fbpx

recensione nel bel mezzo di una tempesta su Apple TV+

cinque giorni all’inferno

Cinema e serie nascondono storie incredibili. Talmente poco plausibili da diventare, per forza, difficili da credere o semplicemente credibili e inevitabilmente, come spettatori, lasciamo andare la questione, la nostra sospensione dell’incredulità finisce per saltare. Questo è un po’ il caso di fronte Cinque giorni al Memorial tanto la narrativa della serie sviluppa parti di intrighi e disavventure completamente folli mentre concatena le situazioni eccentriche, anche semplicemente inimmaginabili. Perché di fronte ai primi cinque episodi della serie Apple TV+ guidata da Vera Farmiga, è impossibile non pensare per un solo istante che tutto questo sia irreale.

Tra la grandezza e la violenza dell’uragano Katrina – degno dei più grandi film catastrofici in stile Roland Emmerich – la mancata reazione del governo per diversi giorni, il trasporto di pazienti su più piani con la sola forza delle armi, l’atmosfera sempre più soffocante in questo ospedale senza elettricità, la paranoia crescente dei sopravvissuti, i dilemmi morali mortali del personale medico… Cinque giorni al Memorial sembra uscito da una mente contortasoddisfatto di far vivere ai suoi personaggi un vero incubo (piuttosto che creare una storia credibile).

L’inizio dei guai

Poi, improvvisamente l’apparizione di filmati d’archivio ci ricorda una triste verità. Queste situazioni inimmaginabili, questo silenzio mortale da parte delle autorità, questa fame di popolazioni intrappolate nelle loro case allagate… sono solo la trascrizione di un disastro umano. E inevitabilmente, quando ricordiamo, dopo pochi secondi di assenza o pochi minuti di smentita, che la storia raccontata è tratta da una storia vera, Cinque giorni al Memorial assume una dimensione completamente nuova, lasciando l’immaginazione della finzione alle porte per ancorarci completamente all’orrore di un passato reale.

È inoltre in questa ricostruzione, quasi a porte chiuse, dei cinque giorni di salvataggio e sopravvivenza di operatori sanitari e pazienti al New Orleans Memorial Hospital (uno dei più grandi dello Stato della Louisiana) che la serie colpisce di più. Giocando con i codici dei film catastrofici e poi con le soap opera mediche (sì, a volte abbiamo la sensazione di essere dentro Grey’s Anatomy Dove Pronto soccorso), la serie Apple TV+ si destreggia abilmente tra i destini dei suoi vari personaggi. Per cinque episodi, offre un crescendo crescente di tensione, paura e le conseguenze del flagello in corso.

Cinque giorni al Memorial: fotoUna piattaforma di evacuazione simile a una montagna impossibile da scalare

tempesta nera

Un cataclisma sia climatico che ospedaliero che inevitabilmente risuona un po’ di più, 17 anni dopo, mentre il pianeta si avvia a capofitto verso una debacle ambientale e ha appena vissuto una delle peggiori crisi sanitarie della sua storia con il Covid-19. Un disastro che sembra essere stato, inoltre, uno dei tanti campanelli d’allarme che abbiamo ignorato, essendo i molteplici governi così determinati a lasciare che il nostro mondo cadesse in rovina.

E se risuona in tutto il mondo, l’eco di Cinque giorni al Memorial nel nostro tempo è ancora più terribile quando studia ferocemente le colpe degli Stati Uniti per smascherarle meglio. Difficile non menzionare soprattutto la reazione lenta e sproporzionata (anche del tutto inappropriata) dell’amministrazione Bush, la cui negligenza sembra quasi intenzionale. Una domanda poi persiste: se la città di San Francisco fosse stata così duramente colpita, la reazione sarebbe stata la stessa? New Orleans è stata aiutata così lentamente perché la sua popolazione è per oltre il 55% afroamericana?

