fbpx

Perché l’ETA decide di uccidere Miguel Ángel

FLORENCIO DOMINGUEZ Direttore del Centro commemorativo per le vittime del terrorismo

L’ordine di assassinare membri del Partito Popolare era già stato dato prima del rilascio del funzionario carcerario Ortega Lara, sebbene l’omicidio di Miguel Ángel Blanco fosse legato al rilascio, coprendolo con un alone di vendetta. Questa dichiarazione è stata resa in un rapporto del 2004 dall’allora tenente colonnello della guardia civile Gonzalo González, che in seguito, con il grado di generale, è stato vice capo del quartier generale dell’informazione dell’istituto armato fino alla sua morte nel 2012.

Il comando della Guardia civile ha basato questa affermazione, tra le altre indicazioni, su una lettera inviata dall’allora capo dell’apparato militare dell’ETA, José Javier Arizkuren Ruiz, ‘Kantauri’, al ‘comando di Vizcaya’ dando istruzioni da fare con un consigliere dalla PP, la stessa cosa che è stata fatta poco dopo con Miguel Ángel Blanco. La lettera, manoscritta e firmata da ‘Kantauri’, non è datata, ma i servizi di polizia la datano ai primi giorni di luglio o alla fine di giugno 1997.

«È importante dare i politici del PP. Dirti che qualsiasi politico del PP è obiettivo. Ribadiamo l’importanza di queste azioni. Altra cosa, mettere tutta la forza possibile nel sollevare un consigliere dal PP. Dare un ultimatum di giorni affinché i prigionieri si trovino a Euskadi. In relazione a questo argomento (rapimento), fallo il prima possibile e se non puoi rapirlo o c’è un problema nel tentativo, dagli kaña per un altro. Ad ogni modo, prova a sollevarne uno. Lo vinceremo”

“Dobbiamo vedere quanto sia importante dare direttamente ai politici e alla questione dei sequestri. Come vi dicevo prima, non fate sabotaggi, ecc… Fate azioni dirette e soprattutto la questione del sequestro (di) consiglieri, prendendo di mira i politici del PP e quelli della lista che vi ho inviato»

“Dai loro kaña il più forte possibile”

Il leader dell’Eta ha ordinato al ‘comando di Vizcaya’ di cessare di compiere attacchi con danni materiali e di concentrarsi sull’attacco alla Polizia nazionale, ai militari e alla Guardia civile, ma soprattutto li ha esortati a fare “uno sforzo enorme con i politici”. “È molto importante dare ai politici del PP”, ha scritto. Dirti che qualsiasi politico del PP è obiettivo (…). Un’altra cosa, mettere tutta la forza possibile per allevare (rapire) un consigliere del PP dando un ultimatum di giorni affinché i prigionieri si trovino in Euskadi. In relazione a questo problema (rapimento) fallo il prima possibile, e se non puoi rapirlo o c’è un problema nel tentativo, gli dai kaña per un altro».

Le analisi dei servizi di intelligence dell’epoca indicavano che ETA percepiva l’esistenza di fessure nel Patto di Ajuria Enea e voleva allargare quelle fessure per provocare una rottura tra il PP e il PSE-PSOE, da un lato, e il PNV , da un lato, dall’altro, al fine di isolare i due partiti costituzionalisti. L’ETA ha trasmesso slogan al suo ambiente politico nella prima metà del 1997 in modo che operassero nella stessa direzione facendo pressione sul PNV e usando la questione dei prigionieri per acuire la divisione tra i nazionalisti ei socialisti e quelli popolari. A ciò si aggiungeva la strategia di socializzazione della sofferenza che la banda aveva iniziato ad applicare nel 1995 con l’omicidio di Gregorio Ordóñez, a cui sarebbe poi seguita quella di Fernando Múgica.

La lettera ‘Kantauri’ è coerente con questa strategia: non vi è alcun riferimento alla liberazione di José Antonio Ortega Lara, avvenuta il 1° luglio 1997. L’unica motivazione che si afferma è il trasferimento dei prigionieri. L’ETA aveva avviato nel gennaio 1996 una campagna di mobilitazione e pressione sul governo per avvicinare i terroristi incarcerati. Per un anno e mezzo l’ambiente politico della banda aveva inscenato continue manifestazioni per le strade mentre, dalle carceri, i prigionieri avevano anche svolto varie attività di protesta, tra cui scioperi della fame a rotazione.

Il ruolo di Ibon Muñoa

Queste proteste erano iniziate due giorni prima del rapimento di Ortega Lara. Per tutto questo tempo, l’ETA ha esercitato la massima minaccia con il rapimento di Ortega Lara, con tre attacchi contro funzionari carcerari, altri cinque contro sindaci del PP e uno ancora contro un militante del PSOE. Tuttavia, a metà del 1997, le mobilitazioni erano esaurite e anche i prigionieri avevano sospeso le loro proteste. La banda aveva bisogno di un colpo di stato per riportare il morale alla sua base sociale e ai suoi militanti imprigionati, stremati dopo un anno e mezzo di attivismo senza risultati.

