fbpx

rassicurante recensione della fine del mondo su Syfy

finché la fine del mondo non ci unisce

Quando la pandemia di Covid 19 ha colpito la popolazione nel 2020, tutti si sono fermati, ma la vita ha ripreso presto i suoi diritti e tutti hanno potuto, più o meno rapidamente, con più o meno paura, ritrovare le comodità, i piaceri e le gioie del proprio vita precedente. Stazione Undici inizia allo stesso modo della nostra pandemia, quando un’influenza improvvisa inizia a far ammalare gli esseri umani. Solo che la sua azione è molto più virulenta, la sua incubazione quasi immediata e il suo tasso di mortalità del 99%.

Basti dire che se gli ospedali sono sopraffatti nel primo episodio della serie HBO Max, il mondo crolla lì prima ancora che tu possa reagire. Il pilota di Stazione Undici colpisce quindi per la sua durezza quando in poche ore il mondo entra in una dimensione da incubo dove ogni tosse diventa un segnale di avvertimento, dove ogni persona sconosciuta si trasforma in un potenziale pericolo e dove ogni innocuo gesto quotidiano (bere, mangiare, riscaldarsi, ecc.) è portato a trasformarsi in un compito erculeo.

Inoltre, se i membri di una stessa famiglia a volte durante la nostra pandemia fossero separati di decine, centinaia o addirittura migliaia di chilometri, potrebbero comunque comunicare tra loro grazie alla tecnologia (conoscevate Zoom prima del Covid?). In Stazione Undicitutto ciò che è un lontano passato, e dalla fine dell’episodio di apertura, gli umani si ritrovano isolati, a confronto con se stessi o circondato dalla persona “con chi erano in quel momento”l’ultima persona che hanno incontrato “prima” il dramma.

Questo è particolarmente vero per i nostri due personaggi principali, Jeevan (Himesh Patel) e Kirsten (Matilda Lawler nella versione giovane, Mackenzie Davis nella versione adulta). Il loro incontro inaspettato durante una drammatica rappresentazione teatrale (la morte del suo illustre interprete principale Arthur Leander, interpretato da Gael García Bernal, sul palco) li legherà per sempre, solo pochi minuti prima che il virus si diffonda.

Una relazione straziante

Ciò di cui il mondo ha bisogno ora è l’amore

Sia chiaro, Stazione Undici è davvero una serie di anticipazioni, una serie post-apocalittica per l’avvio. Tuttavia, eccetto durante il pilot (dove assistiamo brevemente a un incidente aereo), la serie non cercherà mai di essere spettacolare. Qui, inoltre, non si tratterà né di capire da dove viene il virus, né di trovarne la causa… Al contrario, come Gli avanzi che non ha mai spiegato il fenomeno della scomparsa, Stazione Undici non menzionerà nessuna traccia, la serie ha uno scopo completamente diverso. La storia, infatti, si sforzerà soprattutto di ripercorrere i percorsi, ristabilire le connessioni, comprendere i dissensi e infine raccontare le (sur)vite di un pugno di personaggi.

Con una struttura quasi episodica, come era già Gli avanzi, la serie abbraccia quindi una narrativa disseminata, estremamente ambiziosa. Se la storia inizia nel 2020 quando la pandemia distrugge il mondo, si diverte costantemente a saltare nel tempo. Mentre racconta la progressione di un personaggio nel nostro presente, lo eclisserà nel prossimo episodio per fare un lungo salto nel passato sull’evoluzione di un altro protagonista prima di fare un enorme balzo in avanti per esaminare quella di un terzo, quindi tornare indietro di qualche giorno con il primo…

Stazione Undici: foto Danielle Deadwyler“Cosa avresti fatto se l’avessi saputo prima? Avrei fatto la scelta che volevo fare.”

Inoltre, la serie sovrappone anche diverse temporalità nello stesso episodio per rafforzare i nostri legami con i personaggi. Episodio 7, Addio casa mia danneggiata, è senza dubbio quella che colpisce di più grazie a un’idea visiva commovente (anche se non proprio originale) dove la Kirsten adulta rivisita in un’allucinazione pre-mortem un tragico evento del proprio passato. Il modo per fare il punto sui propri ricordi, sui possibili rimpianti e soprattutto fare pace con il proprio io interiore, o rassicurare, in un travolgente paradosso temporale, il proprio io precedente.

Leggi  Cosa adatta esattamente 'Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere': il creatore chiarisce il collegamento della serie con il materiale originale

Una struttura che non si prende necessariamente il tempo di tenere per mano lo spettatore, costringendolo a pensare, aspettare e osservare se stesso per meritare o ottenere risposte narrative. Un’audacia che perderà inevitabilmente più di uno spettatore, ma che non dimenticherà mai di premiare i più perseveranti. Perché se i destini ruotano attorno allo stesso evento o allo stesso personaggio (Magnolia spesso passa per la mente mentre si guarda), quando finiscono per intrecciarsi completamente, gli elementi in mostra finalmente si incastrano, tutto ha un senso e le emozioni esplodono.

Stazione undici: fotoE improvvisamente il fuoco della vita

società dei poeti vivi

In soli dieci episodi, Stazione Undici raggiunge così l’impresa di catturare completamente una mezza dozzina di destini. Con il suo inquietante realismo, tanto crudele quanto tenero, disincantato quanto entusiasta, doloroso quanto rassicurante, i personaggi si incontrano, si adottano, si perdono, si mancano, si amano, si odiano, si ritrovano altri appena in tempo o ingiustamente troppo tardi. La serie racconta poi un grande dramma umano sull’amore, il lutto, mentre dà anche uno sguardo affascinante alla ricostruzione di un mondo distrutto.

E tutto questo è solo un midollo sostanziale della bellezza umanistica al centro delle intenzioni di Stazione Undici, determinata a fare dell’arte una sorta di salvatrice, la cura per tutti i nostri mali, in particolare attraverso la sua sinfonia itinerante che interpreta Shakespeare per diversi villaggi di sopravvissuti. Perché sì, quando il mondo crolla e trova una forma di vita primitiva (senza tecnologie…), cosa resterà a guidarci, esaltarci, confortarci, se non arte, cultura?

Stazione Undici: foto, Mackenzie DavisItinerario di una sinfonia di allegria

Cosi quando le tragedie individuali si trasformano in catarsi collettiva attraverso il potere dell’arteche si tratti di una commedia shakespeariana, di un’orchestra o di un fumetto sottovalutato (Stazione Undici pertanto), la serie ci ricorda la sua importanza, la sua bellezza, la sua preziosità. Il modo in cui la cultura, in questo caso soprattutto letteraria, è uno stimolo necessario alla nostra vita (perché “non basta la sopravvivenza”). Il modo in cui l’arte può essere un campo di creatività selvaggia e soprattutto essere trascesa dalla forza dei nostri corpi, delle nostre menti e prendere letteralmente vita (qui grazie al teatro).

E allora Stazione Undici rivela un po’ di più la sua grazia, il suo fascino, la sua delicatezza e la sua generosità. In fondo, che senso ha vivere senza il piacere di poter immaginare un mondo migliore, sognare una realtà fantastica, condividere le proprie divagazioni e fare un vettore di esperienza collettiva che ispira emozioni per ricostruirsi o rialzarsi insieme.

Station Eleven è in streaming su Syfy in Francia dal 13 ottobre 2022

Stazione undici: poster degli Stati Uniti

Lascia un commento