fbpx

“Può sembrare che ci siano più donne registe, ma siamo ancora lontane dalla parità”

Lasciando da parte la timidezza, Carlos Saura osa sedersi e parlare di arte davanti alle telecamere. Il documentario le pareti parlano appena uscito nelle saleun affascinante viaggio che ripercorre la nascita e l’evoluzione dell’arte e della pittura, dalle origini dell’umanità alla pura espressione dei graffiti che appende sui muri.

L’artista urbano Suso33 ha raccontato come è stata la sua partecipazione al lungometraggio e cosa ha tratto dalle sue conversazioni sull’arte con un insegnante come Saura, e Anna Saura e María del Puy Alvarado hanno parlato dei dettagli del processo di ripresa e di cosa nasconde questa odissea per le origini dell’arte e dei suoi cicli.

Dopo aver ricordato le fasi che ha attraversato le pareti parlano Prima di approdare sul grande schermo, Anna Saura e María del Puy Alvarado hanno anche riflettuto sul loro punto di vista come donne e produttrici all’interno dell’industria cinematografica spagnola. In un momento specifico in cui il riconoscimento sta finalmente iniziando ad arrivare per le cineaste donne, c’è ancora molto da fare prima di iniziare a parlare di uguaglianza.

[‘Las paredes hablan’, el documental de Carlos Saura: “Hemos vuelto al origen: pintar en los muros”]

Più soldi non significano più emozioni

Ancora da ‘I muri parlano’

lungometraggi come le pareti parlano Sono in grado di spostare le persone dal campo della saggistica e mostrano anche che “non ci vuole una produzione enorme per commuovere le persone” e che “il budget non ha nulla a che fare con il legame emotivo del film con il pubblico”come sa vedere la produttrice María del Puy Alvarado.

Secondo lei “i soldi sono importanti e necessari per fare le cose comodamente e perché ci sia spazio per lo sviluppo e la buona promozione”, ma “L’importante è quello che viene raccontato nel copione”. “Non è lo stesso se puoi investire 10.000 euro o 2 milioni di euro, perché il modo in cui viene promosso un film può portare molte più persone a vederlo, ma l’importante è la reazione dello spettatore e ciò che viene raccontato”.

Legami familiari che a volte comportano un doppio sforzo

Carlos Saura con la figlia Anna Saura, durante le riprese di 'I muri parlano'

Carlos Saura con la figlia Anna Saura, durante le riprese di ‘I muri parlano’

Anche Anna Saura collabora a questo compito di scelta di ciò che viene raccontato nel documentario come produttrice associata e figlia del regista Carlos Saura, qualcosa che porta sempre con orgoglio. “Sono stato estremamente fortunato a crescere circondato da quel contatto di mio padre e mia madre con tutti quei film, festival ed eventi a cui hanno partecipato. Ho avuto accesso a qualcosa che pochissime persone hanno e lo apprezzo ora”ha spiegato in relazione a come il fatto che suo padre sia uno dei grandi emblemi del cinema spagnolo lo influenzi.

“Questo, che tu ci creda o no, ha il suo lato buono e il suo lato cattivo, cattivo tra virgolette. C’è gente che mi chiede ‘ma lavori davvero? Sul serio?'”, ha detto. “Mio padre ha dato a me e a tutti i miei fratelli un’educazione molto positiva, nel senso che ognuno ha fatto il suo, ma quello che ha fatto mio padre l’ha fatto. Se volevamo fare carriera, beh, dovevamo lavorare per questo. penso che ognuno deve dimostrare ciò che vale, cogliere le opportunità che gli vengono date e dimostrarlo”.

