fbpx

Questa è ‘Come mandare tutto alla merda’, la nuova serie giovanile di HBO Max, secondo i suoi creatori e protagonisti

HBO Max presenta oggi in anteprima la serie per giovani Come mandare tutto a puttaneuna produzione creato da Jaime Olias Y Paolo Sanhermelando che esplora la ricerca della libertà in gioventù.

Seguiremo i suoi sei episodi un gruppo di amici che si buttano nel strada senza una rotta fissa e, soprattutto ad Alba (Naira Lleó), un giovane che ha difficoltà ad adattarsi. Un giorno riceve la terribile notizia che il viaggio di laurea è stato cancellato e scopre che un gruppo di compagni di classe ha pensato di seguire un piano, facendo credere ai genitori che il viaggio è ancora in corso e progettando un’alternativa al non stare a casa: inizia un’avventura su strada.

In occasione dell’arrivo della serie sulla piattaforma, il giornale specializzato in serie televisive e film ha parlato con i suoi creatori Jaime Olías e Pablo Sanhermelando e con i protagonisti Naira Lleó, Malva Vela e Óscar Ortuñoche ci raccontano come sarà il viaggio e l’avventura che vivranno i protagonisti.

Una serie giovanile diversa da quella che abbiamo già visto

‘Come mandare tutto all’inferno’ | Rimorchio | hbo max

Quando ai creatori è stato chiesto del tipo di serie in cui troveremo Come mandare tutto a puttaneJaime Olías ha spiegato che sarà una storia diversa e ha ricordato che “quando hanno ideato questa serie hanno pensato di coprire il periodo estivo, proprio quando finisce il periodo scolastico”.

Ha anche commentato che “volevano fare a film di stradache forse è un genere che non identifichiamo con una serie giovanile” e quello “parlerebbero di libertà in modo davvero naturalistico”, con l’obiettivo di “ritrarre una generazione senza artificio”. Per fare ciò, hanno utilizzato “elementi narrativi di questa generazione, 4/3 dello schermo, musica urbana, colore, messa in scena, movimento della telecamera…”, cercando di far sentire identificato il pubblico di destinazione.

D’altra parte, Paolo Sanhermelando ha affrontato il tema del format scelto per raccontare la storia, lasciando cadere che era qualcosa che avevano chiaro fin dall’inizio e che è qualcosa che aiuta il linguaggio di questa generazione. “Questi 20 minuti che coprono gli episodi aiuteranno molto quando si tratta di consumare la serie, soprattutto per questa generazione che è così immediata e che vuole tutto per ‘ora’ e che in un minuto non ricorda più ciò che ha visto”, ha spiegato.

La fonte di ispirazione che li ha portati a raccontare questa storia

Alba è una delle protagoniste della serie.

hbo max

“C’è sempre qualcosa delle tue esperienze quando crei”Paolo cominciò a dire Sanhermelando quando gli chiede dei posti da cui beve Come inviare tutto a a livello creativo.

È una serie in cui eravamo molto chiari Eravamo rivolti alla generazione Z e volevamo assorbire tutti i suoi elementi”ha proseguito Sanhermelando, sostenendo che “cercavano riferimenti nella pubblicità, cartelloni pubblicitari e videoclip di musica urbana e che ha cercato di aggiungere quegli elementi ai propri riferimenti e ad aggiungerli al linguaggio di questa generazione”.

Più tardi, Sanhermelando ha ricordato come hanno preso la decisione creativa di incentrare la storia sui giovani protagonisti, lasciando fuori dallo schermo il padre e la figura autoritaria. “Abbiamo cercato di prendere di mira la Generazione Z e penso che qualsiasi figura paterna presente li avrebbe sminuiti o sarebbe diventata una prigione all’interno della storia”, ha detto.

Insomma, per i creatori della serie “Era molto importante dirlo al 100% dal suo punto di vista”.

