fbpx

Recensione: ‘La casa del drago’ 1×03

Se c’è qualcosa che sta caratterizzando la prima stagione di la casa del drago sono le grandi ellissi tra gli episodi. Tra il secondo e il terzo sono trascorsi tre anni, in cui Viserys ha avuto il suo tanto atteso primogenito maschio ed è in attesa del suo secondo discendente con la regina Alicent, Daemon e Casa Velaryon sono dentro guerra aperta su gradini di pietra e Rhaneyra si sente sempre più tradita e relegata al suo status di erede ufficiale al Trono di Spade.

Il secondo del suo nome è un episodio che ritrae il declino del regno di Viserys, che, nella sua ossessione di mantenere l’eredità di pace del suo predecessore, evita di prendere qualsiasi decisione politica o militare. Come ricordano le dame invitate alla celebrazione a nome del principe Aegon, mentre mangiano torte e bevono tè con i loro cani, la corona non ha dato inizio alla guerra che si sta conducendo nelle Città Libere, ma ciò non significa che il regno non non essere in guerra. Tuttavia, Viserys lo è dato a feste, banchetti e altre tradizioni banali ad Approdo del Re.

Quello che vediamo in questo episodio, che ci permette di lasciare le solite posizioni della Fortezza Rossa, è il giorno di caccia. Come Viserys dice ad Alicent, “Tra i Targaryen ci sono molti cavalieri di draghi, ma pochi sognatoriNon cavalca draghi, ma una volta fece un sogno in cui vide suo figlio uscire dal fuoco con indosso la corona di un conquistatore, un sogno a cui si aggrappava come una profezia e uno che mise Aemma attraverso un calvario di gravidanze. che si concluse con una perdita o la morte del neonato e infine quella di entrambi.

Viserys e Rhaenyra alle celebrazioni in onore di Aegon.

Ora che Alicent gli ha dato quel figlio che non si aspettava più, quel sogno lo tormenta e gli fa dubitare della decisione che ha preso nel nominare Rhaenyra come ereditiera. Dubbi che scompaiono quando il cervo bianco non viene presentato come un segno di buona fortuna in onore del piccolo Aegon, perché quella che per Otto Hightower sarebbe semplicemente una medaglia sul curriculum del nipote quando rivendica la successione, per Viserys sarebbe davvero un segno divinoperché è un “sognatore” e prende molto sul serio le profezie.

Il cervo bianco, il re della foresta reale, era lì il giorno della caccia, ma si fermò davanti a Rhaenyra. La principessa scelse di non ucciderlo, pur sapendo che il suo ritorno ai festeggiamenti con quella preda sarebbe stato un duro colpo al tavolo che avrebbe messo a tacere molte bocche. La sua furia l’aveva già catalizzata con il cinghiale la sera prima, e il suo battesimo nel sangue era catartico.

Leggi  abbiamo visto l'Orso d'Oro alla FIF di Saint-Jean-De-Luz

Un’immagine che dialoga con quella di Demoneche si lanciò in una missione suicida contro il Crab Benefactor, ispirato in gran parte dalla collaborazione che ora gli offriva Approdo del Re: “Spero che con il mio aiuto raggiungerai la vittoria che ti è sfuggita“, ha detto Viserys nella lettera per la quale il messaggero è quasi morto. Un aiuto che arriva grazie all’intervento di Alicent, che nonostante le macchinazioni del padre (che, accecato dall’ambizione, sembra un’idea geniale prometterle due anni -vecchio nipote con Rhaenyra), non sembra interessata alla successione al trono, ma all’essere una bella regina.

Daemon e il Velaryon preparano la grande battaglia-.

Daemon e il Velaryon preparano la grande battaglia-.

A proposito del mio cadavere, deve aver pensato Daemon, e aveva ragione, se era già in guerra da tre anni, non avrebbe permesso a suo fratello di mettere la medaglia all’ultimo minuto. Greg Yaitanes dirige la prima grande scena di battaglia di spin off di Game of Thrones ed esce grazioso. È epico, viscerale e sorprendente, perché con Daemon come esca, non ci aspettavamo di vedere l’arrivo di un drago. Sul dorso del suo drago bianco è arrivato Laenor Velaryonfiglio di Lord Corlys e Rhaenys, cavaliere con sangue Targaryen da parte di madre.

Con questo sono già tre i draghi che abbiamo visto in questa stagione e chiudiamo un altro ottimo episodio di una serie che ogni settimana si consolida come il grande successore di Game of Thrones per proprio merito.

Promo per l’episodio 1×04 di “La casa del drago”


“La casa del drago” è disponibile su HBO Max.

Tutte le recensioni de ‘La casa del drago’…

  • ‘La casa del drago’ 1×01 – La legittima erede di ‘Game of thrones’
  • ‘La casa del drago’ 1×02 – ‘Il principe canaglia’, granchi e nuova regina

Lascia un commento