da perdonare Obi-Wan Kenobi queste stesse peregrinazioni, già citate nella nostra recensione dei primi due episodi, si sono configurate solo verso un terzo segmento che ci offre finalmente il tanto atteso ritorno di Darth Vader. Ora che la serie ha superato il pivot centrale, eccola di nuovo velocità di crociera alquanto deludente.

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: fotoStar Wars in formaldeide?

Deborah Chow si sforza di nascondere di aver firmato qui un episodio di transizione, trasformato in un’altra missione di salvataggio. Questa stanchezza è tanto più sfortunata in quanto la proposta è di gran lunga la più interessante della serie finora. Infiltrandosi nella base sottomarina di Nur (idea divertente, visto che è una luna di Mustafar), la serie ritrova questa inventiva concettuale della mitologia Guerre stellariquello tipico dei videogiochi dell’universo esteso (normale, abbiamo già visto questa ambientazione in Ordine Jedi caduto).

Inoltre, mentre Obi-Wan riacquista gradualmente i suoi poteri e la sua sensibilità alla Forza, le scene d’azione accentuano il suo senso della strategia, un po’ come i giochi di ruolo legati al franchise, trend Cavalieri dell’Antica Repubblica. Il Jedi è consapevole dei propri limiti ad ogni ritorno del fuoco dei blaster, e questi passaggi generano dei paletti piuttosto avvincenti durante questa progressiva reiconizzazione del personaggio.

Leggi  perché è un Cronenberg di carne e sangue

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: fotoÈ ancora bello

Cavalieri della Repubblica Grabataire

In questa situazione, la messa in scena è molto più ispirata, come durante questa sequenza in piena oscurità, dove solo la lama della spada laser trafigge l’oscurità per uccidere uno per uno gli Stormtrooper. A dire il vero, questo episodio 4 ha alcune delle migliori idee della seriea cominciare dalla scena introduttiva, dove il montaggio alternativo rafforza ulteriormente il legame tra Obi-Wan e Anakin, entrambi immersi in una vasca di bacta per curare le loro ustioni.

Il problema è che la fidelizzazione menzionata prima diventa una barriera insormontabile al progetto del suo regista e showrunner. Obi-Wan Kenobi Chiaramente vorrebbe essere una serie intima, orientata verso il volto tormentato di Ewan McGregor come riflesso del suo trauma e della sua colpa.

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: fotoL’idea migliore dell’episodio

Il ricordo di Anakin, e più in generale dell’Antica Repubblica, sembra cercare di diffondersi come un virus, ma gli episodi non hanno mai il tempo di affrontare a fondo le loro ripercussioni. Dopo quattro capitoli, non sappiamo ancora di più sulle motivazioni di Reva (Moses Ingram), anche se immaginiamo il suo passato da apprendista Jedi.

Vi è, tuttavia, motivo di soffermarsi sulla svolta di una galassia che ha accettato senza indietreggiare la sua transizione verso un regime totalitario. Dove la serie di Dave Filoni (a cominciare da Il brutto lotto) riescono a mantenere questo contesto, Obi Wan sembra impigliato nella sua caccia all’uomo.

A meno che non sia dovuto al fatto che attacca uno dei pilastri mitologici di Guerre stellari, ad una delle parti più fondamentali del suo canone, che non riesce a concretizzarsi pienamente nella “piccola” storia della galassia molto, molto lontana. Ma non è questa piccola storia che Disney+ punta con le sue serie multiple?

Un nuovo episodio di Obi-Wan Kenobi è disponibile su Disney+ ogni mercoledì dal 27 maggio 2022

Star Wars: Obi-Wan Kenobi: poster ufficiale

Lascia un commento