fbpx

“‘Shantaram’ è come ‘Casablanca’ incontra ‘Trainspotting'”

Apple TV + presenta in anteprima oggi il quarto episodio di Shantaramuna serie creata da Steve Lightfoot (Il Punitore) Quello adatta il romanzo e il successo più venduti Gregorio David Roberts. Protagonista charlie hunnam (Figli dell’anarchia), la fiction si sposta in India per raccontare il viaggio di redenzione del protagonista.

In Shantaram la storia è raccontata Lin Ford, un eroinomane che finisce per essere incarcerato per una rapina. Riesce a scappare dal carcere e si reinventa cercando di aiutare nei bassifondi della vivace e caotica Bombay degli anni ’80.

I suoi legami con il mondo criminale lo portano in Afghanistan, dove si allea con un boss della mafia impegnato in una battaglia con i criminali russi, e sebbene cerchi sempre di non mettersi al passo con i problemi da cui sta scappando, quando si innamora di un enigmatico donna di nome Karla (Antonia Desplat), Lin deve scegliere tra libertà o amore e le complicazioni che ne derivano.

SERIE E ALTRO | giornale specializzato in serie televisive e film. ha parlato con il creatore della serie Steve Lightfoot e con i suoi protagonisti Charlie Hunam, Shubham Saraf, Antonia Desplat Y Elettra Kilbeyche ha raccontato come è stato il processo di adattamento del romanzo e cosa hanno preso da questo viaggio in India attraverso la narrativa.

[Apple TV+ lanza el tráiler de ‘Raymond & Ray’, la película con Ethan Hawke, Ewan McGregor y Maribel Verdú]

un viaggio di redenzione


Fin dal primo momento, Steve Lightfoot ha riconosciuto di essere un grande fan del romanzo di Gregory David Roberts e che da quando ce l’ha, l’ha letto due o tre volte negli ultimi anni. In seguito ha confessato che “ho visto con una certa invidia quanto fossero vicini gli altri creatori a realizzare l’adattamento” e che quando questa opportunità “Era come se il suo sogno si avverasse”.

“È il progetto più grande che abbia mai realizzato e ne sono uscito sapendo più di quando ho iniziato, mi sento più saggio”, ha detto Lightfoot del suo punto di vista sulla serie, ricordando che alla fine Shantaram è la storia di un ragazzo che cerca solo la redenzione e che vuole guardarsi allo specchio e sentirsi felice con quello che ci vedi dentro. E lo penso È un po’ quello che tutti vogliamo”..

La visione dell’India sullo schermo

Antonia Desplat e Shubham Saraf in “Shantaram”.

AppleTV+

Una delle cose che più attira l’attenzione dello spettatore all’inizio del Shantaram È la sua cinematografia. Infatti, lo stesso Steve Lightfoot ha affermato che “di solito scrive le sceneggiature in modo molto visivo” e che fin dall’inizio era chiaro che “la serie è come se casa Bianca incontra Trainspotting.

“Pensavo che il libro avesse questa qualità straordinaria, travolgente, epica e romantica che mi ha ricordato, sai, quei grandi film degli anni Sessanta e i film di David Lean”, ha detto il creatore, per il quale ha anche “era essenziale fornire una visione autentica di Mumbai e dell’Indiasai, e i luoghi in cui stiamo girando”.

Un collegamento con l’India

Da parte sua, Charlie Hunnam ha ricordato la sua esperienza e il legame personale con la storia raccontata nella serie e ha affermato che, sebbene non potessero girare nel paese, “aver viaggiato lì in un certo modo è stato qualcosa di speciale”, perché “gli ha permesso di conoscere l’India e creare un legame con il luogo per creare il personaggio da lì”.

Leggi  Cinque film si batteranno per entrare agli European Film Awards

Anche Shubham Saraf, che interpreta Prabhu Shantaramè stato commosso nel ricordare il suo ritorno in India attraverso la narrativa, parlandone come qualcosa di speciale perché era nato a Calcutta.

L’attore ha commentato che nella serie “c’era molta attenzione e gusto per i dettagli” e che girare “la scena in cui Lin scende dall’autobus e incontra Prabhu per la prima volta è stato molto scioccante. Dimenticavo dov’era la telecamera e anche se ero triste per non aver potuto girare in India, penso che fosse qualcosa di unico”.Ha aggiunto.

[Will Smith vuelve tras el escándalo en los Oscar con ‘Hacia la libertad’, una película sobre la esclavitud]

Il legame tra i personaggi femminili

Elektra Kilbey in

Elektra Kilbey in “Shantaram”.

AppleTV+

In Shantaram, l’obiettivo principale è il viaggio di redenzione di Lin, ma c’è anche un altro tema importante che i membri del cast hanno voluto evidenziare dalla serie: il legame che emerge tra i principali personaggi femminili. “Penso che Carla ammiri il personaggio di Lisa e che ci sia una sorta di dinamica fraterna tra loro”, ha affermato Antonia Desplat.

“Essere in un mondo straniero, hanno incontrato una versione della loro famiglia lontano da casa. Penso che ci sia una sicurezza e un conforto molto speciali tra i due e che quando sono insieme, tra loro emerga un rapporto di amicizia molto bello e molto complesso, con molti strati diversi “, ha continuato.

[Zac Efron y Peter Farrelly llevan cerveza a la guerra: “Nadie había hecho así una historia de Vietnam”]

Elektra Kilbey era d’accordo con la sua co-protagonista, sottolineandolo “in Shantaram vediamo molte donne diverse e con le loro traiettorieperché lo sviluppo di questi personaggi non dipende da nessuna figura maschile, i loro hanno i loro viaggi che non sono governati da uomini”.

Secondo Kilbey, “questo è un po’ diverso dal libro, perché in esso abbiamo solo il punto di vista di Lyn sulle donne e nella serie, le donne sono le padrone del proprio destino”.

“È emozionante vedere personaggi femminili così forti sullo schermo e relazioni femminili così forti e reali sullo schermo e anche trovarsi in un mondo che non è nemmeno rappresentato spesso sullo schermo”, ha aggiunto Desplat alle osservazioni di Kilbey.

Lascia l’India trasformata

Nel romanzo di Gregory David Roberts, una delle citazioni più importanti afferma che “ci sono mille modi per entrare in India, ma solo un modo per andarsene: essere cambiati”. Infatti, Antonia Desplat ha ammesso di averlo capito “Quando viaggi in India, hai un risveglio spirituale”.

Per lei, “ce n’è tanto umiltà, generosità, saggezza anche semplicità nel modo in cui gli indiani vivono la vita. E c’è in loro un costante senso di gioia, anche quando attraversano momenti difficili. Vivono solo attraverso la luce”.

E poi sperimentarlo con gli odori, i colori, i suoni, il cibo da lì rende l’India un posto molto speciale, pieno di purezza e di belle persone”.

[Sharon Horgan: “Por fin las series sobre mujeres han dejado de ser vistas como historias solo para mujeres”]

Lascia un commento