fbpx

recensione del peggior adattamento degli inferi (grazie Netflix)

residente stupido

C’erano molte, molte opzioni per adattare i videogiochi cattivo ospite. Un incubo soffocante come nel primo episodio, come un’apocalisse urbana Resident Evil 2 e Resident Evil 3: Nemesiscome le montagne russe fastidiose Resident Evil 4un tocco di stile gotico Codice Veronicaun horror appiccicoso come Resident Evil 7o anche uno stupido viaggio nel Resident Evil 6. Anche una storia molto gratuita e semplice sul coronavirus zombi, completa di un segno dell’ombrello su un edificio, avrebbe fatto il trucco a questo punto.

Serie cattivo ospite Il 2022 ha fatto l’impresa di provare quasi tutto e di perdersi quasi tutto. Lungi dal scommettere sull’adattamento frontale di Resident Evil: Benvenuti a Raccoon Citylontana dai film d’animazione e dalle serie animate che si aggrappavano a personaggi cult, si colloca la serie Netflix nell’ombra puzzolente (e un po’ esilarante) dei film guidati da Paul WS Anderson e Milla Jovovich. Come loro, attinge allegramente dalla mitologia dei giochi, tra strizzatine d’occhio e riscritture, per comporre un’avventura attorno a una nuova, quasi invincibile eroina. E come loro, lei finalmente si adatta al peggio cattivo ospite : storie di cloni, tradimenti, mutazioni, quasi superpoteri, sullo sfondo di problemi familiari degni di una telenovela.

La tua anima dopo ogni nuovo adattamento di Resident Evil

A Netflix, cattivo ospite così è la storia da un clone di Wesker, che lavora per la Umbrella su un antidepressivo magico basato sul Virus-T e che ha creato due ragazze drogate, Billie e Jade, per allungare la sua aspettativa di vita. Nel presente del 2022, Billie e Jade sono alleate e scoprono gradualmente la verità poiché la prima è stata morsa da un cane infetto. Nel futuro del 2036, sono nemici, da allora Billie ha assunto la carica di capo della Umbrellae che Jade sta inseguendo il sogno di un vaccino per correggere gli errori di papà.

Dopo otto episodi distribuiti in due epoche, a loro volta divisi in diverse sottotrame, un’osservazione amara, sebbene familiare: nessuno sa cosa fare con cattivo ospitee ogni nuovo tentativo dà l’impressione che l’intro del primo gioco, degno di un DTV jugoslavo, sia destinato a rimanere la migliore trasposizione in live action.

Resident Evil: fotoCosa c’è nella tua testaaaaaaaaaaaaad

la corsa lenta

Anche con la migliore volontà del mondo, impossibile non avvicinare la serie ai film. Questo legame sembra addirittura ipotizzato dagli sceneggiatori, di questa eroina inventata da zero, ma che si evolve in mezzo ai personaggi tratti dai giochi (Wesker, e Ada annunciati alla fine), all’idea del luogo segreto Università che in realtà è una barca (esattamente come Arcadia in Aldilà). Questo è anche e soprattutto l’eredità delle peggiori opere della saga, dove il delirio di cloni e superpoteri aveva afflitto le storie. Ma è anche il sintomo di una serie che vuole mangiare a tutti gli scaffali.

Perché a differenza dei film supervisionati da Paul WS Anderson, la serie cattivo ospite si svolge nell’universo dei giochi. È anche ufficialmente un sequel. Lo showrunner Andrew Dabb dice che la storia si svolge dopo Resident Evil: villaggioe che l’incidente di Vecchio Raccoon City menzionata dai personaggi è infatti quella di Resident Evil 3: Nemesis. Una replica chiarisce che il Wesker originale è morto in un vulcano, per fare riferimento al climax mega Z di Resident Evil 6e la grande cattiva, Evelyn Marcus, è ovviamente la figlia del co-fondatore della Umbrella James Marcus.

