fbpx

Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli: recensione Marvel Kamoulox

PEZZO (DE) SALITA

Dopo un’introduzione che si discosta un po’ dal canone Marvel, il film si distingue come una pura produzione della fabbrica Disney, progettata per adattarsi al suo MCU in continua espansione. Senza dubbio temendo destabilizzare un pubblico che ha familiarità con le valvole di Tony Stark e la leggerezza di Guardiani della Galassiaintroduce il nostro duo di eroi, Shang-Chi e Katy, con montaggi ad incastro, secondo valvole e altre picche.

Processo polveroso, struttura spessa, temiamo il peggio, poiché sembra ovvio che, se Awkwafina è a suo agio con la sua colonna sonora, Simu Liu non si destreggia volentieri con l’umorismo Marvel. Peggio, è difficile distinguere qualsiasi forma di caratterizzazione, fatta eccezione per le carte fortemente allineate per chiarire quanto i due personaggi siano o dovrebbero essere complici e quanto siano simpatici. Segno del grande caos che presiede all’ideazione dell’opera, questo tentativo di coppia scherzosa viene espulso dalla storia quasi istantaneamente (solo per essere richiamato alla conclusione).

In breve, allegoria

E così è con molti elementi. Come se la sceneggiatura di Andrew Lanham, Dave Callaham e Destin Daniel Cretton non lo fosse mai sicuro di quello che ha da dirci, si ha la sensazione di assistere a una serie di scene espositive. Dopo un’apertura che interpreta in piccolo Zhang Yimou, si passa a una prefazione situata a San Francisco. Alcuni omaggi a Jack Burton nelle grinfie del Mandarino più tardi, qui veniamo spediti all’indomani della sbornia americano-ninjache si sarebbe curiosamente scambiato per Caduta del cieloprima di spingere le manopole fino a quando non inoculiamo un credito di Tsui Hark.

sconvolgimenti che coinvolgono una vera varietà nella posta in gioco così come nelle situazioni, ma che costringono una narrazione raramente fluida a ridistribuire ogni venti minuti, e i nostri eroi a balbettare più che a ragionare. Dare la colpa a un assurdo stomaco morbido nel mezzo del film, che avrebbe potuto quasi essere risparmiato e avrebbe permesso al blockbuster di passare felicemente sotto le due ore.

foto, Simu LiuUn bel raggio

MONTAGNE E MERAVIGLIA

Se i più innamorati della ricetta Disney non si smuoveranno oltre misura, troviamo qua e là diverse debolezze strutturali dell’azienda. Si sperava dunque che la scelta del geniale Bill Pope (Matrix, Spider-Man 2, Scott Pellegrino) un grande compositore di immagini che sono diventate tante colonne plastiche della cultura pop, permetterebbe al blockbuster di trasformarsi in una potente proposta visiva. Ahimè, potremmo regolarmente imbatterci in piani sontuosicomposizioni che giocano vividamente con colori, trame e movimenti insolitamente grandi in Marvel, l’immagine è spesso opaca.

foto, Tony Leung Chiu WaiL’emorragia degli anelli

Come se, rivelando tutto in una manciata di idee impressionanti o concetti intelligenti, il film fosse stato prodotto in condizioni che alla fine non erano adatte a un preciso lavoro di color grading o alla costruzione di una fotografia complessa sul set stesso. Ciò è evidenziato da quasi tutte le sequenze di San Francisco, dalle quali è difficile distinguere qualsiasi intenzione visivaovvero lo spicchio interminabile che si svolge nella base di carta crespa del Mandarino, ovviamente decorato da una lontra in piena discendenza del Prozac.

Una scoperta simile di in-between appare sul lato della colonna sonora. Joel P. West fa di tutto per inventare una parvenza di sigla identificabile e portatore di un minimo di emozioni (che contrasta con le solite specifiche dello studio), e quest’ultimo deve essere identificabile e non fondamentalmente sgradevole… A patto che tu sia soddisfatto dei quattro miserabili accordi che lo compongono, e le sporgenze gerbotroniche del pop adulterato che si affiancano ad esso, specialmente durante la prima parte del filmato.

Leggi  Tutte le anteprime dei film e cosa consigliamo di vedere

foto, Simu LiuHa cambiato Spirou

PITRE E DRAGO

Tuttavia, Shan Chi sorprende e diverte. Per la prima volta dal debutto dell’MCU con Uomo di ferro nel 2008, ecco un film che ha un coordinatore degli stunt più che capace (Andy Cheng), una macchina da presa desiderosa di catturare maliziosamente coreografie di successo, un cast capace di interpretare una parte significativa delle sue acrobazie, e che l’investimento fisico è evidente. Il digitale è ancora lì da macchiare? Senza dubbio, ma ora viene utilizzato per ibridare due scatti riusciti, per moltiplicare l’effetto di un movimento furioso della telecamera, o per dare impulso a un combattimento emozionante, come durante lo sfregamento in autobus, e la sua serie di omaggi sia a Jackie Chan cosa a Operazione Drago.

Questa equazione consente al film di far durare i suoi scontri più a lungo rispetto alla maggior parte delle produzioni Marvel, ed è sufficiente vedere come il primo combattimento in autobus schiaccia in termini di precisione e velocità tutto ciò che ha preceduto nel MCU, per sentire quanto il film ha l’aria di una boccata d’aria fresca all’interno di questo universo segnato. Abbiamo menzionato sopra la dimensione del pezzo forte dello scenarioil ritmo un po’ balbettante della narrazione, ma queste vere pecche permettono al film di assumere una forma inaspettata di decomplicazione, sia nella disposizione dei suoi colpi di scena che nella presentazione della sua mitologia, tra le più ricche e visivamente incarnate in offerta. di zio Topolino negli ultimi anni.

foto, Meng'er ZhangUna sorella maltrattata da una sottotrama della famiglia delle fragole

Per una volta, vedi Michelle Yeoh e Tony Leung prendere il timone di una storia iniziatica chi osa giocare a pugni e grandi sentimenti, per quanto superficiali, è abbastanza raro da essere apprezzato. E a condizione di sopportare l’eruttazione di un Ben Kingsley che coraggiosamente ci ricorda che la dignità è una di quelle cose di cui facilmente si fa a meno, lo spettatore potrà godere di un climax che, per una volta, lascia andare un po’ i cani . .

In questo caso, un bestiario folle ed eccessivo, che assume pienamente la sua dimensione Detective Dee clonato dai pinguini. È sia poco che molto, ma curiosamente amichevole. Certo, la voglia di sfondare sul mercato asiatico è evidente, spesso goffa, a volte assurda, ma qui si trasforma in un’opportunità per svitando un po’ la ricetta dell’intrattenimento hollywoodiano. E prendendo il pubblico per mano, Shan Chi permette perfino il lusso di costituire una porta non disonorevole per un cinema con cui il grande pubblico si confronta solo molto raramente.

manifesto francese

Lascia un commento