fbpx

recensione del fallito Harry Potter di Netflix

canale disney su netflix

Intraprendendo l’avventura di La scuola del bene e del male, sappi che i primi dieci minuti saranno decisivi. Come un esame di ammissione per scoprire se sei in grado di sopravvivere alle 2,5 ore che ti aspettano, la sequenza introduttiva avrà l’onestà di compilare tutto ciò che puoi aspettarti per il resto. Devi riconoscerlo nel film: giocherà lealmente fin dall’inizio. La narrazione si inserisce introducendo due dei suoi personaggi chiave, entrambi interpretati dall’attore meno dotato del film – e non è un’impresa da poco – Kit Young.

Segue un magico duello e, se non manca la buona volontà, rivela subito con cosa abbiamo a che fare. Possiamo già sollevare il film da una responsabilità in meno; questo chiaramente non ha l’ambizione di essere un lungometraggio ed è completamente al suo posto sul piccolo schermo. Gli effetti speciali incredibilmente poveri, il trucco imbarazzantemente brutto o anche la direzione artistica in generale evoca istantaneamente vaghe reminiscenze dei film per la TV dell’infanzia.

Il cliente è stato ovviamente pagato in visibilità

Come se uno fosse improvvisamente trasportato nel 2006, una piovosa domenica pomeriggio su Disney Channel (un ricordo che parlerà ad alcuni), siamo presi da una strana nostalgia. Una sensazione che peraltro non ci lascia durante tutto il film e che sarà forse uno dei rari motivi per cui non usciremo dallo schermo. Ci troviamo sbalorditi da questo strano rigurgito amori fraterni (l’età d’oro della Disney, non mi farai dire il contrario) e ricotti con salsa La cronaca di Bridgerton.

Una volta accettato questo stato di cose, osiamo quindi credere che Paul Feig (e l’intera troupe cinematografica) avranno quindi deciso di assumere pienamente l’impossibilità che qualcuno prenda sul serio ciò che vede sullo schermo. Lo scenario cerca però di dare un corpo drammatico e un primo grado al lungometraggio. Poi contesta diversi toni della storia che non convivono tra loro e sabotano tutti i pregiudizi dello spettacolo. La posta in gioco è tutta uccisa da una generale incoerenza diegetica e dalla casualità del cast (per la maggior parte) mentre anche i tentativi di discorso parodico o metanarrativo sulle fiabe sono costantemente contraddetti. Alla fine, non otteniamo nulla dal nulla.

La scuola del bene e del male : Fotograf Charlize TheronPenso che abbiamo perso Charlize Theron per sempre

Griff’on dorme

Per mancanza di identità e di universo originale, il film si aggrappa dunque disperatamente ai suoi classici. In tal modo, L’Eccole del bene e del male si prende non solo per a Harry Potter dei tempi moderni, ma si prende la libertà di plagiare spudoratamente frammenti nel tentativo di ricrearne artificialmente il fascino. Ma poiché il mostro di Frankenstein non era quello che aveva in mente il suo creatore, il film non sembra altro che un clone soporifero e molto brutto di mille altri pastiches della saga della stregoneria.

Se le giovani Sophie e Agatha sono eroine piuttosto accattivanti, si evolvono con grande difficoltà in questa Hogwarts dei poveri dove niente ha senso e niente funziona. Alcune interazioni tra gli studenti funzionano a metà – spesso guastate da futili amori – ma la scarpa pizzica soprattutto sul lato del corpo docente. Dove la galleria degli insegnanti diHarry Potter era piena di personaggi affascinanti, la nostra scuola attuale è interamente occupata da duplicati senz’anima e non aggressivi di Dolores Umbridge, incarnate da attrici illustri, ma che hanno lasciato il loro talento all’ingresso del set cinematografico.

La scuola del bene e del male: foto Michelle YeohSe stavi cercando il corso di rifacimento, è della porta accanto

Allora colleghiamo le diverse sequenze tutte tristemente familiari : i corsi del guardacaccia (una specie di Hagrid vegetale), la scena del ballo, le piante carnivore ispirate agli elfi della Cornovaglia oi pericoli di una Foresta Proibita. Tutto evoca ancora e ancora il lavoro di JK Rowling e persino la cinematografia degli adattamenti cinematografici. In una scena in particolare, il personaggio di Charlize Theron affronta Sophie mentre è tentata dall’oscurità. Tutto è identico a una sequenza del sesto Harry Potter dove il Professor Snape si rivolge a Draco Malfoy in un corridoio illuminato in modo simile. Strana coincidenza.

Leggi  un orribile trailer per la serie Netflix

Le avventure sono quindi legate senza alcuno scheletro e non può fare affidamento sulla magia del suo mondo poiché non è aiutato né dalla sua estetica né dalla sua mancanza di originalità. Né sono i legami opportunistici immaginati tra gli studenti ei loro genitori leggendari (si parla di Re Artù o Capitan Uncino) a salvare la mitologia del film dalla banalità. L’unico interesse di questo susseguirsi infinito di microeventi si riduce rapidamente a seguire gli intrighi adolescenziali delle nostre eroineevocando la loro complicità e la loro amicizia, che sono ancora gli elementi più toccanti del lungometraggio.

La scuola del bene e del male: foto Sophia Anne CarusoLa sfortuna di Sophie

Per sempre felici e contenti

La giovane Sophia Anne Caruso e Sofia Wylie sono probabilmente le attrici più avvincenti del film ed è già vinto. Data la loro chimica e la loro toccante sincerità per i loro personaggi, saremmo quasi arrabbiati con il film per averli separati così rapidamente e non aver costruito interamente la sua storia attorno alla loro relazione piuttosto che disperdersi costantemente altrove. Laddove Kerry Washington e Charlize Theron sono in un continuo insopportabile gioco eccessivo, Laurence Fishburne e Michelle Yeoh sono lì solo per riscuotere il loro assegno e Kit Young esiste solo per la nostra disgrazia, le due giovani donne spesso la fanno franca onestamente. .

Tuttavia, non sono all’altezza del compito quando il film sceglie di farne a tonnellate e distorcere le loro personalità in modi incoerenti per creare poste drammatiche dell’ultimo minuto. Ma quando hanno bisogno di trasmettere sentimenti più intimi – tenerezza, amicizia, empatia o dolore – entrambi riescono a centrare il loro obiettivo, permettendo L‘Scuola del bene e del male per ottenere il suo principale punto di forza.

La scuola del bene e del male: Sophia Anne Caruso, Sofia WyliePer fortuna ci sono

Infine, La scuola del bene e del male non è orribile quando decide di parlare di sorellanza, amore platonico o amicizia. È un peccato che duri solo troppo poco e che uccidiamo tutto il suo fascino per far decollare questa dannata storia verso la sua dimensione epica fallita. Troppo condensato, troppo lungo, il film ci dà questa spiacevole impressione che avrebbe dovuto essere una serie – e che questa serie non sarebbe stata buona.

L’obiettivo era senza dubbio quello di costruire le basi di una grande saga fin dall’inizio e con la speranza di produrre dei sequel (come suggerisce la scena finale del film). Tuttavia, dopo le 2:30, non vogliamo assolutamente vedere di più. Ci accontenteremo della simpatica conclusione del film per consolarci del tempo perduto, ricordandoci con malinconia il tempo più felicemente sacrificato per Delle le sorelle amano, nel 2006.

The School of Good and Evil è disponibile su Netflix dal 19 ottobre 2022

La scuola del bene e del male: poster ufficiale

Lascia un commento