fbpx

Star Wars ed Ewan McGregor difendono Moses Ingram dopo gli attacchi razzisti al cattivo di “Obi-Wan Kenobi”

L’attrice che interpreta l’inquisitrice Reva ha denunciato di essere stata molestata sui social. “Per me non siete fan di Star Wars”, ha condannato il protagonista della nuova serie Disney+.

Il debutto di Moses Ingram come Inquisitore Reva in Obi-Wan Kenobila nuova serie live-action di Star Wars una delle grandi novità del tanto atteso nuovo titolo del franchise e, senza dubbio, uno dei suoi piatti principali. Un personaggio femminile potente, con un certo mistero e anche con una forte determinazione a dare la caccia al nostro protagonista al servizio dello stesso Signore dei Sith Darth Vader (Hayden Christensen). Tuttavia, l’attrice americana di 29 anni, in cui ci eravamo già divertiti mossa della regina Y La tragedia di MacBeth, è vittima di numerosi attacchi razzisti da parte di alcuni telespettatori. Come è successo ai loro tempi a Kelly Marie Tran e John Boyega, due dei nuovi personaggi dell’ultima trilogia di film della Skywalker Saga.

È così che l’attrice stessa lo ha denunciato dai suoi social network, in particolare nelle sue ‘storie’ di Instagram, dove ha riconosciuto di ricevere “centinaia di messaggi razzisti” e le ferisce in vari modi.

Nessuno può fare nulla per fermare questo odio [Moses Ingram]

“Vedo anche quelli di voi che hanno indossato un mantello per me e questo significa davvero molto, perché nessuno può farci niente”, Ingram ha anche scritto grato a tutti i fan che hanno mostrato il loro sostegno. “Nessuno può fare nulla per fermare questo odio. Penso che ciò che mi infastidisce è una specie di sensazione che devo stare zitto e accettarlo. Devo solo sorridere un po’ e sopportarlo. E non sono fatto in quel modo. “

Lucasfilm, dal canto suo, è subito venuta in difesa della nuova attrice del franchise, per la quale ha mostrato il suo più pieno sostegno attraverso l’account Twitter ufficiale di Star Wars.

“Siamo orgogliosi di dare il benvenuto a Moses Ingram nella famiglia di Star Wars ed entusiasti che la storia di Reva si svolga. Se qualcuno intende metterla a disagio in qualche modo, abbiamo solo una cosa da dire: resistere”.

E, subito dopo, il produttore ha lanciato un secondo tweet: “Ci sono oltre 20 milioni di specie senzienti nella galassia di Star Wars, non scegliere di essere razzista”.

Nella mia mente non sei fan di “Star Wars” [Ewan McGregor]

Chi si è subito schierato a difesa dell’attrice è stato anche Ewan McGregor, protagonista indiscusso di Obi-Wan Kenobi da Disney+. L’attore britannico ha recitato e pubblicato un video in cui Condanna gli attacchi razzisti alla sua compagna e le dedica alcune affettuose parole d’amore e di ammirazione professionale.

“Questo fine settimana, i fan di Star Wars hanno fatto Obi-Wan Kenobi la serie originale Disney+ più vista di tutti i tempi. E per questo devo dire grazie”, esordisce McGregor. “Tuttavia, sembra che una parte di questa base di fan molto influente abbia deciso di attaccare Moses Ingran online e inviargli messaggi orribilmente razzisti. E quando ho sentito che mi ha spezzato il cuore. Moses è un’attrice brillante, una donna brillante ed è fantastica nello show. Porta così tanto allo show e al franchise e mi fa venire la nausea solo a pensare che sia successo”.

Leggi  Buzz Lightyear: Perché Buzz è diverso dai film di Toy Story?

“Voglio dire, come attore protagonista della serie e produttore, che Siamo con Moses, che adoriamo Moses e se gli mandi messaggi di bullismo, nella mia mente non sei un fan di Star Wars”.

Non è la prima volta che succede

Attacchi razzisti e insulti contro interpreti di altre razze non sono una novità nell’universo dei fan di Star Wars, con tristezza della maggior parte di loro.

È già successo a John Boyega, che ha recitato in Star Wars: Il risveglio della Forza e nei sequel l’ultimo jedi e L’ascesa di Skywalker, ed è stato oggetto di messaggi orribili non appena è stata conosciuta la sua firma. Lui stesso ne ha parlato in diverse occasioni, ma Linea TV raccoglie alcune dichiarazioni che Boyega ha fatto ai suoi tempi GQ britannico Garantire che nessun altro membro del cast avesse ricevuto tanto scalpore nelle reti o ricevuto così tante minacce tramite messaggi diretti su Instagram e altri social network: “Oscuri questo e oscuri quello e non dovresti essere uno Stormtrooper. Nessun altro lo aveva fatto quell’esperienza”, assicurato.

Allo stesso modo, Kelly Marie Tran ha anche deciso di eliminare i social network a causa dell’ondata di commenti negativi che ha ricevuto dopo essersi unita al franchise come Rose Tico. e diventa la prima donna asiatica a interpretare un personaggio principale Guerre stellari. Dopo essere stata al centro di una moltitudine di critiche e insulti, l’attrice non ha visto altra soluzione che cancellare tutti i suoi post su Instagram per non ricevere più messaggi razzisti e sessisti.

“Se non ti piace Guerre stellari oppure i loro personaggi capiscono che ci sono persone che prendono decisioni e che molestare gli attori/attrici non servirà a niente”, assicurò poi Boyega.

Lascia un commento