fbpx

perché la fine della serie è un piccolo abominio

Tutti i finali delle serie non hanno necessariamente successo, e quello di soprannaturale è un ottimo riferimento sull’argomento.

Che sia la stagione di troppo, o un episodio finale traballante, a volte capita che gli ultimi momenti di una serie, per quanto cruciali, lascino un sapore in bocca ancora più sgradevole di uno scatto di Smecta. .

tra la fine del Game of Thronesun esempio così ovvio da essere ora comparativo, quello di PERDUTOche non smettono mai di discutere, Come ho incontrato tua madrepiù sciatto di una prima sega adolescenziale, o addirittura destrezza, il cui pathos abissale potrebbe rovinare anche le prime stagioni, i brutti finali sono purtroppo legione nel panorama seriale. E più recentemente, un altro programma, anche di culto, ha avuto il disonore di entrare a far parte di questa lista di incompetenze.

Così, dopo quindici lunghe stagioni, quasi tutte trasmesse sul canale The CW (che è già un brutto segno), la serie pseudo-horror soprannaturale finalmente si è conclusa nel novembre 2020. E se la qualità decrescente delle ultime esplosioni di episodi era di buon auspicio, niente non avrebbe mai potuto preparare gli spettatori per il cataclisma che il finale è stato davvero.

sindrome della pagina bianca

Finire una serie che è durata quindici anni, per quanto brutta possa essere diventata, rimane una grande sfida. Sulla base di questa premessa, Andrew Dabb, che ha supervisionato la serie dal 2008, ha deciso che sarebbe stato saggio dividere il finale in due episodi: uno per terminare la stagione, l’altro per terminare la serie. Di per sé, l’idea non è male. Dedicare, dopo 327 episodi, un’intera trama ai due personaggi principali (che rappresentano, senza mentire, l’unico motivo per cui i fan hanno voluto infilarsi quindici stagioni) sembrava in realtà l’approccio più appropriato.

Tuttavia, abbiamo l’impressione di scoprire la costruzione di un “mostro della settimana” e non un episodio conclusivo: sei mesi dopo aver sconfitto Dio (sì, Dio, con la D maiuscola) e deciso di condurre un più tranquillo, Sam e Dean finalmente torna in servizio quando un omicidio di bambini li porta sulle tracce di diversi vampiri.

“Buonasera, questa è la polizia del copione, ci è stato segnalato che siamo scomparsi”

Dopo diverse stagioni trascorse a rincorrere creature mitologiche sempre più incredibili (oltre al Creatore di tutte le cose, i due fratelli si misuravano ancora con lo Scriba di Dio, Lucifero, o addirittura la personificazione delle Tenebre, tanto per citarne alcuni) , in altre parole quellometti i cacciatori contro tre sfortunati vampiri nell’ultima puntata della serie non ha ingaggiato la posta più emozionante. Se c’è chi ha visto in essa un vero e proprio ritorno agli antagonisti della prima stagione e, a fortiori, alle fonti, la sensazione generale era più insoddisfazione che altro.

Certo, il contesto pandemico è in parte responsabile di questo fallimento. La crisi sanitaria non ha portato solo alla sospensione delle riprese, ma anche a molte riscritture degli ultimi due episodi. In un’intervista rilasciata a Intrattenimento settimanaleAndrew Dabb ha così ammesso “ Abbiamo provveduto a riscrivere gli episodi 19 e 20 non appena siamo venuti a conoscenza delle nuove normative sanitarie. Certo, questo ha cambiato le cose. Soprattutto quando si tratta del ventesimo episodio. »

Supernatural Stagione 15: foto, Misha Collinsidee di zombi

In un’altra intervista a Fascino, l’attore Jensen Ackles, che presta i suoi lineamenti al maggiore dei Winchester, nel frattempo ha confidato che inizialmente era prevista una grande riunione con i vecchi personaggi della serie. Ciononostante Samantha Ferris, l’attrice che ha prestato i suoi lineamenti al personaggio secondario Ellen Harvelle, ha affermato più volte attraverso il suo racconto Twitter non essendo mai stato contattato dai produttori a riguardo.

Anche Misha Collins, l’interprete di Castiel, è assente nell’ultimo episodio. Certo, il suo personaggio muore alla fine dell’episodio 18 per assicurarsi la vita di Dean. Tuttavia, è stato rapidamente confermato nell’episodio finale che il personaggio era effettivamente stato riportato dal Vuoto da Jack, e che aveva partecipato alla ricostruzione del Paradiso. Allora perché diavolo non includerlo nell’episodio finale? La questione resta ancora irrisolta.

Soprannaturale: foto, Jensen AcklesCimitero narrativo

È TEMPO DI ESSERE INCHIODATI

Per qualche oscura ragione, i produttori esecutivi della serie hanno deciso di sacrificare a Dean Winchester letteralmente un episodio dopo che quest’ultimo è riuscito a uccidere Dio. Se l’approccio era già di per sé dubbio, la sua esecuzione è un vero e proprio manifesto di incompetenza: in ciò che molto probabilmente rappresenta una delle peggiori sequenze della serie, un vampiro travestito da mimo (sì) riesce a impalare il personaggio su un chiodo conficcato in una trave. L’azione è angosciante, ma purtroppo è solo l’inizio.

