fbpx

recensione di un Ridley Scott che si screpola alle cuciture

Banda Gucci

Con ogni nuovo film, il caso di Ridley Scott diventa sempre più affascinante da psicanalizzare. Prometeo e Esodo erano spinti da un bisogno morboso di confrontarsi con Dio, come un adolescente in pieno rifiuto ateo, mentre cercava per orgoglio di dannare la pedina ai grandi nomi della settima arte (Kubrick e DeMille). Con una geometria che non potrebbe essere più variabile, il regista ha continuato a sparare a catena, come per combattere il proprio scopo di artista e di essere umano.

Piuttosto che accettare con calma che i suoi momenti migliori sono dietro di lui (Alieno, Blade Runner, Thelma e Louise…), Scott ora sembra inghiottito dalla sua stessa megalomaniache lo spinge addirittura a rivisitare più o meno esplicitamente i suoi gloriosi capolavori (L’ultimo duello Non c’è un modo per prolungare I Duellanti ?).

stile malato

Viste le sue paure e le sue ossessioni, possiamo capire cosa attirasse il regista Casa di Gucciche prende come centro nevralgico una delle notizie di cronaca più clamorose degli anni ’90: l’omicidio di Maurizio Gucci. Questo discreto erede della famiglia toscana è oggi noto per aver permesso al marchio invecchiato di svoltare l’angolo e diventare una delle aziende del lusso più importanti al mondo.

Pertanto, aprendo e concludendo il lungometraggio su questo assassinio, Ridley Scott presenta il suo film come una pura tragedia, quella di un uomo d’affari ambizioso rapito dal Tristo Mietitore prima che il lavoro della sua vita possa completamente schiudersi. Ecco allora…

Il problema è che questo postulato abbastanza classico di ascesa e caduta è appesantito il suo traboccare di desideri e punti di vista. Perché in realtà, Casa di Gucci è meno un film su Maurizio (anche se è il personaggio che più interessa a Scott) che su sua moglie Patrizia, che pian piano si imporrà nell’impero di famiglia.

FotoPronto per (s)cucire

La fine del tiro di Scott

Su carta, Casa di Gucci è così portato da un’ambiguità affascinante, quella del ritratto di una donna che oscilla tra venalità e sete di rispetto. Sfortunatamente, questa dimensione femminista è dinamizzata dal sistematismo con cui Scott filma Lady Gaga e il suo accento italiano da tagliare con il coltello. L’attrice potrebbe faticare a dare corpo a un personaggio che sta perdendo terreno, si vede ridotta a un burattinaio, che tira i fili nell’ombra attraverso scene ripetitive e didattiche.

Questo continuo avanti e indietro della narrazione rivela anche fino a che punto Casa di Gucci è una bozza approssimativa, che ne indaga le sequenze senza entusiasmo, il tutto per una durata francamente irragionevole di 2h40. Laddove i peggiori film recenti di Scott hanno avuto almeno il merito di godere di una tecnica irreprensibile, il regista ha messo il suo formalismo nell’armadio per infinite suite di dialoghi girati in inquadratura rovesciata con multi-cam.

Leggi  "Vaffanculo": il capo di "The Boys" ha un messaggio per i creatori che descrivono la loro serie "come film di 10 ore"

foto Al PacinoUna proposta che vogliamo davvero rifiutare

Risultato, oltre a generare una modifica approssimativa chi cerca un’identità ad ogni scena, questa banalità mette in evidenza solo i difetti del suo espediente, a cominciare da questa scelta molto discutibile di dare accenti italiani ad attori generalmente americani. Probabilmente non è un caso che Al Pacino, piuttosto allegro come un nonno affettuoso e manipolatore, sia l’unico a divertirsi davvero in questo valzer di burattini sconnessi, dove Scott fatica persino a sfruttare il solito talento di Adam Driver, qui quasi estinto.

La parte peggiore di tutto questo è quellaCasa di Gucci è un film su cui si fantastica rapidamente sui rami esilaranti che potrebbe prendere, mentre Scott si accontenta di rimanere fermo per tutto il tempo. Il suo dramma familiare ha ondate di affresco operistico ispirato da Il Padrino ? La messa in scena non ha mai le spalle per trarne la stessa potenza. Il suo contesto bling-bling potrebbe portare a grandi momenti di decadenza e grottesche? Abbiamo solo il diritto al patetico Jared Leto, più ridicolo che mai sotto le sue protesi e i suoi fastidiosi istrioni.

Casa di Gucci: foto, Jared LetoJared Leto ha il miglior o il peggior agente di Hollywood per poter fare cose del genere.

A dire il vero, con un soggetto del genere, il direttore di Cartello e di Tutti i soldi del mondo sembrava essere il luogo perfetto per apporre l’impronta misantropica che lo caratterizza. Tuttavia, se prende un po’ in giro certe situazioni, il lungometraggio non ha mai le zanne abbastanza affilate da mordere i suoi protagonisti. E dal momento che Scott non è nemmeno un grande regista compassionevole, Casa di Gucci si ritrova intrappolato in una via di mezzo, al punto in cui alcune sequenze chiave lasciano semplicemente lo spettatore dentro un imbarazzante livello di apatiacome durante un trasferimento di azioni della società mai sconvolgente o graffiante.

È probabilmente la più grande tragedia del film sembrare così poco brillante. Certo, Ridley Scott è stato in grado di perderci molte volte con postulati aberranti, ma non siamo riusciti a togliere loro l’estremismo. Casa di Gucci è, da parte sua, un encefalogramma piatto. Un progetto soporifero che intacca solo un po’ di più la leggenda di un regista leggendario. Paradossalmente, a forza di combattere la vecchiaia e la morte attraverso la sua arte, Scott ci dà un solo desiderio: mandarlo all’EHPAD.

manifesto francese

Lascia un commento