fbpx

Scopri “El camino”, la gemma nascosta di Ana Mariscal, una diva franchista pioniera del cinema spagnolo

Tra le poche donne che hanno fatto del loro meglio per apparire per scrivere il loro nome nella storia del cinema spagnolo, uno dei registi più innovativi è stato Ana Mariscalche dopo essere diventata un’icona come attrice nel dopoguerra, ha osato sfidare il regime franchista e la sua implacabile censura per dirigere quello che è stato il primo adattamento cinematografico di un’opera di Miguel Delibes: La viagià visibile su FlixOlé.

Racconta la storia di Daniel, un ragazzo che deve lasciare il suo paese per andare a studiare in città. Nelle ore che precedono la sua partenza, Daniel rievoca tutti i ricordi della sua città e della sua gente. Attraverso questa storia, l’adattamento cinematografico del romanzo di Delibes riflette satiricamente la realtà del paese in quel momento ed è stato questo realismo fatalistico che ha portato la regista a confrontarsi con la censura, che l’ha ignorata e ha impedito la realizzazione del film. meritare.

[‘Vámonos, Bárbara’, el primer paso hacia la liberación de las mujeres en la historia del cine español]

Le sue avventure come attrice


Nel mondo del cinema, il debutto di Ana Mariscal avvenne nel 1940 con l’ultimo ussaroma nel corso della sua carriera è arrivato a recitare in più di cinquanta lungometraggi, inclusa la propaganda Corsa (1941), La principessa degli Ursini (1947), jeromin (1953), Dulcinea (1947), la violetta (1958) e La regina di Chantecler (1962), tra gli altri.

Tuttavia, la recitazione non è l’unica eredità lasciata da questa star del cinema spagnolo, poiché è stata una delle prime donne a interpretare un personaggio maschile in teatro, a fondare la propria società di produzione e a mettersi dietro la macchina da presa come regista dei propri film , Compreso La via (1963), primo adattamento cinematografico di un’opera di Miguel Delibes.

Donna pioniera nella regia e nella produzione cinematografica

Ancora da ‘The Way’.

FlixOlé

Sebbene Mariscal abbia continuato a interpretare personaggi in molti film, si stancherà presto di interpretare sempre ruoli simili ridotti a un cinema stereotipato. Nei primi anni Cinquanta fonda infatti la sua casa di produzione, la Bosco Films, con la quale realizza Segundo López, avventuriero urbano (1953), film acclamato dalla critica e considerato anche uno dei primi esempi del movimento neorealista spagnolo.

Leggi  i fratelli Russo hanno un'idea per un attore per riprendere il ruolo di Wolverine

In esso ha presentato una Madrid devastata dalla guerra, ambientando personaggi che cercano di sopravvivere facendo lavori temporanei come raccogliere mozziconi di sigaretta, spostare mobili o vendere fiori di carta.

Questo è stato il primo dei dodici film che ha diretto prima di morire nel 1995, con i quali ha voluto rompere con gli schemi stabiliti dal regime franchista e che hanno prevalso anche nel mondo del cinema.

[“El nido de rojos” del que salieron los mejores directores: el milagro de la escuela franquista de cine]

Il legame con Delibes

Ancora da 'The Way'.

Ancora da ‘The Way’.

FlixOlé

Oltre ad essere una pioniera e una delle prime registe donne in Spagna, Ana Mariscal è riuscita a inventare un cinema molto personale, vicino alla realtà e alle preoccupazioni sociali, trasferendo il suo ruolo di diva del grande schermo oltre lo schermo. Ciò non piacque alla censura, che ostacolò l’esibizione e la distribuzione del nastro e finì per relegarlo a film maledetto.

Insieme a La viariflette il regista lo stesso umanesimo ed esistenzialismo del testo di Delibesche rappresenta la vita quotidiana di un paese della Sierra de Ávila, con le sue fatiche e le sue gioie, ma anche la gente e il mondo rurale dell’epoca della dittatura.

Il ritratto bucolico recupera l’ambiente opprimente, la mancanza di opportunità e il paternalismo religioso di un’intera epoca e finisce per essere una critica sociale che non colpevolizza i personaggi, pieni di tenerezza e innocenza che sfidano lo spettatore.

Questo titolo ha conosciuto un recente risveglio nei concorsi e nelle cineteche e dopo essere stato proiettato alla 74a edizione del Festival Internazionale del Cinema di Cannes, arriva su FlixOlé in una versione restaurata e digitalizzata, per dimostrare che, anche se ridotto allo stereotipo de “l’attrice del regime”, il passare del tempo ha iniziato a rendere giustizia ad Ana Mariscalche sarà ricordato per aver aperto la strada ai cineasti che sono venuti dopo.

Lascia un commento