fbpx

recensione in cui Mr Bean fa il Bzz su Netflix

Il ritorno del re

Hai cliccato su questa recensione con una scarica di adrenalina. È questo il personaggio di Rowan Atkinson Mr. Bean ? Quello che hai guardato mentre sorridevi beato sul divano in un piccolo appartamento con i tuoi genitori? È tornato per un atteggiamento più schietto e sguardi sornioni? Sì, ha ancora quel dono comico in cui mette in mostra Da solo con l’ape senza raggiungere il traboccamento, la sazietà o la noia.

Anche lo scenario di questa breve serie (nove episodi per una durata totale di meno di due ore) è ridotto al minimo indispensabile per lasciargli più tempo e spazio possibile per disfare il suo arsenale di gag. Rowan Atkinson interpreta così Trevor, un padre divorziato, disoccupato e piuttosto patetico, che, per offrire alla figlia un weekend da sogno, decide di officiare come house sitter. (governante in francese). Il 50enne, poco intelligente, si ritrova a vegliare su una casa moderna e borghese, imbottita di arte contemporanea troppo cara, e in cui un’ape gli darà filo da torcere.

Se la premessa sciocca di un’ape CGI (che per inciso si rivela essere un calabrone) come antagonista di un sempliciotto goffo e con una smorfia potrebbe sembrare esilarante, beh, lo è. Ed è molto difficile sfuggire alla serie senza essersi almeno soffiato il naso.

“Ciao, questo è il CPF, hai ancora diritto ad allenarti con …”

Tra il cane e la sua allergia (che funge da lassativo), la fragilità di un manoscritto secolare esposto in una biblioteca chiusa a comando vocale (il cui codice è la data di un’impronunciabile battaglia scandinava), o la moltitudine di opere d’arte inestimabili presente in casa, Da solo con l’ape riesce pienamente a realizzare la sua ambizione di essere a Destinazione finale scherzo e distruzione di mobili.

Questo immenso parco giochi, di cui sono stati solo sfiorati gli angoli, permette alla messa in scena di divertirsi con il suo protagonista, manipolandolo in varie situazioni e ambientazioni, dal bagno al giardino passando per il garage, dal basso quando canta in sotto la doccia o in inquadrature ampie e statiche per vederlo volteggiare magnificamente. Fortunatamente, questo bordello tecnologico evita l’insidia di non essere altro che una commedia da scolaretti, e risparmia così ogni considerazione sull’ingresso dell’elettronica nelle nostre case.

Da solo con l'ape: foto, Rowan Atkinson“Posso spiegare tutto…”

Il formato della serie, strano a prima vista, è uno dei suoi maggiori punti di forza. Da solo con l’ape sembra essere stato un film ad un certo punto del suo sviluppo, della durata di meno di due ore. Infine, questo ipotetico film sarebbe stato tagliato in nove episodi, la cui durata varia da dieci minuti a quasi diciotto minuti (ciascuno incentrato su una stanza o su una particolare situazione di conflitto tra Trevor e l’ape).

Questo taglio consente alla serie di non vedere mai il suo ritmo rallentare e di essere un cartone animato energico e una vera caramella per il binge-watcher., gli episodi si susseguono a una velocità vertiginosa. Sarebbe stato difficile assorbire un film di quasi due ore (che a volte sarebbe ridondante a causa della natura simile delle situazioni comiche), e questo formato rende il contenuto molto più digeribile.

Leggi  'Westworld', la fine della stagione 4 e il ciclo perpetuo della serie HBO

Solo con l'ape: fotoQuesto drone è il sintomo della voglia di lasciare Atkinson completamente solo sullo schermo

Ci siamo già stati

Tuttavia, è difficile non avvicinarsi alla serie con un pizzico di diffidenza. La piattaforma Netflix, come aveva fatto con Il Pentaverato di Mike Myers, non sta forse cercando di colpire una corda con nostalgia? con Rowan Atkinson in una storia che giureresti, strizzando gli occhi, era un nuovo episodio di Mr. Bean ? La risposta è, ovviamente sì. E di fatto Da solo con l’ape sembra un’imitazione, per non dire contraffazione.

Una contraffazione di eccellente fattura, certo, che riesce a riciclare il duo formato dal regista e dallo sceneggiatore di Johnny inglesee che dà il posto d’onore alla commedia di Rowan Atkinson, ma una contraffazione che non avrà nulla di memorabile in confronto a Mr. Bean.

Da solo con l'ape: foto, Rowan AtkinsonVai al carbone, letteralmente

Questo desiderio di essere un sequel quasi diretto del personaggio unanimemente amato di Mr. Bean inoltre spinge la serie a essere un one-man-show. Rowan Atkinson è l’unica leva dell’umorismo, ad eccezione di Cupcake, il simpatico cagnolino o il diabolico calabrone in CGI. Possiamo quindi rimpiangere un uso troppo scarso del dubbio carattere poliziotto di Tom Basdeno la nevrotica coppia borghese formata da Jing Lusi e Julian Rhind-Tutt, che compaiono solo durante l’introduzione, la conclusione e in occasione di rare telefonate.

Qualcosa da chiedere: perché la storia vuole coinvolgere così tanti personaggi (data la sua breve durata) per non evocarli in seguito? La famiglia di Trevor serve solo a sottolineare subito che è un buon animo, nonostante la sua goffaggine, allo stesso modo in cui la coppia proprietaria serve solo a mettere in risalto i suoi modi rozzi, e a relativizzare i danni che causerà (sono davvero all’interno di un capolavoro? ).

FotoTom Basden, una presenza comica purtroppo non utilizzata

Concentrandosi esclusivamente sul personaggio di Trevor e sulle espressioni facciali di Rowan Atkinson, la serie si priva di una commedia di situazione che avrebbe potuto alzare la posta in gioco in tutte le avventure più stravaganti. Una visita a sorpresa dell’ex moglie di Trevor o dei proprietari sospettosi che tornano inaspettatamente sono tutti spunti che avrebbero potuto arricchire la narrazione, ma anche le gag.

È un peccato, a maggior ragione, in quanto Da solo con l’ape si lancia in un tentativo del genere, a metà della sua stagione, che subito disinnesca, privandoci così di una sequenza di invasione domestica che però si preannunciava incredibile, turbando per il nostro più grande piacere il postulato di questo feroce duello tra un’ape e un attore che non ci darà mai il calabrone.

Alone with the Bee è disponibile per intero dal 24 giugno 2022 su Netflix

Solo con l'ape: poster degli Stati Uniti

Lascia un commento