fbpx

Robert Downey Jr. regola i conti con suo padre in un emozionante documentario Netflix

“Penso che sarebbe negligente non parlare dell’effetto che questo ha avuto su di me.” Robert Downey Jr. dice queste parole a suo padre Robert Dawney Sig.dopo che il regista ha riconosciuto che i suoi anni ’80 da cocainomane sono stati “15 anni di totale follia”.

È così che questo emozionante documentario si rivolge all’elefante nella stanza: fino a che punto la sua infanzia avrebbe potuto essere responsabile nel turbolento periodo di dipendenze e scandali di Downey Jr. a Hollywood. L’attore ha debuttato all’età di cinque anni libbra, film diretto da suo padre ed è cresciuto sui suoi set cinematografici, una scena di controcultura cinematografica alimentata da “sigarette, erba e alcol”.

Dormiva in sala di montaggio, lo portavano a vedere film come La grande festa e ha fatto un viaggio attraverso diversi stati in cui si trovava “responsabile della pipa hashish”. Suo padre ha smesso di drogarsi nel 1991, dopo la morte della moglie, Laura Ernst, e da allora ha fatto pressione sul figlio perché uscisse dall’abisso che stava sprofondando la sua carriera.

Robert Downey Jr. e suo padre in ‘Mr.’

Per due anni, Chris Smith (Film americano), il regista del documentario che ha rilasciato Netflix, ha seguito Downey Sr. mentre si imbarcava nel suo ultimo progetto cinematografico. L’eccentrico stile di regia del regista si evince dalla pianificazione delle sequenze, molte delle quali sono visibili in Sig., con il montaggio finale del suo autore, per il quale è stata allestita una sala di montaggio nella sua stanza man mano che la sua malattia progrediva. Downey Sr. è deceduto nel luglio 2021, poco dopo aver completato la sua versione del montaggio.

Smith rivede il suo lavoro e alterna questo materiale con la parte più personale, destinata a Downey Jr. per conoscere meglio suo padre. Il risultato è in parte un omaggio alla sua carriera, un’opportunità per riconciliarsi con le contraddizioni della loro relazione approfittando del tempo che hanno lasciato insieme, e in parte terapia familiare. Lo spettatore, infatti, assiste a una seduta che l’attore ha con il suo terapeuta, in cui parlano della morte imminente del padre.


Un regista sconosciuto al grande pubblico

Il lavoro più celebre di Downey Sr. è stato il film del 1969 Putney Swope. In esso, Arnold Johnson interpreta l’unico uomo di colore nel consiglio di amministrazione di una società pubblicitaria, che viene accidentalmente scelto come regista, dopo che tutti lo hanno votato credendo che fosse impossibile per lui vincere, e poiché non potevano votare per se stessi. . .

Leggi  Mónica Domínguez, giornalista di 'Viajeros Cuatro', è morta a 38 anni

Questo lavoro è stato lodato all’epoca per la sua satira progressista sul conflitto razziale americano e sulla cultura aziendale. Paul Thomas Anderson (che lo ha ingaggiato come attore per un piccolo ruolo in Boogie Nights) Y Jim Jarmush Hanno citato questo film come un grande riferimento e nel 2016 è stato selezionato per la conservazione presso la Library of Congress per la sua importanza culturale, storica ed estetica.

Altri suoi film lo sono libbra (1970), in cui gli umani giocano a cani in attesa dell’eutanasia, il western Palazzo di Greaser (1972), che Time definì “il film americano più avventuroso” di quell’anno. Ha anche diretto diversi episodi di La dimensione sconosciuta.


Sig. è un ritratto accattivante e irriverente di la vita, il lavoro e gli ultimi giorni di un regista innovativo e sconosciuto al grande pubblico, il cui spirito ribelle ha permeato decenni di controcultura nel cinema.

Anche se Downey Jr. all’inizio ha resistito a non concentrarsi troppo su di lui nel film, “le cose si sono evolute e sono cambiate”, osserva Smith. In gran parte perché “padre e figlio avevano molto da dirsi”, ma anche per l’avanzata del morbo di Parkinson in Downey Sr. Secondo il regista, tutto ciò ha portato il materiale a un’esplorazione delle relazioni genitore-figlio e una meditazione sulla vita in generale. “Siamo qui, facciamo cose e poi ce ne andiamo”, dice Downey Jr. a un certo punto del documentario, e quella frase lo riassume.

“Robert Downey Sr.” è disponibile su Netflix.

Lascia un commento