fbpx

Pete Docter o il genio sconosciuto della lampada Pixar

Pete Docter è rimasto a lungo praticamente anonimo, ma il tuttofare della Pixar ha una carriera tanto eccezionale quanto affascinante.

A differenza del suo amico e mentore John Lasseter, Pete Docter è rimasto a lungo nell’ombra dei grandi nomi e di altre teste pensanti della Pixar, anche se la sua carriera è tanto lunga quanto entusiasmante e atipica. L’artista ha nove nomination agli Oscar, tre statuette d’oro, più di due miliardi di dollari incassati nel mondo al botteghino, tante risate e altrettante lacrime.

Tutto questo con solo quattro lungometraggi co-diretti, Mostri & Co., lassù, Viceversa e Ubriaco, che sono tra i preferiti del pubblico (e hanno un buon posto nella nostra classifica dei film Pixar). Come dire questo La filmografia di Pete Docter è lastricata d’oro e che divenne il vero genio del prestigioso studio di lampade, di cui partecipò attivamente allo sviluppo.

MATRIMONI DI PERLE

Come molti artisti in erba, il giovane Pete Docter si è sentito diverso e isolato dal resto della società, fino al giorno in cui ha sfondato le porte dello studio Pixar: “Ero un secchione. Non parlavo con nessuno e stavo per finire la mia vita in questo modo, ossessionato solo dai film d’animazione. Alla Pixar mi dicevo che non ero solo al mondo“. In effetti, il 21enne prodigio si sentiva così fuori posto che semplicemente non se ne è mai andato. L’americano del Minnesota ora ha 53 anni e fa parte dei mobili in questo studio con cui lavora da 32 anni.

Pete Docter ha è entrato in azienda nel 1990, il giorno dopo la laurea al California Institute of the Arts dopo essere stato consigliato a John Lasseter da uno dei suoi professori. Quindi ha conosciuto la Pixar quando la scatola era ancora una società di hardware di proprietà di Steve Jobs, che realizzava cortometraggi animati (Le avventure di André e Wally B., giocattolo di latta, Soprammobili Dove Luxo Jr.) e ha cercato di salvare le casse ed evitare il fallimento producendo annunci pubblicitari. Fu allora il 10° impiegato e il 3° animatore, nonché una delle persone più giovani e inesperte ad essere state assunte.

Pete Docter, al centro

Oggi è l’unico autore originale ad essere rimasto pienamente attivo, a differenza di Andrew Stanton (1001 gambe, Il mondo di Nemo) che si è gradualmente allontanato dalla scrittura e dalla regia dei lungometraggi dell’azienda o da John Lasseter che è stato espulso dopo le accuse di molestie nei suoi confronti.

Inoltre, a parte la sua partecipazione ai dialoghi in inglese del Il Castello errante di Howl di Hayao Miyazaki, di cui è un grande fan, Pete Docter non è mai stato coinvolto da nessun’altra parte oltre alla Pixar. Questa longevità e fedeltà – sia allo studio che all’animazione – è quindi un caso raro, se non unico, nell’industria odierna che mescola i grandi nomi con i soldi in un’eterna staffetta.

Pixar: fotoL’inizio di una grande avventura

FIGURA OMBRA

Prima di affermarsi come pioniere del cinema d’animazione e colosso del settore, la Pixar ha attraversato seri problemi di flusso di cassa, al punto che il suo futuro era più che incerto. A quel tempo, la Disney da parte sua aveva il controllo del mercato occidentale e si era appena ripresa dalla lunga crisi verificatasi dopo la morte di Walter Disney grazie a La Sirenetta.

La compagnia dalle grandi orecchie così rappresentata un partner finanziario ideale per rimettersi in sella e farsi un nome nei film d’animazione. Nel maggio 1991 le due entità firmano quindi un primo contratto per la coproduzione di tre lungometraggi d’animazione distribuiti dalla Disney, il primo dei quali è un certo Toy Story.