Non c’è bisogno di cercare animali di piccola taglia, poiché il lo stesso showrunner presume che ci siano sicuramente delle incongruenze. Tuttavia, non c’è bisogno di andare così lontano poiché questo legame ufficiale, ma invisibile con i giochi non ha significato o valore. È un semplice bonus per catturare l’attenzione dei fan, che potranno giocare a bingo di riferimento (un tiranno, una Lisa, un pianoforte, una menzione di Arklay, uno spray, un coccodrillo).

Resident Evil: foto, Lance ReddickDopo aver pensato alla consistenza della serie per 1 minuto

Sfortunatamente, è solo un piccolo problema alla fine. il grande pasticcio di questa serie a due teste, incapace di tenere la fine della sua storia divisa in due temporalità – e ancora più posta in gioco. Molto velocemente, cattivo ospite trasforma in prova di morbidezza lunga, in particolare nel presente dove la terapia familiare dei Wesker prende una piega infinitamente grottesca non appena arriva lo zio teubé. Tra la pseudo trasformazione di Billie, l’indagine sui teenager e il duello tra Evelyn e Wesker, è un festival che dà la sensazione di guardare proprio tutto, tranne una serie di zombie (e ancor meno una serie cattivo ospite).

Come tale, l’episodio 5 rappresenta un picco di nullità, che prende la forma di un (inter)minable gioco di fuga in cui Billie e Jade seguono gli indizi del padre. Un grande momento di nulla a tutti i livelli, e soprattutto nei tributi. La melodia suonata su un pianoforte è il momento clou dello spettacolo: nei giochi, ha sbloccato una porta segreta in un palazzo da incubo; nella serie, dà accesso alla piastrellatura top secret in un arredamento degno di una casa di spettacolo. E quando i due adolescenti trovano la chiave magica definitiva grazie al loro cagnolino, il desiderio di ridere è grande quasi quanto quello di far inciampare il loro appartamento per tagliare Netflix.

Resident Evil: fotoLa testa del cane = noi

futuroscours

Sul lato post-apo, la doccia fredda è anche peggio. Questo futuro pieno di vermi giganti, ragni famelici e zombi era la carota della serie e l’unico motivo per avere una briciola di speranza. Tranne che molto rapidamente, tutto crolla. Il lato del piccolo incubo à la carte (panico nel tunnel dei leccapiedi, panico nel seminterrato aracnofobico, panico in prigione) vola via dopo alcuni episodi, e il ritorno di Billie e dei suoi riccioli bianchi (probabilmente il suo unico tratto caratteriale credibile) sancisce e seppellisce il resto. Non c’è più un duello tra sorelleche si svolge tra una barca, una spiaggia e una tenda.

Leggi  The Boys Stagione 3: L'operazione Charly è davvero esistita?

È tanto più meraviglioso che il tratto di casa è una valanga di stronzateche spunta tutte le scatole per lo Z. Jade che scatena il caos dopo aver legato uno zombi come un principiante, lo spray magico la cui logica sfida il buon senso (gli zombi sembrano quasi correre verso l’area dello spray, ma non il coccodrillo , ancora rilasciata per questo motivo), l’ondata di zombi che sembrano sospesi ad allungare l’azione per secoli, Billie che pensa di far fuori i suoi super-droni un quarto d’ora dopo l’inizio dell’attacco… c’è una raccolta di tutti gli scatti che tutti vorrebbero vedere sepolto per circa tre decenni.

Resident Evil: fotoCoccodrillo più scemo

È anche in questo futuro più che imperfetto che la serie cattivo ospite rivaleggia in bruttezza con il film recente, Benvenuti a Raccoon City. Se il team avesse avuto l’intelligenza per nascondere le leccatrici e i ragni al buio, e nei classici effetti di montaggio, tutti potranno osservare a lungo il coccodrillo gigante sotto il sole del nord della Francia. Minacciando nelle acque bluastre, la creatura diventa un grande mucchio di CGI degno di Asylum una volta fuori allo scoperto. Il povero animale doveva essere il boss della stagione, oltre a un forte omaggio alle fogne del gioco Resident Evil 2, ma nessuno sa cosa farne. Avrà quindi diritto a un roll on the beach, poi a un momento di contatto diretto, prima di riversarsi nella sabbia.