Cinque giorni al Memorial: fotoUna sconcertante corsa contro il tempo

La serie ha il coraggio di porre la domanda o, comunque, di evocare la possibilità, ricontestualizzando le tante immagini del periodo in cui vediamo le sue famiglie afroamericane che gridano disperatamente aiuto sul tetto della loro casa e ne sente il disgusto dei residenti bloccati senza cibo né acqua alla periferia del Superdome. Cinque giorni al Memorial lo fa giudiziosamente anche attraverso i suoi personaggi e i loro incontri con gli abitanti della città che cercano di confinarsi a loro volta all’ospedale, sperando di trovarvi un aiuto prezioso che attendevano da diversi giorni.

Leggi  Anteprime Netflix ottobre 2022 (serie): questo mese il nuovo horror di Mike Flanagan, l'ultimo di Manolo Caro e un 'thriller' di Ryan Murphy - Serie di notizie

E inevitabilmente, questo dà materiale alla serie per analizzare la complessità delle decisioni che i membri dell’ospedale hanno dovuto prendere. Mentre si trovano già in una situazione pericolosa, vederli rifiutare altri pazienti in difficoltà per sperare di salvare quelli già presenti dentro le loro mura, è un tormento emotivo della finzione. Ma ancor di più, lo è soprattutto un vero e proprio involontario approfondimento dello strappo sociale e razziale in attocon la maggior parte dei residenti che chiedono aiuto essendo afroamericani e gli operatori sanitari che li rifiutano (perché incapaci di aiutare) essendo prevalentemente bianchi.

Cinque giorni al Memorial : Foto Vera FarmigaLa paura di aspettare

crimine americano

La serie riesce così a creare un crescente senso di rabbia, lo spettatore che vede il mondo che si lacera un po’ di più proprio nel momento in cui dovrebbe unirsi più che mai. E quando inevitabilmente attacca, dopo cinque episodi di pura telecamera in questo ospedale che affonda, l’indagine sulle decisioni dei caregiver di salvare ciò che (e quelli) potevano, l’esasperazione non è che più forte.

Non ne abbiamo ancora parlato, ma la serie si apre con il ritrovamento di una quarantina di corpi al Memorial Hospital pochi giorni dopo la fine dell’uragano Katrina. Viene quindi avviata un’indagine quando l’autopsia di molti di loro rivela che erano stati drogati. Il personale ha quindi preferito uccidere questi pazienti per facilitare il compito di evacuazione? O stavano acconsentendo quando venivano somministrate loro queste dosi letali? Queste domande sono al centro degli ultimi tre episodi di Cinque giorni al Memorial ed è chiaro che è probabilmente il meno accattivante.

Cinque giorni al Memorial : Foto Michael Gaston, Molly HagerUn’indagine interessante ma meno dinamica

Lo spettatore avendo potuto assistere alle decisioni prese dai caregiver ed in particolare a quelle della dott.ssa Anna Pou (Vera Farmiga quindi), avrà presto un’idea sulla questione. Inoltre, poiché i tre episodi di indagine non rivelano alcun elemento di novità per il pubblico, è difficile aggrapparsi alle scoperte degli inquirenti. Tuttavia, rimane una grande esplorazione del potere che possiamo/dobbiamo dare ai caregiver in tali situazioni.

Hanno preso la decisione giusta o solo la decisione più facile per loro? Possiamo giudicare il loro coraggio o la loro codardia quando nessuno ha sperimentato la loro posizione? Avevano davvero una scelta? I veri colpevoli di una tragedia così mortale non sono piuttosto i finanzieri che sono rimasti in silenzio e che hanno abbandonato i propri dipendenti? Con intelligenza, la serie si rifiuta davvero di decidere e si apre linee di riflessione morale piuttosto eccitanti. Abbastanza per evidenziare (ancora una volta) la profondità della sua storianon riuscendo a dargli la fragorosa tensione dei suoi primi episodi.

Five Days at Memorial è disponibile per intero su Apple TV+ dal 16 settembre 2022

Cinque giorni al Memorial: US Poster

Lascia un commento