Ecco come diversi mesi dopo essere entrato a far parte della nave, Pete Docter si è ritrovato a plasmare il futuro dell’azienda e garantirne la prosperità. Insieme a John Lasseter, che gli ha insegnato tutti i trucchi del mestiere, Joe Ranft e Andrew Stanton, ha contribuito a scrivere la sceneggiatura e sviluppare i giocattoli, dando la sua personalità – e più in particolare il suo perfezionismo malaticcio – a Buzz Lightyear, oltre a supervisionare tutte le animazioni e gli storyboard.

Toy Story: immagineNon disgustoso come sceneggiatura del primo lungometraggio

Fu anche durante questo periodo che lui e gli altri diedero vita al Braintrust, un incontro dei principali creatori dello studio che si teneva all’incirca ogni due mesi per monitorare da vicino l’andamento dei progetti in corso. Secondo il co-fondatore della Pixar Ed Catmull, lo scopo di questi incontri era quello di “spingere verso l’eccellenza e sradicare la mediocritàe”.

Questo leitmotiv e questa esigenza hanno ovviamente contribuito all’immagine orafa dello studio, ma hanno anche forgiato lo spirito artistico e creativo di Pete Docter al quale è difficile regalare un solo cappello. Dopo il fenomenale successo del primo Toy Storycelebre per essere stato il primo lungometraggio animato e cortometraggio interamente in 3D Il giocatore di scacchi che ha animato, ha quindi lavorato agli storyboard di 1001 gambe prima del pavimento lo scenario di un altro decisivo successo per l’azienda: Toy Story 2.

Toy Story 2: fotoCarriera in pieno svolgimento

PRIMI PASSI SOTTO I RIFLETTORI

Oltre ad essere del tutto fedele al suo studio, Pete Docter ha contribuito alla sua influenza e reputazione (Auto 2 essendo solo un’allucinazione collettiva). Ma dovevamo ancora aspettare il grande Mostri & Co. nel 2001, quasi un decennio dopo essere entrato in studio, Pete Docter è tornato alla regia (accreditato con David Silverman e Lee Unkrich) dopo che John Lasseter gli ha insegnato tutti i trucchi del mestiere.

Mostri & Co.il primo dei quattro film in catalogo a non essere co-diretto da Lasseter, fu allora Il più grande successo commerciale della Pixar con un bel jackpot di 579 milioni di dollari al botteghino mondiale (per 115 milioni di budget esclusa l’inflazione). La consacrazione è seguita agli Oscar con una prima nomination nella categoria del miglior film d’animazione – che diventerà presto un’abitudine – e una prima statuetta per il brano originale di Randy Newman (oltre all’Oscar Special che aveva ricevuto John Lasseter per l’abilità tecnica di Toy Story).

Leggi  Liga: dove vedere in streaming Almeria

Pixar: fotoSenza dimenticare il suo cortometraggio di derivazione, La Voiture de Bob, candidato agli Oscar l’anno successivo.

Prima Mostri & Co.Pete Docter non aveva fatto niente dai suoi tre cortometraggi di studio, Inverno, Palm Spring e Porta accanto per il quale era stato anche premiato dalla sua scuola. Se sono molto diversi nella forma, questi primi lavori in 2D disegnati a mano già prefiguravano i temi ricorrenti del suo cinema, le sue principali fonti di ispirazione e la sua insolita creatività.

In Inverno, ad esempio ha dirottato un aneddoto sulla sua sorellina che i suoi genitori hanno impacchettato così tanto in inverno che la povera ragazza riusciva a malapena a giocare nella neve. In Porta accanto, ha creato un mondo più concettuale per illustrare i personaggi e sondare l’immaginazione, giocando sulle forme e sul loro significato. Tutti questi elementi e questo ancoraggio alla realtà si sono poi ritrovati in questo primo lungometraggio, che ha immaginato dopo lo sconvolgimento successivo alla nascita del suo primo figlio. Quindi c’è una parte intima di Pete Docter nel personaggio di Sulli che mette in discussione il suo mondo e le sue certezze per amore di Boo.

Monsters Inc.: foto Sully e BooMi fa venire voglia di piangere tutto questo ancora di più

Lo stesso approccio è stato adottato per il suo capolavoro del 2009, lassù, il vecchio Carl è direttamente ispirato dal suo carattere riservato, dal suo malessere sociale e dal suo bisogno di respirare lontano dalla folla. Risultato: un nuovo Oscar per il miglior film d’animazione e una delle opere più ambiziose ed emozionanti dello studio. Rebelote nel 2015 con l’altro suo trionfo, Viceversache rende popolare la psicologia e deriva dagli stati d’animo mutevoli della figlia di 11 anni.

