fbpx

recensione più oscura che mai su Netflix

IL NERO È NERO, NON C’È PIÙ SPERANZA

Nere come i tunnel delle trincee della prima guerra mondiale in cui è ancora intrappolata la mente di Tommy Shelby, nere come le magliette fasciste dei sostenitori di Oswald Mosley, nere come la malattia ai raggi X. Passato, presente, futuro: la luce non passa più. Inoltre, non ci sarà una sola macchia di cielo azzurro e soleggiato oltre la sequenza del prologo del primo episodio, durante il quale la morte ha un terribile tributo per il nostro personaggio principale (e per il pubblico, che il gruppo ha informato delle disgrazie tragedie del il cast di Peaky Blinders poteva solo temere). Un taglio profondo, come una lama di rasoio in una vena cava. Il primo.

Perché non siamo qui nemmeno da dieci minuti, e Peaky Blinders ancora non fa altro che salutare il suo protagonista e il suo pubblico. La morte non è mai stata così attiva e ingiusta sulla scia di Tommy Shelby, e mai l’oscurità è stata così fitta come in questa stagione 6. Potremmo tagliarla con un rasoio (di nuovo). Anche il suono diventa pachidermicamente pesante, il tradizionale post-punk soave che lascia il posto ad accenti quasi doom. Ce n’è abbastanza per essere disastrosi: il nulla sta guadagnando terreno ovunque, la morte è accampata fuori dai cancelli del palazzo Shelby come i fascisti si accampano fuori dai cancelli del potere. Non basterà niente: un po’ di coordinazione, un po’ di pazienza, e la storia farà il resto.

…Lumos? Lumos Maxima?

La luce non passa più. Sono rimasti a malapena pochi raggi che la telecamera può catturare, a cui la produzione di Anthony Byrne fornisce solo ciò che è strettamente necessario per riportare ciò che sta accadendo e impressionare il film. La fotografia, ormai quasi interamente composta da controluce e chiaroscuro, è soffocante, infiltrata da una macchia d’olio che non dice il suo nome in pubblico. Ovviamente, c’è sempre un sacco di storie estetiche gratuite, siamo in vantaggio Peaky Blinders Dopotutto. Ovviamente è ancora sontuoso come prima, se non di più, evidenziato dal brillante scontro a fuoco finale, illuminato solo dalle scintille accecanti di una metropolitana notturna che striscia come un verme.

Ma perdoniamo, perché ha senso in questa stagione 6, che mantiene il corso narrativo rinnovato dalla stagione 5, una magnifica stagione in cui le questioni storiche sono andate ben oltre le piccole guerre di mafia, dove le lotte di potere tra clan di strada hanno avuto un impatto diretto sulle lotte di potere tra clan politici. Come se avessimo scaricato i fan del paintball a Fallujah. Non giochiamo più e probabilmente non suoneremo mai più. Inoltre, l’ultima scintilla di innocenza rimasta in Tommy Shelby si spegnerà a metà di questa stagione, nonostante un pagamento in oro e una promessa mantenuta per fermare l’alcol. Un altro indebito riscosso dalla morte. Tanto grano da falciare, da mietere, la stagione è buona.

Peaky Blinders: foto, Finn ColeNon giocare con i Peaky Blinders

SIC TRANSITO

Peaky Blinders non c’è mai stato un tea party a ballare al Balajo. L’atmosfera è tradizionalmente più simile a un caffè irlandese color inchiostro indiano. Ma, se la stagione è buona, lascia anche un po’ di amaro nel senso cattivo della parola. Siamo molto seccati a dirlo, siamo rimasti un po’ insoddisfatti, nonostante l’immenso piacere di ritrovare il clan Shelby. E per una volta, non incolperemo un’opera per la mancanza di anima o di ragion d’essere. Al contrario, i pochi piccoli difetti di questa stagione 6 sono più in superficie. Perché per usare un’espressione già pronta, questa sesta stagione è quella che potremmo chiamare una stagione di transizione.

Una critica che può sembrare ingiusta. Per la prima volta, la quinta stagione di Peaky Blinders si è conclusa con una sconfitta per gli Shelby, unita al tradimento di Michael, un membro chiave dell’organizzazione. Ora in fuorigioco, aveva senso che per il clan stesse avvenendo una lenta riconfigurazione, più nel ghiaccio cospirativo che nella foga del momento. Era necessario, logico, eppure è un po’ frustrante. Una stagione confusa, per personaggi confusi, dove prima il programma non avrebbe potuto essere stabilito più chiaramente: prendere il posto di Billy Kimble, sopravvivere alla vendetta di Luca Changretta, assassinare Oswald Mosley per sottomettere il fascismo…

Peaky Blinders: foto, Amber AndersonDiana Mitford, eccellente nuovo personaggio che ha una visione molto edificante della stretta di mano aristocratica

