fbpx

sappiamo finalmente chi è (o quasi) lo Straniero grazie all’episodio finale

L’ultimo episodio di anelli di potere permesso di saperne di più sull’identità di The Stranger (o Meteor Man).

ATTENZIONE: Spoiler (fuggite poveri sciocchi)!

Questo è tutto : Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere ha terminato la sua prima stagione e, tra l’altro, ha posto fine alla suspense piuttosto pesante sull’identità di alcuni personaggi. tra il gioco di Chi è ? con Sauron e gli accessori necessari con Il Signore degli Anelli per soddisfare il grande pubblico, la serie Amazon Prime Video si è basata sin dal suo inizio la soddisfazione di un’intertestualità alquanto pigracome se bastasse riconoscere un nome o un personaggio dell’universo per creare una dose di endorfine.

La passione dell’urlo

Perché lasciare Istarique?

Così, dopo essersi divertiti a portarci su una barca, la serie ha finalmente svelato ciò che già sospettavamo: lo Straniero (interpretato da Daniel Weyman) non è Sauron, ma un Istar. Viene chiamato “Istar” dai tre fanatici (chiamati anche il nomade, il residente e l’asceta) prima del loro destino fatale, quando credevano di trovarsi di fronte al Signore Oscuro.

Ma cosa sono gli Istari? Questo è’un ordine di maghi al servizio dei Valar, e più precisamente divinità “minori”, i Maiar (Maia al singolare), inviati nella Terra di Mezzo in forma umana per combattere Sauron… che è anche Maia. Sì, devi seguire.

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: foto, Daniel WeymanLo sapremo

Nell’universo di Tolkien, è noto che l’ordine Istari è composto da cinque maghi, tra cui Saruman, Radagast, i Blue Magi Alatar e Pallando e… Gandalf. È quindi abbastanza logico pensare che gli showrunner di anelli di potere ha voluto anche giocarcela facilmente, rendendo uno dei suoi personaggi principali una delle icone più identificate del Signore degli Anelli.

Tuttavia, tutto questo non è senza creare alcuni problemi. Nella sequenza temporale dei libri, gli Istari vengono inviati nella Terra di Mezzo durante la Terza Era, quasi un millennio dopo gli eventi della serie. Gandalf è anche l’ultimo mago inviato dai Valar.

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: fotoAtterraggio duro

Ghiandolfo il grigiastro

Da un’altra parte, Gli anelli del potere non esitò in passato a rompere la temporalità di Tolkien, in particolare in vista della presenza anacronistica di personaggi come Isildur. Quindi ovviamente il nome di Gandalf (o anche la sua versione elfica Mithrandir) non è stato pronunciato nell’episodio 8, e lo Straniero potrebbe benissimo essere un personaggio inventato, o un mago meno identificato, come uno dei due maghi blu. È stato il nostro specialista di Tolkien, Lino Cassinat, a suggerirci l’idea, ma vale la pena sottolineare che è stato sia in posizione di negazione che di sicurezza laterale da quando ha visto questo ultimo capitolo.

Leggi  Netflix cambia strategia per i suoi film dopo la storica perdita di abbonati

Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello: foto, Ian McKellen“Eccolo, è finito?”

Da un punto di vista strategico, è impossibile pensare che Amazon non abbia pensato allo Straniero (la cui identità rimane, insieme a quella di Sauron, il principale colpo di scena della prima stagione) come Gandalf. La presenza forzata del Pievelus sembra finalmente giustificata alla luce di questo finale, come se la serie trovasse il modo dispiega perché il mago ha sempre tenuto in grande considerazione gli Hobbit. Inoltre, la recitazione di Daniel Weyman ricorda quella di Ian McKellen nella trilogia di Peter Jackson, tanto più ora che ha riacquistato la capacità di parlare.

Ma soprattutto, l’ultima riga del personaggio che affronta Nori non è altro che: “Nel dubbio, segui sempre il tuo naso”. Ora, questa stessa frase è usata da Gandalf in Compagnia dell’Anello, quando parla con Merry della loro avanzata nelle miniere di Moria. È difficile credere che quest’altro elemento di intertestualità sia solo un dettaglio azzardato. Resta da vedere ora come Gandalf si inserirà nella meccanica generale di una narrazione in cui non è destinato a trovarsi.

Lascia un commento