Infine, Ubriaco, il suo ultimo evento cinematografico del 2020, è un toccante omaggio alla sua famiglia di musicisti, oltre a un nuovo passo avanti in termini di inclusività e rappresentatività, due cause per le quali non ha mai smesso di interrogarsi e interrogarsi. Oltre ad avvicinarsi alla sua arte in modo molto personale attingendo alla sua vita, ai suoi sentimenti o a chi lo circonda, Pete Docter è riuscito l’impresa di vedere tutti i lungometraggi che ha co-diretto ha vinto l’Oscar e quasi tutti quelli su cui ha lavorato, come il fantastico Wall-E per il quale ha scritto la sceneggiatura, essere acclamato e selezionato in concorso. Nonostante Ubriaco un po’ delusa la redazione, non possiamo che applaudire alla sua carriera quasi impeccabile.

Lassù: fotoUna delle più belle e grandiose Pixar, semplicemente

TORNA ALL’OMBRA?

Pete Docter ha scoperto la passione per il movimento e l’animazione all’età di otto anni, quando ha iniziato un flipbook nel suo libro di matematica. Difficile immaginare quindi che il ragazzino goffo e introverso che aveva difficoltà a farsi degli amici sarebbe diventato il legittimo erede di un tale impero, dato che John Lasseter lo aveva in qualche modo addestrato a diventare il suo successore poco dopo la sua morte. Quando la Pixar è stata rilevata nel 2006, Docter è quindi logicamente diventato il vicepresidente creativo della Pixar al fianco di Andrew Stanton.

Successivamente è stato coinvolto nella produzione esecutiva di Ribelle e Accademia dei mostri (i rari “tacheroni” su cui si è cimentato), prima di essere naturalmente promosso direttore creativo nel 2018 da Bob Iger dopo la cacciata di John Lasseter, il ritiro di Ed Catmull e la ristrutturazione dello studio. È questo nuovo ruolo che l’ha occupata per più di un anno e continuerà ad occuparla per i prossimi anni.

Nel gennaio 2021, Pete Docter ha detto al giornalista di Hollywood che voleva rinunciare alla regia per concentrarsi sulla produzione e sulle sue nuove funzioni all’interno di questa azienda di cui deve preservare il genio dopo aver preso parte al suo decollo. La sua prossima missione sarà rinvigorire la Pixar dopo il suo esaurimento e sconvolgimento interno. Lo studio ha dovuto subire il colpo dall’inizio della pandemia con Avanti che, al di là della sua carriera falciata dalla crisi sanitaria, ha deluso le aspettative critiche. Anche altri tre progetti sono stati convalidati prima del suo insediamento: Luca e allarme rosso che ha avuto una versione più confidenziale su Disney+, così come Buzz Lightyear.

Il nuovo spin-off Toy Story è uscito nelle sale lo scorso giugno, ma non è troppo presto per parlare di un clamoroso fallimento. Il film è stato pensato come uno dei primi blockbuster estivi in ​​grado di riunire le famiglie nelle sale. Ma Buzz Fulmine non era l’evento atteso e quindi non sapeva come riconnettersi con la tradizione degli incontri nei teatri.

Buzz Lightyear: fotoDa Toy Story a Buzz Lightyear…

La sua prima vera sfida da direttore creativo riguarderà la prossima elementare diretto da Peter Sohn, che potrebbe finalmente siglare il forte ritorno della Pixar al cinema. Dovrà anche trovare un equilibrio con la produzione di contenuti Disney+ che hanno cose buone che il Popcorn Pixar o la raccolta di Pantaloncini cortima anche esempi di saccheggio artistico come Benvenuto in Doug.

Il nome di Pete Docter si troverà quindi nella maggior parte dei titoli di coda in attesa che questo artista appassionato, sensibile e visionario torni al timone di un film per un’ultima assunzione di rischi: Non so se alla lunga sarà sufficiente o se vorrò tornare alla regia. Vedremo.

Lascia un commento