fbpx

Questa è ‘Litvinenko’, la miniserie britannica sull’ex spia russa che accusò Putin di averlo avvelenato

Movistar Plus+ presenta oggi in anteprima la miniserie Litvinenkouna produzione di quattro episodi e basata su fatti realmente accaduti su una delle indagini più complesse che la polizia britannica ha dovuto affrontare.

Nel 2006, due agenti di Scotland Yard sono chiamati a prendere una dichiarazione da un paziente in un ospedale. Questo è Alexander Litvinenko, un’ex spia russa che afferma di essere stata avvelenata e che indica direttamente il presidente Vladimir Putin come colpevole.

Da quel momento in poi, la polizia ha mosso cielo e terra e ha lavorato molto duramente per dimostrare chi era responsabile di questo avvelenamento. Gli agenti coinvolti nelle indagini ebbero l’aiuto dello stesso Litvinenko, morto quello stesso anno.

[Es hora de ver ‘Happy Valley’, la aclamada precursora de ‘Mare of Easttown’ ha vuelto al streaming]

Sostenuto dalla sua famiglia


La serie prodotta da ITV ha il sostegno della famiglia di Alexander Litvinenko e delle persone chiave coinvolte nel caso. Sono loro che collegano i diversi punti della narrazione, incentrata sul titanico compito svolto dagli agenti della Metropolitan Police Clive Timmons e Brent Hyatt. La loro indagine si è concentrata sullo scoprire chi ha avvelenato l’ex spia russa, ma anche sul potenziale rischio che il veleno radioattivo potrebbe rappresentare per il pubblico.

Mentre giaceva nel letto d’ospedale, Litvinenko ha fornito agli ufficiali dettagli sul suo passato come ufficiale dell’FSS e del KGB, rivelando ulteriori informazioni preziose e affermando che il suo tentativo di omicidio è stato eseguito sotto gli ordini diretti di Vladimir Putin.

In un momento così difficile per la diplomazia con la Russia, Marina -la vedova di Alexander- intraprende una lotta coraggiosa e dignitosa per scoprire la verità.

Una storia basata su fatti realmente accaduti

‘Litvinenko’.

Movistar Plus+

Gli eventi reali su cui si basa la serie si svolgono nel novembre 2006, quando Brent Hyatt e Jim Dawson, due ispettori della polizia metropolitana di Londra, vengono chiamati per prendere una dichiarazione da un paziente in un ospedale. Il paziente è Alexander Litvinenko, un’ex spia russa che è stata avvelenata e che addita il presidente Putin come colpevole.

Quando viene confermato che il veleno utilizzato è il polonio-210, la sostanza tossica più pericolosa conosciuta, la gravità della situazione diventa evidente e la polizia si precipita a sigillare i siti potenzialmente contaminati, affrontando un attacco chimico senza precedenti nel cuore di Londra.

Leggi  L'adattamento di "One Piece" di Netflix continua a sorprendere: ecco come si allena l'attore che dà vita al mitico Sanji

Allo stesso tempo, i detective si tuffano in un’indagine per omicidio ad alto rischio e cercano di rintracciare i loro sfuggenti sospetti da Londra a Mosca.

La squadra dietro le quinte

David Tennant e Margarita Levieva, protagonisti della miniserie.

David Tennant e Margarita Levieva, protagonisti della miniserie.

Movistar Plus+

La persona incaricata di mettersi nei panni dell’ex spia russa è stato David Tennant (Buoni presagi, broadchurch, dottor chi), coinvolgendosi anche in prima persona, soprattutto quando conobbe Marina, la vedova di Alexander Litvinenko.

“Stiamo ricreando qualcosa che è accaduto relativamente di recente, che è stato devastante. per lei e che ha completamente trasformato la sua vita da quando è successo”, ha commentato l’attore britannico in relazione a questa esperienza in un’intervista. “Ho sentito molta responsabilità e la necessità di fare bene. Raccontando gli orrori che ha vissuto, cosa significa quella storia e che il nostro mondo è ancora vivo”.

Insieme a David Tennant, il cast è completato da Margarita Levieva, Neil Maskell, Mark Bonnar Barry Sloane, Daniel Ryan e Richard Pepper. La sceneggiatura è curata da George Kay (lupino) ed è diretto da Jim Field Smith (Penale, Cercare di sforzarsi).

Per chi vuole saperne di più

Approfittando della premiere della miniserie, che è ancora una produzione di finzione, Movistar Plus+ offre inoltre agli spettatori maggiori informazioni su quanto accaduto e dare un’occhiata al documentario Litvinenko: l’assassinio della spia russache include un’intervista con Marina Litvinenko, dopo che la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che c’era un coinvolgimento esterno nell’omicidio di suo marito.

La vedova di Litvinenko condivide la sua versione della storia, dal momento in cui ha avuto solo 15 minuti per uscire di casa con il figlio piccolo per paura della contaminazione da radiazioni fino all’intervista rilasciata dal marito dal suo letto d’ospedale.

‘Litvinenko’ è disponibile su Movistar Plus+.

Lascia un commento