fbpx

Raggi X dei due lati dei nuovi episodi di ‘The Last of Us’ secondo i suoi attori

“Resisti e sopravvivi”. La frase che dà il nome al quinto capitolo di L’ultimo di noi Migliaia di persone in tutto il mondo lo hanno tatuato. Quelle tre parole, tratte da un fumetto immaginario sia nel gioco che nella serie, servono da incoraggiamento per chi le indossa sulla propria pelle.

È un buon motto che definisce la saga e le vite dei suoi personaggi. Tra loro, Perry e Henry, i cui attori, Lamar Johnson e Jeffrey Pierce, hanno avuto un ruolo importante negli ultimi due episodi. Entrambi si siedono per parlare con giornale specializzato in serie televisive e film. dei due sopravvissuti a cui hanno dato vita e della loro esperienza durante le riprese. Uno è un ex membro militare del gruppo ribelle che ora domina Kansas City. L’altro collaborava, per aiutare il fratello, con il gruppo che prima era al potere, la FEDRA.

Johnson, la cui opera più apprezzata era stata la serie ‘The Next Step’ debutta in questo universo dimostrando di averlo studiato e compreso perfettamente. Con una maglietta del gruppo ‘The Clash’ e un dipinto di ‘El Chisciotte’ alle sue spalle, risponde Pierce, che nel videogioco originale interpretava Tommy, il fratello di Joel.

preparazione e storia

L’attore di Henry ha ottenuto il lavoro dopo un’audizione organizzata dal suo agente. Ha inviato una registrazione un lunedì, ha ricevuto la chiamata quel mercoledì dicendo che il giornale era suo, e Sabato ero su un aereo diretto alle riprese. All’arrivo, ha parlato con Craig Mazin, co-creatore della serie, che gli ha infuso fiducia.

Spiega che la cosa più importante “era stabilire una relazione con Sam”, suo fratello nella serie interpretato da Keivonn Woodard, perché “questa è la storia”. Woodard, come il suo personaggio, è sordo, quindi Johnson ha dovuto imparare il linguaggio dei segni per comunicare con lui e per la sua interpretazione.

Voleva assicurarsi di avere un rapporto “solido” con lui sul set e “fuori dal palco” e che si sviluppasse “dal primo giorno” quando è venuto a Calgary, in Canada, per girare. Il suo primo giorno lì è andato a incontrare il giovane e hanno finito per “giocare” a rincorrersi: “Penso che nel momento in cui abbiamo iniziato a registrare, tutto scorreva in modo molto organico“.

Pierce, da parte sua, racconta come un paio di anni fa, quando hanno annunciato il cast, ha visto come le sue possibilità di ripetere il ruolo del fratello di Joel stavano svanendo. Quando è venuto fuori che Mahershala Ali, un attore nero, poteva interpretare il ruolo del contrabbandiere, ha pensato: “Beh, allora non è possibile che io interpreti Tommy”. E quando hanno scelto Pedro Pascal, ha detto: “Sì, non è assolutamente possibile che io interpreti Tommy”.

[El creador de ‘The Last of Us’: “Si el género zombi se trata adecuadamente puede abordar problemas sociales”]

Considera “fantastico” che questa storia si espanda e non abbia un “ragazzo bianco come protagonista”. Ma appena ha potuto, ha chiesto a Neil Druckmann, l’altro co-creatore della serie e capo della saga, un pezzo di quella torta appetitosa. Non gli importava della rilevanza, voleva “aiutare a far prendere vita a questo”.

Apprezza la sfida che ha avuto davanti a sé per differenziarsi dal suo personaggio precedente, ringraziando Mazin e Druckmann per il loro lavoro di scrittura nel dare vita a un personaggio che “è stato nell’esercito tutta la sua vita fino allo scoppio”: “E questo è il motivo è sopravvissuto. Non è per fortuna o per essere spietato, ma per essere un professionista “.

E ha lasciato un’altra risposta che potrebbe benissimo essere intesa come un’altra richiesta per Druckmann, immaginando un gioco che racconti la storia del suo personaggio con Kathleen, la leader dei ribelli a Kansas City: “Vorrei riprodurre la storia di Perry e Kathleen Penso che mi piacerebbe sapere cosa è successo a Kansas City, che ha portato al rovesciamento del governo federale. Sarebbe una storia incredibile. Sarebbero 12 o 15 ore di gioco che mi piacerebbe davvero.”

Secondo il suo racconto, quando ha immaginato il suo personaggio, ha voluto “onorare ciò che sarebbe stato in un gioco”: “Quindi, quando abbiamo parlato del suo modo di parlare, della sua arma, di cosa avrebbe portato con sé… voleva deve essere simile a un personaggio giocabile. Ecco perché si comporta in quel modo.”

