fbpx

perché le scene post-crediti di Thor 4 sono angoscianti come le altre

Le due scene post-crediti alla fine di Thor: Amore e tuono sono imbarazzanti e falliti come il film di Taika Waititi.

Dopo aver combattuto contro Thanos con tutti i suoi amici e essersi uniti ai Guardiani della Galassia nelle loro avventure attraverso il cosmo in Vendicatori: Fine del giocoThor (Chris Hemsworth) torna al fianco di Valkyrie (Tessa Thompson) e Jane Foster (Natalie Portman) per affrontare Gorr, il Macellaio degli Dei (Christian Bale).

E se Thor: Amore e tuono raggiunge un livello di non mi interessa e incoerenza mai visto prima dai Marvel Studios (nei film), le due scene post-crediti del film confermano che non c’è niente da salvare nel lungometraggio diretto da Taika Waititi.

ATTENZIONE: SPOILER!

Da zero a mille

All’inizio del film, Thor e i suoi amici scoprono che Gorr sta massacrando un’intera schiera di divinità in tutto l’universo e così decidono di recarsi nella Città dell’Onnipotenza, un luogo in cui sono riunite tutte le divinità mitologiche (incluso Bao, il ” dio dei panini”) per chiedere il loro aiuto.

Zeus (interpretato da Russell Crowe con un accento discutibile e una gonna ridicola) rifiuta di intromettersi nei loro affari per paura di essere ucciso a sua volta, poi incatena Thor e lo ridicolizza davanti all’assemblea, quindi il Dio del Tuono si libera, ruba il fulmine a Zeus e lo uccide lanciandolo attraverso il petto. Una reazione un po’ sproporzionata, ma alla fine irrilevante, dal momento che la prima scena post-crediti rivela che Zeus non è morto e intende vendicare l’affronto di Thor.

Addio alla tua carriera, Russell

Mentre si prende cura della sua ferita aperta, il sovrano dell’Olimpo lamenta che gli umani non hanno più considerazione, paura o amore per le divinità mitologiche del passato e che preferiscono adorare i supereroi da ora in poi.

Per ripristinare l’onore degli dei e riportare la paura nel cuore dei mortali, Zeus decide quindi di inviare colui con cui aveva parlato dall’inizio della scena post-crediti: suo figlio, Ercole, interpretato da Brett Goldsteinmeglio conosciuto per il ruolo di Roy Kent nella (grande) serie Ted Lasso.

Ted Lasso: foto, Brett Goldstein“È qui, è lì, è ovunque, Roy Kent! Roy Kent!”

Scontro tra Titani

Nei fumetti, Ercole lo è uno degli alleati di Thor e si unì ai Vendicatori per un certo periodo, ma inizialmente i due eroi mantennero una lunga rivalità originariamente. Il figlio di Zeus è apparso per la prima volta nell’Universo Marvel nel 1964 nel numero 10 diVendicatoristimolato da Jack Kirby e Stan Lee, ma questa versione era in realtà uno Space Ghost evocato da Immortus (una delle tante versioni di Kang il Conquistatore) per combattere Thor.

Hercules fece effettivamente la sua comparsa nel 1965, nel numero annuale di Viaggio nel mistero, in cui Thor trova un passaggio mistico verso l’Olimpo e affronta Ercole semplicemente per determinare chi ha il diritto di attraversare per primo un ponte di pietre. Non essendo in grado di decidere tra di loro i due eroi, Zeus interruppe il combattimento e li costrinse a stringere la mano per fare la pace.

Thor: fotoStupidi l’uno dell’altro

Tuttavia, la popolarità di Ercole tra i lettori ha spinto la Marvel a riportarlo come antagonista e Thor si scontrò di nuovo con lui quando Hercules fece delle avances a Jane Foster nel numero 126 del Thor. Accettò di uscire con lui, provocando un impeto di gelosia nell’eroe e una rissa in un cantiere edile tra i due personaggi (che Ercole vinse perché Odino aveva sottratto parte dei suoi poteri a suo figlio).

Più tardi, in un’altra avventura, Thor salvò Ercole dagli Inferi, allora i due alla fine divennero amici ed Ercole si unì ai Vendicatori. Ma la Marvel ha trovato un altro motivo per cui le due divinità si scontrano nel numero 221 di Thor, quando il dio Plutone fece credere a Thor che Odino fosse tenuto prigioniero da Ercole nel mondo dell’Ade. Thor ed Ercole quindi combatterono ancora una volta, finché Zeus intervenne nuovamente per separarli e spiegare l’inganno a Thor.