[Rebecca Zlotowski (‘Los hijos de otros’): “Al quedarme embarazada me distancié de la historia”]

Più riconoscimento per le donne creative

Vanessa Marimbert, vincitrice del Goya per il miglior montaggio per 'El buen patrón'

Vanessa Marimbert, vincitrice del Goya per il miglior montaggio per ‘El buen patrón’

Un altro dei temi discussi nella conversazione con María del Puy Alvarado e Anna Saura è stato il ruolo che le donne svolgono attualmente nell’industria cinematografica. Del Puy Alvarado ha saputo vedere che “ci sono sempre più donne in posizioni di responsabilità”, ma ha anche voluto sottolineare l’importanza di questo, soprattutto perché c’è ancora un soffitto di vetro nel mondo del cinema.

Leggi  Qual è la data di uscita di Crunchyroll?

“Fortunatamente, ogni volta le cifre si equivalgono. Ma anche se può sembrare che ci siano molte più donne registe, non è così. Il bilancio annuale del CIMA, l’ultimo pubblicato nel 2021, registra solo il 21% di amministratori donne, contro il 79% degli uomini”, ricorda.

“È vero che le donne hanno avuto grandi successi nazionali e internazionali negli ultimi anni, con film come cinque piccoli lupi, alcarràs, maialino O il maternoed è meraviglioso che ci stiano riuscendo e può sembrare che ci siano più donne di quante ce ne siano in realtà, ma i numeri dicono che siamo ancora lontani dalla parità”continuare.

“Abbiamo fatto molta strada e stiamo facendo molti progressi, il che è molto importante, soprattutto per creare punti di riferimento per le nuove generazioni, per le giovani donne che oggi frequentano l’università e il liceo. Il fatto che facciano parte di una percentuale così piccola dopo essere saliti a ritirare un Goya li fa diventare dei punti di riferimento”ha aggiunto, riconoscendo in particolare il lavoro della montatrice del documentario Vanessa Marimbert, vincitrice del Goya per Il buon capo.

[Andrea Riseborough mantendrá su nominación en los Oscar, ¿por qué fue revisada por la Academia?]

“Più punti di vista che contribuiscono a tutti noi”

“Avere nuovi look e nuovi punti di vista è una cosa meravigliosa. E credo anche che tutte le prospettive possano coesistere, perché fa bene a tutti. Che ti piacciano di più o di meno, contribuiscono a tutti noi”, ha osservato Anna Saura.

Anche María del Puy Alvarado concorda su questo aspetto, rendendosi conto che le diverse prospettive si riflettono nei generi che uomini e donne tendono a scegliere di dirigere. “Fino ad ora abbiamo trovato registe donne in tutto il mondo, ma di solito non le vedevamo nei film horror o d’azione, per esempio. Sembra che ci sia stata assegnata per genere una serie di generi cinematografici”commento.

“Questo è qualcosa che cambia nel tempo e penso che negli ultimi anni ci sia stata una presa di coscienza del problema. Quando siamo consapevoli che c’è disuguaglianza, iniziamo a fare dei passi affinché l’uguaglianza esista. Perché se nel mondo circa il 50% sono donne e l’altra metà uomini, deve esserci posto per tutti, in tutte le professioni e in tutti i settori.

Il diritto delle donne di poter sbagliare

“Si dice spesso che ‘se ci sono donne, devono essere buone'”, afferma María del Puy Alvarado, “e credo che debbano poter essere buone e cattive, così come ci sono grandi registi e altri che sono non così eccezionale. Le donne sono sempre più richieste e questo è qualcosa che deve cambiare. Anche se ci vuole tempo”.

Un altro problema che María del Puy Alvarado ha visto è che “donne Non ci fanno sbagliare neanche noi, perché se lo facciamo veniamo segnalati” e ha detto che “tutti dovrebbero avere il diritto di farlo”. Quindi, ha insistito sull’importanza di riferimenti come Carla Simón, Alauda Ruiz de Azúa, Carlota Pereda, Pilar Palomero e persino Vanessa Marimbert, perché il fatto che siano arrivati ​​lì significa che altri potranno farlo allo stesso modo Dopo.

Lascia un commento