Proteggere ciò che ha senso

Per quanto Henry e Perry possano sembrare diversi, quando sono in disaccordo tra loro, i loro personaggi hanno molto in comune. Il primo deve prendersi cura del suo fratellino, Sam. Il secondo fa lo stesso con Kathleen, che è il capo della sua fazione.

Henry cerca di “essere forte” e impedire a suo fratello di subire le conseguenze di un mondo “brutale”. Il vostro personaggio “è preoccupato per qualcosa prima che Sam si renda conto che sta accadendo.”

[Crítica: ‘The Last of Us’, una adaptación a la altura que muestra los contrastes y las dos caras del ser humano]

Il rapporto dei due fratelli funziona come uno specchio con quello di Joel ed Ellie, con uno che è il protettore e lei la protetta. Johnson pensa che questo si manifesti in modo “dinamico” nella relazione tra Henry e Sam, anche se ci sono alcune differenze.

Sottolinea il fatto che il suo personaggio cerca di “dare fiducia” a suo fratello, dipingendolo a maschera di Supereroe. Voleva dirle “che puoi farcela e che puoi andare avanti, puoi resistere e puoi sopravvivere”. Questo non vuol dire che, dentro, Henry non fosse “preoccupato”.

Dall’altra parte c’è Perry. Non è detto esplicitamente, ma l’attore fa capire che il suo personaggio “È assolutamente innamorato di Kathleen”: “E non parliamo mai se quella relazione sia consumata o meno in qualche modo. Ma in termini di ciò che i suoi sentimenti sono per lei, sono più profondi che possono ottenere per qualcun altro.”

Lei è in carica“, chiarisce Pierce. Ma in termini di capacità di violenza, Perry gli è utile perché ce l’ha “dentro” e ha “molta più esperienza”: “Quindi è fisicamente e per molti versi il suo protettore”.

[Así nació ‘de improviso’ la serie de ‘The Last of Us’: “Cruzamos la calle y se la presentamos a HBO”]

Si assicura che anche la loro relazione sia parallela a quella di Joel ed Ellie. Giocano con “l’idea” di cosa “si fa per amore che non è necessariamente positivo” e che le cose peggiori che possiamo fare come esseri umani sono spesso fatte per quello stesso sentimento. Lei è “il suo scopo” e questo lo porta persino a “sacrificarsi volontariamente per lei”.

Leggi  La serie 'Chucky', il 'Heartstopper' degli amanti dei film horror

Il personaggio di Kathleen è opera dell’attrice Melanie Lynskey, e Pierce è pieno di elogi per lei: “Ogni momento con lei è stato incredibile perché c’è vita e unicità in ogni scatto che fa”. Gli piaceva far parte di quell'”onda” che l’interprete genera, così come chiacchierare della loro vita, dei loro figli e conoscerla come persona.

né buono né cattivo

I loro ruoli di protettori li portano a trovarsi su fronti opposti del conflitto. Ognuno di loro ha la propria prospettiva ed entrambi si sentono in una posizione morale per uccidere le persone per salvare chi vogliono. Nel caso di Perry, la morte è qualcosa di più o meno normale per lui. In Perry’s, l’aver partecipato alla morte di una sola persona, il leader della resistenza, genera già rimorso.

Le sue scelte sono, in ogni caso, eticamente discutibili. “In un mondo come The Last of Us devi prendere decisioni difficili”, difende Johnson. Il suo personaggio, durante una conversazione, si definisce “cattivo” perché ha fatto una cosa tipica di uno così: “La mia decisione ha finalmente ferito qualcuno”, argomenta l’attore, che spiega: “È stata una brutta cosa perché non devi necessariamente ferire qualcuno per ottenere ciò di cui hai bisogno.. Quindi penso che questo sia il sentimento di Henry.” È “un’anima pura” che è “pesantemente appesantita” dal suo passato.

Dall’altra parte c’è Perry. Il suo attore, racconta come Lui e Kathleen sentono di fare la cosa giusta.. Per questo assicura che se il suo personaggio incontrasse Joel, il protagonista “avrebbe dei problemi”.

È in parte grato di non essere dalla parte di Joel ed Ellie questa volta, a causa della pressione che mette: “Posso solo immaginare il tipo di tensione di fondo delle aspettative che Pedro (Pascal) e Bella (Ramsey) dovevano avere. avvicinarsi a due personaggi così iconici.”