In questo contesto la dirigenza dell’Eta dà ordine ai suoi commando di rapire un sindaco del PP e di dare un ultimatum: «Come le dicevo prima, non sabotare –indicava ‘Kantauri’ nella stessa lettera–. Fate azioni dirette e soprattutto la questione del sequestro di consiglieri (sic), date ai politici del PP ea quelli della (lista) che vi ho inviato e date alle forze di occupazione.

Qualsiasi politico del PP ha servito l’ETA, ma la scelta di Miguel Ángel Blanco come vittima è stata il risultato di una catena di coincidenze iniziata due anni prima dell’assassinio. Nel 1995 Irantzu Gallastegi era fuggito dalla sua casa per evitare l’arresto mentre la polizia lo cercava per presunta collaborazione con il “comando di Vizcaya”. Durante il suo volo, ha incontrato l’ex consigliere dell’Eibar HB Ibon Muñoa, che l’ha nascosta nella sua casa nella città degli armaioli. Un anno dopo, Gallastegi, allora parte del ‘Donosti commando’ insieme a Javier García Gaztelu, Txapote, e José Luis Geresta, ‘Oker’, si rivolse a Muñoa per dare loro rifugio nella sua casa.

I membri del “comando Donosti” hanno lasciato la loro consueta area di azione, la capitale di Gipuzkoa e dintorni, per evitare la pressione della polizia che il comando ha sentito dopo l’omicidio di Fernando Múgica. Decisero di nascondersi per stare al sicuro fuori dalla zona abituale in cui operavano e in cui avevano le loro infrastrutture e si rivolsero al conoscente di Gallastegi a Eibar per nasconderli.

Alla fine di giugno hanno ricevuto ordini simili a quelli che “Kantauri” aveva inviato al “Comando Vizcaya”. E in quel momento è entrato in gioco un altro elemento della catena di coincidenze: Ibón Muñoa conosceva Miguel Ángel Blanco perché il militante del PP lavorava nella consulenza contabile che teneva i conti dell’azienda di famiglia dell’ex consigliere di HB. Davanti alla polizia, Muñoa ha dichiarato di aver informato il comando di Blanco, ma davanti al giudice ha solo ammesso di conoscere il sindaco del PP e ha negato di aver passato informazioni ai membri dell’Eta che alloggiavano a casa sua.

Il ‘comando Donosti’ è stato quindi in grado di eseguire gli ordini ricevuti, cosa che Vizcaya non aveva saputo fare, e prima ha rapito e poi ucciso il giovane politico del PP. L’immagine sociale che si è insediata nella società dopo il delitto era che l’Eta aveva dato una risposta decisa in dieci giorni al successo della polizia che ha portato alla scarcerazione di Ortega Lara. Inutile che vi fossero indicazioni che gli ordini di compiere un sequestro di questo tipo fossero stati impartiti prima del 1° luglio.

affrontare la crisi

L’inedita risposta di rifiuto sociale dopo il rapimento di Miguel Ángel Blanco ha provocato confusione nelle file della sinistra abertzale e persino dissensi interni come quelli portati avanti da ‘Txelis’, che ha messo fine a cinque anni di silenzio, e con altri cinque i prigionieri hanno prodotto un documento critico nei confronti dell’assassinio e della continuazione del terrorismo. Durante i mesi di agosto e settembre si sono susseguiti incontri tra i membri della Coordinadora Abertzale Sozialista (KAS) e i responsabili dell’apparato politico dell’ETA, allora guidati da ‘Mikel Antza’, per preparare una risposta che consentisse alla crisi di essere affrontato.

Gli slogan per calmare la militanza della sinistra nazionalista cercavano di infondere l’idea che lo Stato, passato dal successo della liberazione di Ortega Lara al fallimento dell’assassinio del consigliere Ermua, stesse cercando di fare una manipolazione sentimentale di società.

Frattura

ETA ha percepito crepe nel Patto di Ajuria Enea e ha cercato la rottura del PSOE, del PP e del PNV

I commissari politici della sinistra nazionalista spacciarono tra le loro basi l’idea che il pallone del rifiuto sociale si sarebbe sgonfiato, proprio come era successo dopo l’assassinio di Gregorio Ordóñez. Hanno insistito sul fatto che si trattava di un salto di qualità per ETA e che era necessario del tempo per assimilarlo. A quanto pare, lo stesso ‘Txapote’, dopo il delitto, ha commentato a un collaboratore che avrebbe dovuto aspettare un anno prima che si vedessero i risultati di quel delitto. E non si è sbagliato perché la mobilitazione a Ermua ha spaventato anche il PNV, che ha interpretato erroneamente quello che era un rifiuto massiccio del terrorismo dell’ETA come un rifiuto del nazionalismo in generale.

Pochi mesi dopo, il PNV aprì canali di comunicazione con HB e nell’estate dell’anno successivo il partito allora guidato da Xabier Arzalluz ed Eusko Alkartasuna firmò un accordo segreto con ETA che aprì la strada al Patto di Estella e con esso iniziò un fase di radicalizzazione e confronto politico e sociale.

Leggi  Shakira single: umiliata da Gerard Pique, la sua risposta non passa inosservata!

Lascia un commento