fbpx

recensioni le droghe fanno male su netflix

Requiem per un’offerta

In un prossimo futuro, alcuni prigionieri, come Jeff (Miles Teller), vengono inviati al laboratorio del dottor Abnesti (Chris Hemsworth). Grazie a una piccola console sul retro della schiena, vengono testati farmaci sperimentali su queste cavie umane. La loro particolarità? Controlla le emozioni, che si tratti di risate, desiderio sessuale o anche voglia di parlare.

Adattato da un racconto di George Saunders, Testa di ragno possiede una dimensione apertamente orwelliana, che mostra fin dai primi minuti che i prigionieri acconsentono a queste prove che monopolizzano il loro corpo e il loro spirito. Dietro la fantasia di una società standardizzata, il film gioca su una forma di schizofrenia, quella di un’umanità che vuole trascendere se stessa, mentre cerca di resistere al mutamento della propria natura.

La crociera si diverte

Paradossalmente, il lungometraggio riflette il suo soggetto. Per essere ancora più precisi, ci sono due film in Testa di ragno. Da un lato, quella di una sceneggiatura povera, che dobbiamo al duo Rhett Reese e Paul Wernick (Piscina morta, 6 Sottoterra, terra degli zombi). Dall’altro, quella di una messa in scena ispirata, ritagliata anche per Joseph Kosinski.

A suo modo, è difficile non vedere nell’ultima produzione Netflix un ritorno a un famoso dibattito cinefilo: è meglio vedere un brutto copione salvato da una realizzazione incredibile, o una miserevole messa in scena al servizio di uno scenario magistrale? La specificità del cinema tenderebbe a scegliere la prima opzione, ma è chiaro che questo non perdona tutto.

Testa di ragno: foto, Chris HemsworthVorremmo evitare Thorpiller il film

In caso di Testa di ragnoReese e Wernick si perpetuano la loro scrittura meno pseudo postmoderna che cinica, sempre alla ricerca di due o tre piroette narrative e di qualche effetto shock per compensare il vuoto delle porte aperte che spingono come poliziotti in una ricerca muscolare. Di fronte a questi umani trattati come topi da laboratorio, il film continua le sue avventure senza mai sfruttare appieno il potenziale del suo concept. Anche Chris Hemsworth, tuttavia una scelta perfetta in Steve Jobs / startupper troppo pulito con lui, innesca un deragliamento nella sua performance troppo telefonata per sembrare agghiacciante.

A dire il vero, il personaggio di Abnesti, una sorta di pervertito narcisista che solo a metà assume la disumanità dei suoi giochi perversi, rappresenta tutto l’impossibilità del film di costruire una vera ambiguità morale, eppure al centro del suo postulato. Invece, lo spettatore deve riempirsi di tanti dialoghi bisognosi sul libero arbitrio, sulla mostruosità innata degli esseri umani e sulla loro sete di autodistruzione, stando attento a rimanere a un livello superficiale per non disturbarli. .

Testa di ragno: foto, Chris HemsworthSto guardando Spiderhead per la sceneggiatura. Lo scenario:

E nel mezzo scorre un regista

Ma come detto prima, c’è un altro film in Testa di ragno, per una volta molto più coinvolgente. Come ex architetto e designer, Joseph Kosinski si è poi dimostrato Tron: Eredità e oblio che ha un occhio speciale per la progettazione di spazi cinematografici. Qui, il centro balneare dall’aspetto essenziale per un cattivo di James Bond sfoggia suite di linee armoniose e spezzate, alla ricerca di un senso di geometria e simmetria in composizioni leccate.

Leggi  'Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere': preparati ad alzarti presto con la premiere della serie dell'anno

In questo modo, il regista riesce regolarmente a farlo dare una sottigliezza a uno scenario che ne è privo attraverso l’immagine. Ad esempio, il centro di Spiderhead si presenta come una specie di isola paradisiaca, dove i prigionieri possono accedere liberamente a tutte le stanze dell’edificio. Mentre Abnesti sottolinea questa specificità del luogo, Kosinski passa il suo tempo a contraddirla con le sue linee di fuga, che racchiudono i suoi personaggi sia in saloni giganteschi che nelle loro stesse psiche tormentate.

Spiderhead: foto, Miles Teller, Jurnee Smollett-BellUn film sul feng shui

Ma soprattutto Kosinski presta particolare attenzione alle sessioni di test antidroga, dove le squadre affrontano una stanza immacolata ricoperta di vetri colorati, come lo specchio deformante di un’umanità confrontata con i suoi impulsi e i suoi demoni, mentre il demiurgo si strofina le mani. In quei momenti, in cui la messa in scena di Kosinski accentra attraverso la sua gestione dell’arredo lo sguardo dei corpi presenti, Testa di ragno riesce a creare un vero senso di disagio, soprattutto durante il suo pivot di punto medio.

Purtroppo è anche da lì che il film si perde, e innesca una serie di rivelazioni che non arrivano mai al termine della loro logica, anche in un ultimo atto finalmente molto saggio. La delusione è tanto maggiore quando si percepiscono gli impulsi ispirativi del suo regista, e la precisione del suo taglio.

Testa di ragno: fotoIl tipo di piano fatto a Kosinski

Dopotutto, da allora tron 2Kosinski non fa altro che ritrarre personaggi bloccati in un mondo da cui cercano di fuggire, che si tratti della Griglia o delle foreste fiammeggianti di linea di fuoco. Invece Top Gun: Maverick si diverte con la linea dell’orizzonte come frontiera di tutte le possibilità che devono essere invertite, deformate e superate a bordo di un aereo da caccia, Testa di ragno esplode in mille pezzi all’interno di questo edificio dove il futuro incerto dei personaggi si confronta costantemente con il loro passato traumatico.

Il regista costruisce le sue immagini sulle barriere simboliche che i suoi eroi creano tra loro e una potenziale felicità che sentono di non meritare. Tutto il cinema di Joseph Kosinski si può riassumere in questa idea: bisogna ricostituire la linea, come un filo di Arianna che indica la direzione da prendere. Testa di ragno spinge questo concetto ai suoi limiti e lo rende un oggetto di design fresco e affascinante. Peccato che sia così vuoto.

Spiderhead è disponibile su Netflix dal 17 giugno 2022

Testa di ragno: poster degli Stati Uniti

Lascia un commento