Dal videogioco alla HBO

Entrambi gli attori hanno interpretato il titolo originale. Mentre il personaggio di Johnson è più o meno lo stesso nella commedia del 2013, la sua storia di origine è in qualche modo diversa. In ogni caso, l’attore non ha voluto copiare la performance di Brandon Scott. Il suo modo di lavorare era rispondere a ciò che facevano gli altri attori. Alcuni come Kathleen, infatti, non sono nemmeno nel giocoquindi la sua interpretazione di lei è nata, logicamente, da zero.

Chiunque abbia interpretato Tommy ai suoi tempi pensava in quel momento, un decennio fa, che la storia di L’ultimo di noipotrebbe raggiungere la popolarità che ha oggi. Ho sentito “quella vibrazione” nella stanza quando hanno filmato e la sceneggiatura, per lui, era molto buona. Afferma che materializzarlo è stato possibile solo grazie al lavoro di centinaia di persone per molte ore.

[‘The Last of Us’ tendrá segunda temporada, HBO renueva la serie en su segunda semana en emisión]

Il suo personaggio è nuovo di zecca, quindi aver giocato a “ognuna delle tre versioni esistenti” del primo gioco gli ha dato solo una visione profonda del contesto. Alla domanda sulle sue preferenze tra Tommy e Perry, è dubbioso. Per lui, non c’è niente “sulla scala del palcoscenico HBO, non c’è niente che potrebbe essere migliore di quello”: “I miei eroi crescendo erano i classici: De Niro e Daniel Day-Lewis, Marlon Brando, Montgomery Clift.. ..”, dettagli. Riuscire ad ambire, con questa serie, al suo livello è ciò a cui ha sempre “aspirato”. “Dovrei ritirarmi ora”, scherza.

Al contrario, apprezza ciò che i videogiochi hanno significato per lui, dove “l’attenzione è rivolta direttamente alla qualità del lavoro” perché non devono mai preoccuparsi di “illuminazione o telecamere”. È stato, afferma, un lavoro che lo ha aiutato a “recuperare l’amore per il mestiere”.

due modi per morire

Due dei momenti più scioccanti del quinto episodio, diretto da Jeremy Webb, li vedono protagonisti. E c’è un fattore comune: entrambi muoiono. Perry, in mezzo al caos che scaturisce dall’attacco di un’orda di infetti in una spettacolare sequenza d’azione. Henry, in una sequenza molto più drammatica.

Per Pierce, girare quella scena in cui un “gonfio” si fa a pezzi la testa è stato realizzare “tutto ciò che sogni da bambino”: “C’erano vicino a 80 specialisti con attrezzatura completa. E avevano trascorso un mese facendo allenamento fisico per quella scena e coreografandola. Abbiamo registrato di notte per quattro settimane su quel palco, ottenendo tutti i dettagli”. La sua morte è stata anche simbolica per il suo personaggio, dando la vita per la persona che stava proteggendo. In quel momento il suo “cuore” pesava più della “sua esperienza professionale”.

Filmare il suicidio del suo personaggio dopo aver dovuto uccidere Sam, suo fratello che era stato infettato, ha causato a Johnson una “giornata difficile”. È stato “molto emotivamente estenuante e” davvero duro “, nonché il culmine di ciò che lui e Woodard avevano costruito. Sia lui che il regista avevano “le lacrime agli occhi” quando hanno visto il risultato.

definire la reazione del suo personaggio in quell’istante con “una parola, shock”: “Alla fine è solo sorpreso. E attraverso lo shock, molte emozioni lo inondano”, afferma, lasciando una domanda: “Ha davvero capito o sopportato quello che ha fatto o anche quello che stava accadendo? È stato un momento in cui è partito chiedendomi cosa diavolo è appena successo e cosa ha appena fatto, come avrebbe potuto impedirlo o se avesse avuto la possibilità di non farlo e anche se fosse colpa di Joel”.

Centinaia di idee gli passano per la testa in pochi secondi mentre vede suo fratello morto e “il sangue che gli esce dalla testa”. Ma un sentimento prende il sopravvento: “Il senso di colpa”. Alla fine, prende una decisione basata su come non può “vivere in questo mondo senza Sam”, che era il suo “scopo”.

Archiviato in Attori, Interviste, HBO Max, The Last of Us

Laureato in Giornalismo e con un Master in Informazione Sportiva e dello Spettacolo. Il mio giorno per giorno, nella sezione di Madrid. La mia passione, nei videogiochi. Dal primo giorno (e prima) a giornale specializzato in serie televisive e film.. Ho letto El Mundo e i media locali.

Lascia un commento