fbpx

Realizzazione esclusiva di ‘Al descubierto’, il film sull’indagine che ha rivoluzionato #MeToo

Sono passati appena 5 anni dall’impero di Harvey Weinstein È caduto come un castello di carte. Il 5 ottobre 2017, i giornalisti di Il New York Times Jodi Kantor e Megan Twohey hanno pubblicato un articolo devastante che ha scosso l’industria intrattenimento e che ha contribuito ad avviare una rivoluzione in tutto il mondo: “Harvey Weinstein ha passato decenni a tacere con tangenti a chi lo accusa di molestie sessuali”. Maria Schraderil creatore della miniserie non ortodossoora porta al cinema l’emozionante storia di come quell’indagine si è conclusa con Al scoperto. Il film protagonista carey mulligan (nuovo candidato ai Golden Globes) e zoe kazan arriva nelle sale spagnole il 28 dicembre, ma il giornale specializzato in serie televisive e film avanza esclusivamente un potente realizzazione di su come la sua indagine è stata trasformata in un film.

Vincitore di sei oscar un il Meglio Film Y produttore di successo come Sesso, bugie e videotape, Pulp Fiction Y l’indomabile Caccia alla volontàWeinstein era diventato un uomo la cui enorme influenza poteva sostenere o distruggere facilmente le gare e, per anni. Come pubblicato da Kantor e Twohey, l’esecutivo ha usato quel potere per molestare e costringere le donne ad avere incontri sessuali con lui.

Grazie all’esauriente lavoro dei giornalisti e al coraggio delle attrici che hanno accettato di denunciare pubblicamente il produttore, Sono bastate 3321 parole per scuotere le fondamenta dell’industria cinematografica. Erano passati solo pochi mesi dalla pubblicazione del primo articolo quando i produttori Dede Gardner e Jeremy Kleiner di Plan B Entertainment e i produttori esecutivi Megan Ellison e Sue Naegle di Annapurna Pictures hanno acquisito i diritti per trasformare la storia in un lungometraggio.

[Las películas que ya compiten por los Oscar de 2023: se busca sucesora de ‘CODA’]

“L’indagine di Jodi e Megan è stata un punto di svolta completo, non solo per l’industria cinematografica, ma per l’intera cultura. Era una storia che doveva essere raccontata sul grande schermo”, spiega Dede Gardner, produttore premio Oscar di 12 anni schiavo Y Luce lunare. “Lo abbiamo sentito come un momento unico in una generazione per affrontare un problema che ha colpito e continua a influenzare la vita di milioni di donne e uomini, e sono onorato che Jodi e Megan si siano fidati di noi per raccontare questa storia sullo schermo”. Inoltre, era una storia che risuonò al di là dei fatti dell’indagine.

Leggi  I bambini di 'Stranger Things', ancora più piccoli di quando li abbiamo conosciuti: ecco come erano i bambini i protagonisti

“Così tante donne in questa storia, comprese Jodi e Megan, sono anche madri”, insiste il produttore. “Il compito principale di Jodi e Megan era, ovviamente, quello di dire la verità e darle una risposta, ma alla base di quella spinta etica e giornalistica c’è un elemento emotivo più profondo. Sia per loro che per i sopravvissuti ei testimoni che hanno parlato con loro, la speranza era che giustizia sarebbe stata fatta. Sebbene siamo ancora molto lontani dall’impedire che questo tipo di comportamento si ripeta in futuro, ci è sembrato essenziale cercare di includere il giornalismo di Jodi e Megan nel canone che vogliamo lasciare ai nostri figli e figlie”.

Dopo aver rilevato i diritti, hanno iniziato a lavorare con altre due donne: lo sceneggiatore Rebecca Lenkiewicz (lo sceneggiatore principale dell’acclamata antologia Ascia piccola e co-sceneggiatore di Pawel Pawlikowski nel film premio Oscar Ida) e Direttore Maria Schrader (direttore della suddetta non ortodosso e responsabile della commedia romantica originale L’uomo perfetto, nominato lo scorso anno agli Oscar per la Germania). Il risultato è un film necessario che è già stato paragonato Riflettorevertice del cinema giornalistico dell’ultimo decennio.


Lascia un commento