Niente di meglio per mettere i denti sullo scaffale zombie, gestiti a casaccio da registi e sceneggiatori. A volte incapaci di arrampicarsi su un’auto o di ribaltare una staccionata tremante, a volte voraci e veloci come animali rabbiosi, sono usati e adattati alle scene. La grande sequenza dell’assalto finale conferma che la serie non ha nulla da raccontare o filmare con questi zombi.

È tanto più triste che la buona idea dei morti viventi che dormono nelle acque ghiacciate come nel libro Guerra mondiale Z (un attacco degno di un incidente diplomatico contro il tempo nel nord della Francia) è poco sfruttato, anche se aveva offerto l’unico zombi visivamente riuscito, con quella furia che squarcia la gola di Amrita.

Resident Evil: fotoLe sirene del porto di Normandia

IL BRÊLE CAMMINANTE

Serie cattivo ospite ha almeno una cosa: una capacità quasi affascinante di annegare in una fossa di cattivo gusto chi farebbe sembrare Milla Jovovich come Meryl Streep. Tra Jamiroquaï tirato fuori da un cassetto per punteggiare una scena d’azione, il grande cattivo che si lancia in una coreografia su Dua Lipa e una manciata di canzoni pop i cui testi urlano il sottotesto già molto grossolano delle scene, c è un incubo sonoro senza fine. E quando il vero Wesker si presenta in uno scantinato, sembra aprire le porte a un multiverso degenerato in cui Blade incontra la Umbrella, con tanto di taglio di capelli da sitcom degli anni ’90.

Ovviamente i videogiochi cattivo ospite ha anche portato terne dalle scene nanardesche. Ma nessuno ha obbligato gli sceneggiatori della serie a trarre ispirazione da questi terribili ricordi di guerra, senza entrare in un gran numero di azioni sfrenate e deliranti per controbilanciare. Questo è ciò che aveva salvato dal naufragio diversi giochi e diversi film di Paul WS Anderson, che abbracciavano la dimensione tripla Z dell’universo.

Ma la serie Netflix si rifiuta di farlo e insiste per esserlo immagazzinato nel cestino dello spin-off di Il morto che cammina. Le scene d’azione dei Weskers raggiungono vette di morbidezza che EuropaCorp non osa più sognare dai grandi exploit di Olivier Mégaton, e gli ultimi scontri assomigliano a una rinuncia definitiva a tutti i livelli.

Resident Evil: foto, Lance ReddickLama: Trinitrip

L’unica via di fuga sarebbe stata lo spettacolo della violenza, con cui a volte la serie sembra promettere benvenuti scoppi di malvagità. Nei primi episodi Jade ha lasciato i cadaveri di quasi tutte le comparse che hanno avuto l’onore di parlarle. Nell’episodio 6, anche la sua ragazza super-scienziata-incinta va lì, in una scena simpaticamente crudele. Ma perché la serie non gioca né empatia né esagerazione, l’effetto è mancato.

L’apice rimane la scena in cui Evelyn uccide freddamente suo figlio, morso da Billie. Tutto si gioca e si filma in primo grado, come in un grande gesto drammatico, ma non succede nulla, visto che la loro relazione era stata semplicemente posta in due scene, e assolutamente non scavata (alzi la mano chi avesse anche dimenticato che si trattava di suo figlio ).

Proprio come Papa Wesker, una vecchia copia in piena decadenza e che ha bisogno di nuovo sangue per non morire, la serie cattivo ospite è solo un nuovo sintomo del grande male che divora questa saga cult. È anche una triste buffoneria adattata al mercato del 2022, come Evelyn, trasformata in un burattino. In ogni caso, è un magnifico fallimento. E non sono le prese in giro del Tiranno o di Ada Wong (non meno a buon mercato che nel recente film) a dare la minima speranza.

Resident Evil è disponibile per intero su Netflix dal 14 luglio 2022

Resident Evil: foto

Lascia un commento