fbpx

quando l’umanesimo di Spielberg trionfa sull’11 settembre

Quando Steven Spielberg e Tom Hanks si riuniscono per una commedia romantica in un aeroporto, lo fa Il terminaleun film divertente e toccante come il suo eroe, ma non così leggero.

Nonostante il suo piccolo successo quando uscì nel 2004 (77 milioni di dollari al botteghino americano e 219 milioni all’estero per un budget di 60 milioni) e lo status di cult che si guadagnò presso il pubblico, Il terminale continua a dividere ed essere visto come un elemento minore nella filmografia di Steven Spielberg. Forse perché sta tra i due capolavori che sono Fermami se puoi e Guerra dei mondi e che è uno dei suoi rari film a non essere stato nominato all’Oscar.

Tuttavia, questa commedia romantica falsa e intima con Tom Hanks e Catherine Zeta-Jones lo è una pepita trascurata il che dimostra un po’ di più che il maestro dei blockbuster è un geniale narratore, tanto completo quanto talentuoso, capace di mascherando una satira politica dell’America post-11 settembre in una favola umanistica e straziante destinato a reincantare un mondo in perdizione.

Gli spettatori alla fine

STRANIERO IN UNA STRANA TERRA

Come ha dimostrato di nuovo con Storia del lato ovest, Steven Spielberg è un regista che attraversa epoche e generi impregnando il suo cinema dello spirito dei tempi. Nel 2003, dopo aver incatenato il suo adattamento di Rapporto di minoranza e Fermami se puoi di volta in volta sente parlare di una sceneggiatura di Andrew Niccol (Benvenuto in Gattaca) e Sacha Gervasi tratto dalla vera storia di un uomo bloccato in un aeroporto e decide di impadronirsene. Lungo la strada, chiede a Jeff Nathanson (Velocità 2, Fermami se puoi) per ritoccarlo, al fine di per esplorare alcune questioni fondamentali nel tempo in cui viviamo dice lo sceneggiatore nelle note di produzione.

Leggi  era troppo bello per essere vero su Disney+

A prima vista, gli sembra questa storia in cui uno sconosciuto si ritrova perso in un universo di cui non sa nulla un pretesto perfetto per tornare alla commedia e ai temi che conosce a memoria, ma anche per continuare la pausa ricreativa e introspettiva iniziata con il suo precedente lungometraggio. Tanto più che il suo amico Tom Hanks, che è diventato uno dei suoi attori preferiti, è già coinvolto nel progetto per interpretare Viktor Navorski, un personaggio tipicamente spielbergiano, che si ritrova apolide e bloccato all’aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York dopo un colpo di stato nel suo paese immaginario di Krakozia.

Il Terminale: foto, Tom HanksTra Forrest Gump e Alone in the world

Durante la presentazione del film al Festival di Deauville nel 2004, Spielberg ha spiegato la sua visione: “Per me è uno studio sulla tolleranza. Qualsiasi terminal aeroportuale ti offre l’esperienza del melting pot. In un terminal si incontrano pacificamente persone che vengono da tutti i paesi, tutte le credenze, tutte le ideologie politiche. E quando sei bloccato in un aeroporto, hai la possibilità di parlare con persone che non avrai mai più l’opportunità di incontrare altrove, perché vivono troppo lontano, perché fuori dall’aeroporto è tutto molto più cloisonné.”

Lascia un commento