Assassinare Oswald Mosley: il piano è bloccato. L’avversario è tosto, oltre ad essere davvero malato. Buone notizie: le difficoltà non sono mai state così grandi, anche l’invincibile Tommy Shelby si è fermato. Cattive notizie: dovremo camminare un po’ sull’acqua. Siediti, ammira il panorama, ci vorrà un po’, il tempo per mettere a punto la prossima stagione (o il film?). La vista, appunto, può anche porre un piccolo problema, perché non è così varia come potrebbe essere. Alcune serie vengono spesso criticate per essere troppo disperse (ciao Cose più strane), potremmo dire il contrario qui: ultra-focalizzata, questa stagione 6 ruota quasi interamente attorno a Tommy Shelby.

Leggi  Obi-Wan Kenobi episodio 6: la Forza si risveglia con clamore su Disney+

Tutti gli altri personaggi ora gravitano attorno a questo sole nero con la sua luce sempre più tremolante, una forza superiore che vampirizza tutto. L’effetto prodotto è doppio e contraddittorio, travolgente e allo stesso tempo terribilmente magnetico. Anche qui il rimprovero sembra ingiusto, perché è proprio la meccanica stessa di questa stagione: al di là della sua orbita, l’oscurità, il vuoto siderale. Ma c’è poco spazio per gli altri. Arthur Shelby e Michael Gray vengono mandati alla cuccia dal primo episodio e torneranno solo alla fine. Oswald Mosley viene restituito a un ruolo subordinato. Il gustoso Alfie Solomons – quasi l’unica fonte di umorismo in questa stagione – passerà solo di una testa.

Peaky Blinders: immagineOh mio dio attenzione, una scena senza Tommy Shelby

QUESTA MACCHINA UCCIDE I FASCISTI

Ecco Tommy. Tommy è magico. Ad ogni modo, sta cadendo come mosche intorno a lui, quindi non sono rimaste molte persone da filmare. E se non sei felice, lamentati con il Peaky Blinders. Per fortuna lo spettatore è onestamente ben lungi dall’essere infelice, anzi generalmente è molto soddisfatto. Soprattutto dal momento che questa transizione è tutt’altro che filmare un vuoto, accadono molte cose cruciali per il sequel, specialmente nell’episodio finale, ovviamente.

In verità, nonostante le piccole scorie precedentemente elencate, se smettiamo di confrontare Peaky Blinders a Peaky Blinders, siamo ancora su una dispersione della concorrenza simile a un puzzle. Peaky Blinders dinamite, disperdere, ventilare. Cillian Murphy è sull’Everest di Charisma e continua a salire. I set sono sempre più impressionanti e ricchi di dettagli. La trama ha ancora la sua parte di sorprese in serbo, con i soliti colpi di scena esagerati, come gli altrettanto consueti colpi di scena sbalorditivi (menzione speciale all’ultimo colpo di scena di questa stagione, che ha strappato un “MA NO” di stupore al tuo vero ). E i dialoghi sono ancora altrettanto cesellati.

Peaky Blinders: foto, Cillian MurphyNah, ma non possiamo dire nulla, in effetti è semplicemente inarrestabile

Ma dire tutto questo è più o meno non dire nulla Peaky Blinders, poiché queste sono ora le aspettative di base per il calibro di questa serie. Ciò che meno è il proseguimento della trasformazione operata dalla stagione precedente e, soprattutto, la ripresa del suo tema: l’ascesa organizzata del fascismo. Perché è il nome di questa materia oscura che si insinua nella vita, nella storia, nell’immagine, come una macchia d’olio che divorerebbe i pigmenti colorati di un quadro. Steven Knight l’aveva afferrato tra le fauci, e siamo felici di vedere che anni dopo, le sue zanne sono ancora piantate in profondità nel collo della sua preda. Una preda che non viene trattata solo come un fondale lambda.

Un’immagine inquietante: come potrebbe un Rom venire a lanciare un saluto hitleriano e lanciare la morte agli ebrei? Certo, Tommy Shelby sta giocando un doppio gioco, ma se fosse stata un’altra persona a detenere il potere di influenza ambito da Oswald Mosley – un vero personaggio storico, lo ricordiamo – e dal suo “amico tedesco”? Tutto ciò che sarebbe stato necessario è che le convinzioni non fermino la piccola meccanica degli interessi personali che Steven Knight sviscera in dettaglio: una motivazione per il denaro, unita alla capacità di chiudere gli occhi. La complicità di un oligarca non è così difficile da comprare, ed è per la testa che il pesce marcisce.

La sesta stagione di Peaky Blinders è disponibile su Netflix dal 10 giugno 2022

Peaky Blinders: immagine

Lascia un commento