fbpx

Proteste in Perù: stop all’ingresso di forniture e trasporto di rame dalla miniera ‘Las Bambas’

LIMA, 17 gennaio (Reuters) – Un blocco stradale a seguito delle proteste antigovernative ha rallentato l’ingresso delle forniture e il trasporto di concentrati di rame dalla miniera di Las Bambas della società cinese MMG Ltd. l’azienda.

Nonostante l’interruzione dei trasporti da e per Las Bambas, nella regione di Apurimac, nel bel mezzo delle proteste che si sono riattivate nei primi giorni di gennaio, “la produzione nella miniera continuerà fino a quando lo stock di rifornimenti sarà disponibile”. ha affermato.

Le proteste contro la presidente Dina Boluarte sono riprese il 4 gennaio, soprattutto nelle regioni minerarie del sud del Paese, dopo una pausa per le vacanze di fine anno, dopo che l’ex presidente di sinistra Pedro Castillo aveva tentato il 7 dicembre di sciogliere illegalmente il Congresso.

In poco più di un mese di proteste, 42 persone, tra cui un agente di polizia, sono state uccise in violenti scontri.

Las Bambas, uno dei maggiori produttori di rame al mondo, aveva ridotto i lavori di estrazione della sua miniera dalla fine di novembre a causa dei continui blocchi che subisce da parte delle comunità che chiedono all’azienda maggiori benefici.

Il Perù è il secondo produttore mondiale di metallo rosso.

La scorsa settimana, un’unità locale del Global Glencore ha riferito che un gruppo di “vandali” ha attaccato la sua miniera di rame di Antapaccay nelle Ande; mentre la compagnia Minsur ha annunciato la sospensione temporanea della sua miniera di stagno in solidarietà per i circa 18 morti durante le proteste a Puno.

Un rappresentante della MMG ha ribadito in precedenza in una e-mail inviata a Reuters che “la produzione a Las Bambas continua in questa fase con l’elaborazione a piena capacità e l’estrazione a un ritmo ridotto”.

Leggi  Morte di Elisabetta II: il principe Louis (4 anni) per incomprensione, racconta Kate Middleton

“Continuiamo a monitorare la situazione e abbiamo mobilitato la sicurezza del sito. L’obiettivo principale del sito è garantire la sicurezza del nostro personale, degli appaltatori e della comunità in generale”, ha osservato l’e-mail dell’azienda.

Il conflitto con i residenti che vivono vicino a Las Bambas ha raggiunto un nuovo picco all’inizio del 2022, quando i residenti di due comunità si sono stabiliti sulla loro terra, costringendo la miniera a sospendere le operazioni per quasi due mesi.

La compagnia mineraria ha affermato che, da quando ha iniziato le operazioni nel 2016, Las Bambas ha subito blocchi delle strade pubbliche che compongono il cosiddetto corridoio minerario per più di 540 giorni.

Lascia un commento