fbpx

recensione di una Marvel rilasciata alla Quercia su Disney+

cipresso obiettivo

Quando il progetto viene annunciato Mi chiamo Groot, James Gunn non ha mancato di spiegare su Twitter che la serie non era essenziale per la comprensione complessiva del MCU, anche che non apparteneva al canone del franchise. Come ipotizzare moderatamente una produzione di gadget pensati per alimentare lo sfondo del catalogo Disney+? O la promessa di una pastiglia divertente, capace di esistere al di fuori del teaser permanente e rilassante della Marvel?

Sfortunatamente, siamo costretti a propendere per la prima opzione. Tuttavia, è importante specificarlo intraprendendo Mi chiamo Groot, non ci aspettavamo un monumento della fantascienza comica. Al massimo uno spin-off fresco e divertente su una delle creature più carine dell’Universo Marvel.

Dopotutto, se Disney+ inizia a dipendere da serie spin-off degne dell’eredità di Disney Channel, queste possono benissimo sfuggire alla loro dimensione puramente commerciale per raccontare qualcosa di bello e toccante (vedi la nostra recensione di Baymax). Tutto questo per dirlostavamo vivendo le avventure di Baby Groot senza a priorie anche con una certa apertura mentale.

Essere carini non basta

Ma dopo un po’ devi smetterla di prendere in giro il mondo. Con i suoi cinque episodi da tre a quattro minuti, Mi chiamo Groot non ha altre ambizioni che essere consumato come una piccola serie di schizzi che avremmo guardato sul canale YouTube in tempi normali. La regista e showrunner Kirsten Lepore (meglio conosciuta per i suoi acclamati cortometraggi in stop-motion) è senza dubbio consapevole dei limiti di questo formato (l’intero film può essere visto in soli venti minuti), ma non cerca mai di trascendere i suoi limiti.

Al contrario, la serie corta sembra mai aspettarsi posta in gioco narrativa o crescendo emotivo fino al suo concetto. Tuttavia, non è che la Pixar non sia riuscita per oltre vent’anni a realizzare cortometraggi che coinvolgano lo spettatore in un attimo, dal lato delle risate o delle lacrime.

Mi chiamo Groot: fotoUna buona analogia con la qualità della serie

Leggi  The Upside Down World, ma in rosa: commedia e azione si mescolano nel trailer ufficiale di 'Paper Girls'

Postumi della sbornia

Qua, Mi chiamo Groot si accontenta del minimo indispensabile, e sfrutta addirittura il suo formato per non sfruttare mai le possibilità del suo mondo, che ci sentiamo particolarmente angusto dai suoi rari campi larghi. A parte un episodio finale in cui Groot affronta una sorta di civiltà in miniatura alla moda i viaggi di Gullivertutto è contorto e pigro, nascosto dietro la scusa di un’animazione fotorealistica che mostra rapidamente i suoi limiti (soprattutto quando compare un altro personaggio della saga).

Inoltre, non importa che la serie non voglia giocare con la follia creativa di James Gunn e la sua bizzarra SF. Tutto sommato, Groot è abbastanza attrazione da solo, soprattutto dato il suo corpo mutevole e malleabile. Ma ancora una volta, il potere burlesco del personaggio è ridotto a alcune gag goffamente spruzzate girato nel complesso e per lo più piatto. Forse non stavamo chiedendo Mi chiamo Groot riprendere i capolavori di Harold Lloyd o Buster Keaton, ma un piccolo requisito nella struttura umoristica degli episodi non avrebbe guastato.

Mi chiamo Groot: fotoLasciati stupire da un pendio scivoloso

A dire il vero, quando scriviamo questa recensione, non possiamo che essere dispiaciuti per l’abbassamento dei nostri standard. È stato bello saperlo Mi chiamo Groot non avrebbe molte ambizioni, non c’è più nemmeno un vago tentativo da parte della Marvel di farci credere che allo studio importi ancora.

La setta è grande, i fanatici hanno adescato a lungo, quindi perché simulare il minimo sforzo. Basti pensare che questa delusione è moderatamente rassicurante per il speciale per le vacanze delle Guardiani della Galassia.

Mi chiamo Groot è disponibile su Disney+ dal 10 agosto 2022

Mi chiamo Groot: poster

Lascia un commento