Protagonisti molto diversi con lo stesso sentimento che li unisce

Fotogramma di uno degli episodi di

Fotogramma di uno degli episodi di “Come mandare tutto a puttane”.

hbo max

Questa produzione di HBO Max ci colloca in uno dei momenti cruciali di ogni adolescente: il momento di diventare un adulto e prendere le proprie decisioni. “È un momento di conflitto, di cambiamento, di conoscenza di se stessi”, ha enumerato Jaime Olías, spiegando che è molto complesso “quella sensazione che i giovani ora hanno di mancanza di libertà” e che allo stesso tempo “sono condannati a dover prendere decisioni”.

Leggi  Il cambiamento che otterrebbe nomination più eque

Successivamente, ha applicato questo messaggio alla trama della serie, descrivendo “un gruppo di persone molto diverso a cui Alba si unisce all’ultimo momento, una persona che ha una grande mancanza di libertà” e chiarendo che la protagonista dovrebbe essere lei. perché “quel contrasto è molto naturale e organico”.

Rivolgersi ai giovani di oggi

Immagine dal quinto episodio di

Immagine dal quinto episodio di “Come mandare tutto a puttane”.

hbo max

Quando ha pensato a un obiettivo da raggiungere attraverso la serie oa un messaggio da inviare agli spettatori, Jaime Olías ha ricordato ancora una volta qual è il titolo della serie. “Penso di pensare che sia necessario mandare tutto all’inferno di tanto in tanto”Olías ha detto “per rendersi conto che molte delle cose a cui abbiamo dato importanza potrebbero non esserlo e fai un passo avanti”.

D’altra parte, i membri del cast hanno convenuto sull’importanza che i protagonisti stabiliscono come regola di mettere da parte il cellulare. Malva Vela, che interpreta Irene nella serie, ha avuto un impatto su questo problema, chiedendosi “cosa accadrebbe se andassi in viaggio e il tuo cellulare si esaurisse?” e rispondendo in seguito che “dovresti vivere il tuo film e non pubblicare nulla sui social network”.

“A quell’età, tutti noi abbiamo determinati obblighi a scuola o all’istituto e anche la pressione di doverci preparare per essere qualcuno domani”, ha detto Óscar Ortuño, che interpreta Javier nella serie, aggiungendo che “siamo ancora molto giovani per saperlo” . Secondo lui, “tutti abbiamo sognato di fare quel genere di cose” e lui ci crede questa serie ci insegna “che essere adulti non si basa sul fare ciò che si vuole, ma sull’essere coerenti con le proprie decisioni”.

Lo ha aggiunto Malva Vela la serie riflette anche su “accettare da dove vieni per trovare chi sei”raccontando che “i protagonisti devono aspettare di essere maggiorenni e prendere le proprie decisioni” e che “finiranno per rendersi conto che la loro vita non è così brutta come pensavano e gli saranno grati di aver fatto quel viaggio”.

Invita i giovani a godersi le piccole cose

Naira Lleó e Malva Vela in

Naira Lleó e Malva Vela in “Come mandare tutto all’inferno”.

hbo max

Come inviare tutto a merda entra in una delle fasi più complesse della giovinezza, quando i giovani devono scegliere la strada che determinerà chi saranno nel futuro e le persone che vogliono diventare.

Naira Lleó, che interpreta Alba nella serie, ha riflettuto sul viaggio compiuto dai personaggi, sia fisicamente che emotivamente, dicendo che questi giovani dovrebbero “Goditi le piccole cose in modo che più tardi, quando arriveranno quelle più grandi, non sarai sopraffatto”.

Infine, Óscar Ortuño ha commentato che “hanno lavorato di più sulla vulnerabilità dei personaggi, lasciandosi dietro le maschere”, Malva Vela ha aggiunto che l’intenzione della serie è che i giovani “entrino in empatia e condividano esperienze con i personaggi, senza usarli come riferimenti».

“Come mandare tutto alla merda” è ora disponibile su HBO Max.

Lascia un commento