fbpx

Seconda Palma d’Oro per Ruben Östlund per la commedia nera ‘Triangle of Sadness’

Lo svedese Ruben Östlund si unisce al club dei vincitori di due Palme d’Oro. commedia nera Triangolo della Tristezza conquista il Festival di Cannes con una satira brutale sull’Occidente, i social network, la disuguaglianza sociale, la corruzione dei politici e il mondo della moda. Lo spagnolo Albert Serra ha lasciato vuoto nella lista dei vincitori nonostante la notevole accoglienza critica di Pacificol’unico rappresentante del nostro cinema nella 75a edizione del concorso francese.

Il terzo film di Östlund, premiato nel 2017 per La piazza, inizia con l’invito a una crociera di lusso per un paio di modelli. quando lo yacht affonda finiscono su un’isola deserta con un gruppo di miliardari e una donna delle pulizie. Nella lotta per la sopravvivenza, le vecchie gerarchie vengono interrotte poiché l’addetto alle pulizie è l’unico che sa pescare. Woody Harrelson, Dolly De Leon e Harris Dickinson sono i protagonisti di una commedia che arriverà nei cinema spagnoli grazie al distributore Elástica Films.

Per il secondo anno consecutivo la giuria ha nuovamente distribuito il Gran Premio della Giuriamedaglia d’argento al festival francese, tra due film: Chiuderefavorito in piscina per vincere la Palma d’Oro, e Stelle a mezzogiorno, la prima partecipazione di Claire Denis al concorso in più di trent’anni. Lukas Dhont, vincitore della Golden Camera al suo debutto Ragazza, è stato potenziato dalla storia di un’amicizia adolescenziale segnata da una tragedia. Più sorprendente è stata la menzione di uno dei film peggio valutati dalla critica quest’anno, una storia d’amore ambientata in Nicaragua nel 1984 e interpretata da Margaret Qualley e Joe Alwyn,

Dopo aver soggiornato alle porte della Palma d’Oro con vecchio ragazzo, il sudcoreano Park Chan-Wook è tornato nella lista dei vincitori con il suo premio per la migliore regia Decisione di andarsene. Il film, paragonato al cinema di Douglas Sirk, Pedro Almodóvar e Alfred Hitchcock, racconta la storia di un detective che indaga sulla morte di un uomo in montagna. La sua vita cambia quando incontra la misteriosa moglie del morto, con la quale inizia un’appassionata relazione che alcuni hanno battezzato come la desiderosi di amare di Chan Wook.

Il Premio della Giuria è stato condiviso anche da due film molto diversi. L’adattamento del bestseller di Paolo Cognetti (le otto montagne, Random House Literature) racconta la storia di due amici, Pietro e Bruno, da quando sono bambini fino a quando le loro vite si sono allungate, perse e riunite nel corso degli anni. Il polacco Jerzy Skolimowski ha condiviso il palco con i belgi Charlotte Vandermeersch e Felix van Groeningen grazie a EOuna favola con protagonista un asino che incontra persone buone e cattive nei suoi viaggi, prova gioia e dolore, esplorando una visione dell’Europa moderna attraverso i suoi occhi.

Il premio speciale per la 75a edizione è andato a Jean-Pierre e Luc Dardenne, due leggende del Festival di Cannes che sanno già cosa significa vincere due volte la Palma d’Oro Rosetta Y Il ragazzo. I registi belgi hanno vinto premi in otto delle nove partecipazioni al concorso. Quest’anno i Dardenne hanno presentato una nuova fotografia sociale dei problemi dell’Europa Tori e Lokitaun dramma incentrato su un giovane e un adolescente giunti dall’Africa che affrontano la loro invincibile amicizia con le condizioni crudeli che il loro esilio impone loro.

Leggi  Spiegazione della fine del film Amazon Prime Video!

Quattro anni dopo parassiti ha vinto la Palma d’Oro, L’attore sudcoreano Song Kang-ho è tornato sulla Croisette per ritirare il premio per la recitazione maschile per il suo lavoro in una nuova svolta alla famiglia del giapponese Hirokazu Koreeda. broker racconta la storia di un gruppo di persone, accomunate da una baby box (scatole predisposte per chi non può più tenere i propri bambini per partorirli in forma anonima), che intraprendono un viaggio che li porterà verso mete che non si sarebbero mai aspettate. Il suo premio a Cannes è il primo grande riconoscimento internazionale per una leggenda del cinema asiatico.

Lo zar Amir Ebrahimi ha ricevuto il premio per la performance femminile Santo Ragno, la storia di un padre di famiglia che intraprende la propria ricerca religiosa: “ripulire” la città santa iraniana di Mashhad dalle prostitute di strada immorali e corrotte. Il thriller, rispetto all’opera di David Fincher, ha significato la consacrazione del regista svedese-iraniano Ali Abbasi, vincitore della seconda sezione del festival francese (Un Certain Regard) nel 2018 con Confine.

un altro film svedese ragazzo dal cieloè stata premiata per la sua sceneggiatura grazie a un altro thriller, incentrato sulla ricerca di un nuovo imam all’Università del Cairo. Il regista Tarek Saleh ha ricordato durante il suo discorso che la denuncia politica dei suoi film ha portato le autorità egiziane a vietargli di entrare nel loro Paese.

Un altro dei protagonisti della cerimonia di premiazione è stato lo spagnolo Rossy de Palma, presidente della giuria che ha assegnato la Golden Camera alla storia di due giovani Lakota che vivono nella riserva amerindia di Pine Ridge. cavallino è un film americano visto in Un Certain Regard e diretto da Gina Gammeli e dall’attrice Riley Keough, nipote di Elvis Presley, un altro dei big dell’edizione grazie al film biografico di Baz Luhrmann. La Camera d’Or ha lo scopo di riconoscere il miglior film d’esordio di tutte le sezioni del concorso francese.

Elenco completo dei vincitori della 75a edizione del Festival di Cannes

Palma d’oro: ‘Triangolo di tristezza’, di Ruben Östlund

Gran Premio della Giuria: ‘Close’ di Lukas Dhont e ‘Stars at Noon’ di Claire Denis

Premio della giuria: ‘Le otto montagne’, di Charlotte Vandermeersch e Felix van Groeningen e ‘EO’, di Jerzy Skolimowski (ex-aequo)

Miglior regia: Park Chan-Wook per “Decisione di andarsene”

Miglior sceneggiatura: Tarek Saleh per “Ragazzo dal cielo”

Miglior attore: Song Kang-ho per “Broker”

Migliore attrice: Lo zar Amir Ebrahimi per ‘Holy Spider’

Premio 75° anniversario: ‘Tori e Lokita’, di Jean-Pierre e Luc Dardenne

Lascia un commento