Thor: fotoUn lunedì come tutti gli altri nell’universo Marvel

Lo ha poi rivelato un numero speciale le due divinità si erano già combattute in tempi antichiquando Thor guidava orde di vichinghi contro i soldati greci di Ercole (cosa che storicamente non ha senso, ma perché no), allora Thor si ritrovò posseduto da Ares nel numero 349 diVendicatoriche ha provocato un altro combattimento tra Thor ed Ercole.

Leggi  Norman Reedus conferma il ritorno dei personaggi perduti nello 'spin-off' di Daryl: 3 sopravvissuti che possono tornare

Più recentemente, L’incredibile Hulk è temporaneamente diventato L’incredibile Ercolecon una storia in cui Ercole assume l’armatura di Thor e i fulmini di suo padre Zeus per impersonare il Dio del Tuono. Quando Thor lo scoprì, prese in prestito il costume e le armi di Ercole e i due uomini si affrontarono di nuovo in un combattimento intitolato “Hercuthor contro Thorcules“.

Thor: fotoÈ anche da The Incredible Hercules da cui proviene questo volto che è diventato il meme di “Cool Story Bro”.

Dopo gli eventi di Thor: Amore e tuono e quella prima scena post-crediti, è chiaro che Hercules lo è Il prossimo nemico di Thor nell’MCUma il figlio di Zeus potrebbe benissimo sviluppare un’amicizia con il dio nordico da allora in poi e forse anche diventare uno dei suoi alleati ricorrenti, o addirittura uno dei membri dei Vendicatori, come nei fumetti.

Nel modo in cui con Starfox dentro Gli Eterni o quello con Cléa dentro Il dottor Strange nel multiverso della folliai Marvel Studios non hanno specificato nulla e si sono accontentati di rilasciare un altro personaggio noto solo ai lettori di fumetti e accampato da un volto più o meno riconoscibile.

In tutti i casi, un viene annunciato il combattimento tra Hercules e Thor nell’MCU. Non resta che aspettare che Taika Waititi trovi uno spazio libero tra il suo Star Wars, il suo adattamento di Incal e gli altri suoi progetti per creare un’altra furia visiva e la data di uscita è fissata.

Thor: fotoHercuthor vs Thorcules, il tipo di cattive idee che potrebbero piacere a Taika Waititi

La morte gli si addice

Nella seconda scena, dopo i titoli di coda, Lo spirito di Jane Foster si risveglia nel Valhalla, l’equivalente del Paradiso nella mitologia norrena riservata ai guerrieri morti in battaglia, come Thor ricorda giustamente a Lady Sif (Jaimie Alexander) nel film. Il basso, viene accolta da un altro personaggio dell’universo di Thor, ucciso da Thanos durante Vendicatori: Infinity War : Heimdallinterpretato da Idris Elba.

Thor: foto, Idris ElbaLascia perdere quel costume, Idris, sta diventando ridicolo

Davanti a uno sfondo verde urlante e spettrale, l’ex alleata del Dio del Tuono la ringrazia per aver salvato suo figlio, Axl (Kieron L. Dyer), insieme agli altri bambini, poi cammina con lei, spiegandole le regole da seguire in questo nord. Paradiso.

A differenza della prima, che prepara il futuro del MCU e le avventure di Thor, questa seconda scena post-crediti non porta in sé nulla di essenziale e la sequenza serve principalmente a confermare che Jane Foster è morta quanto Heimdall, ma anche che il suo tempo nell’aldilà non è la fine della sua storia (e quindi, che i personaggi Marvel non se ne vanno mai davvero, anche quando sono morti, sepolti, decaduti e dimenticati per anni). Dopodiché, una carta indica che “Thor ritornerà‘ e il film finisce.

Thor: Love and Thunder: foto, Natalie PortmanLa fine della fine per Jane Foster o no?

A prima vista, questa scena post-crediti in Valhalla è lì per rendere omaggio al sacrificio eroico di Jane Foster, ma il finale del film, il passato di Loki e diverse produzioni dei Marvel Studios hanno già dimostrato che una resurrezione può arrivare rapidamente. Thor potrebbe cercare di trovare un modo per riportare il suo amato e vecchio amico nella sua prossima avventura per aiutarlo a sconfiggere Ercole, prima che il potente Thor o un altro personaggio ottengano la sua serie Disney+. Se Thor: Amore e tuono ha dimostrato una cosa, ed è che la Marvel è capace di qualsiasi cosa, e soprattutto di qualsiasi cosa.

Lascia un commento