fbpx

Programma e dove vedere il gala in diretta televisiva e online


Goya Awards 2023: programma e dove vedere il gala in diretta televisiva e online

Dopo un anno di grandi raccolti per il cinema spagnolo, sabato prossimo il 37a edizione dei Premi Goia, il tocco finale ideale per una stagione irripetibile. La cerimonia si terrà alle 22:00 nell’Auditorium Andalusia di Siviglia e, come ogni anno, Può essere visto in televisione da La 1 e in linea da Riproduci RTVE.

Il gala sarà presentato dagli attori Antonio de la Torre e Clara Lago, e C. Tangana, Penélope Cruz, Juan Antonio Bayona e Jordi Évole saranno alcune delle personalità incaricate di consegnare i premi. Inoltre, l’evento prevede anche esibizioni di Natalia Lafourcade, Pablo López, Israel Fernández e Guitarricadelafuente, tra gli altri.

[Se acabó el debate en ‘Titanic’, James Cameron responde a la cuestión: ¿cabía Jack en la tabla?]

La diretta inizierà alle 19:30 con Il tappeto rosso del Goyache si concluderà alle 21:00 e sarà presentato da Elena Sanchez, Carlo d’Amore, Raffaele Munoz E Miriam Morero, con il supporto di reporter come Ana Prada e José Carlos Fernández. Si svolgerà poi la cerimonia di premiazione, disponibile anche sugli stessi canali.

Inoltre, RTVE Play trasmetterà un programma speciale dal tappeto rosso che sarà presentato da Inés Hernand, che intervisterà le star di questa edizione. Accanto a lei ci sarà Pablo Meixe, creatore di contenuti su Tik Tok.

Carlo Sauro


Carlo Sauro

Giovanni Paolo della Fonte

EFE

Il gala di quest’anno renderà anche omaggio alla carriera di Carlos Saura con il Goya de Honor, “per il suo ampio e personalissimo contributo creativo alla storia del cinema spagnolo dalla fine degli anni Cinquanta ad oggi”. La sua filmografia fa parte del patrimonio culturale del nostro tempo e ha recentemente incorporato quello che è stato il suo primo documentario, I muri parlano.

A 91 anni, Saura è ancora attivo con un impulso creativo più vivo che mai e ha Buñuel, Bergman e Fellini tra le sue più grandi influenze “perché tutti e tre lavorano con l’immaginazione”, ha detto. Il regista ha continuato a raccogliere i più alti riconoscimenti internazionali e nazionali, con il Goya per la migliore regia e la migliore sceneggiatura adattata per Ah Carmela! e la medaglia d’oro dell’Accademia nel 1992.

È anche autore di altri lungometraggi come I golfi, La caccia, Frappé alla menta, Ana e i lupi, La cugina Angélica, Mama compie cent’anni, Sbrigati, sbrigati, Carmen, Flamenco, flamenco, Sevillanas, Il settimo giorno, Io Don Giovanni E Goya a Bordeauxtra molti altri.

Carlos Saura è contrario a etichettare il suo cinema e si considera un privilegiato per aver firmato più di 50 film e aver avuto ripercussioni mondiali. Il suo è un cinema da camera, con pochi personaggi e luoghi, anche se in alcune occasioni ha realizzato produzioni più grandi come Il dorato.

Archiviato in Cinema, Cinema spagnolo, Premi cinematografici, Premi Goya

Redattore di SERIE E ALTRO. Laureato in Comunicazione Audiovisiva presso l’Università Carlos III di Madrid. In spagnolo dal 2021

Leggi  Questo è "Per comando del cielo", il "Vero detective" sul fondamentalismo Disney + Mormon

Lascia un commento