La scena stessa, più ridicola che tragica, si allunga inutilmente e sembra più favorevole a dare il posto d’onore a accenni pseudocestuosi che a rendere davvero omaggio al personaggio. Dopotutto, i due fratelli sono famosi per non morire letteralmente mai, tanto che il concetto stesso di morte ha perso ogni credibilità all’interno dello show. Scegli di liquidare il personaggio un vecchio chiodo arrugginito in un fienile fatiscente quindi sa più di una brutta battuta (o anche di una battuta), che di un pregiudizio deliberato.

Leggi  Marvel: la vera grande domanda su Avengers: Secret Wars

Soprannaturale: foto, Jensen AcklesDieci secondi prima del disastro (e venti minuti dopo l’inizio dell’episodio)

E anche andando oltre la scena in questione, le circostanze in cui il personaggio muore formano a sputare in faccia al suo arco narrativo. Dean è un personaggio che, sin dall’inizio della serie, si vede soprattutto come carne da cannone, il cui unico scopo è proteggere suo fratello. Diverse stagioni di varie delusioni e dialoghi illuminanti finiscono tuttavia per togliergli dalla testa questa idea assurda. Tanto che nell’episodio finale della stagione 13 (La spada di San Michele/Lascia che i bei tempi rotolino), quest’ultimo confida a Sam che desidera lasciare il lavoro e godersi giornate più serene.

Alla fine, Dean muore come aveva previsto nella prima stagione, annientando di fatto ogni nozione di libero arbitrio (ancora una delle punte di diamante predicate dalla serie) e di sviluppo personale. Una conclusione che, oltre a deludere i fan della serie, è ben lungi dall’aver convinto l’interprete del personaggio. In un’intervista rilasciata a Intrattenimento settimanale il giorno prima della messa in onda dell’episodio finale, Jensen Ackles non ha cercato di nascondere la sua insoddisfazione per l’esito della serie:

Soprannaturale: foto, Misha CollinsCatarsi

“Durante la pausa tra le stagioni 14 e 15, Jared ed io siamo stati convocati nella stanza degli sceneggiatori a Los Angeles. (…) Non è stata una sessione di brainstorming, ci è stato semplicemente presentato un fatto compiuto. Era prendere o lasciare. Me ne sono andato abbastanza a disagio.

Non so se fosse stata l’idea di dire addio a una serie a cui ho partecipato per gli ultimi quindici anni della mia vita, se fosse diventata troppo personale per me per venire a patti con il suo scopo, ma ero non un fan. Ho avuto molti problemi con questa scelta di fine, non è un segreto, mi sono già espresso molto al riguardo. È Eric Kripke [le créateur de la série, ndlr] che mi ha aiutato a fare un passo indietro. »

Soprannaturale: foto, Jensen Ackles“Chi sono veramente?”

EVOLVE-COSA?

Molte cose accadono in quindici stagioni. I personaggi principali si evolvono, una pletora di personaggi secondari si unisce gradualmente all’avventura, mentre una miriade di intrighi si susseguono allegramente. Tuttavia, alla luce dell’episodio, è difficile comprendere che siano passati quindici anni. È così difficile da capire, a proposito, che è del tutto possibile guardare l’ultimo episodio subito dopo il primo episodio, e per poter seguire pienamente il corso dell’azione.

Viene da chiedersi come i produttori esecutivi, e in particolare Andrew Dabb, non lo abbiano fatto apposta per produrre un finale così scadente. E alla luce delle dichiarazioni di quest’ultimo in occasione dell’edizione 2019 del Comic Con di San Diego, la domanda potrebbe essere legittima: ” Lavoro a questa serie da 12 anni ormai. Quello che abbiamo programmato per il finale soddisferà solo il 30% degli spettatori. Se pensavi che il finale di Game of Thrones fosse brutto, aspetta un po’. »

Soprannaturale: foto, Jensen Ackles, Misha Collins“Vorremmo parlare con il produttore, promettiamo di non fargli del male”

Non c’è bisogno di mettere in dubbio la validità di un tale comunicato stampa, non ce ne sono. Ma forse spiega un po’ l’indiscutibile vacuità di cui soffre la trama, la totale non risoluzione degli archi narrativi di molti personaggi (cuore su di te Eileen), l’abbandono radicale del messaggio iniziale della serie, la morte inspiegabile di Dean, l’assenza di Castiel nonostante la sua bellissima confessione finale, o anche il montaggio aberrante incentrato su Sam che invecchia miseramente, vestito con una parrucca più brutta degli effetti speciali delle prime stagioni.

Di fronte a un risultato così divisivo, i fan si sono subito chiesti se non sarebbe stato meglio, alla fine, quello la serie termina alla fine della quinta stagione, come originariamente previsto. L’episodio Il canto del cigno (che per inciso è il più votato della serie con una media di 9,7/10 su IMDB) si è concluso così con il sacrificio espiatorio di Sam e la successiva sconfitta di Lucifero. A seguito di questo tragico evento, Dean ha scelto di rendere omaggio alla memoria del fratello e di abbandonare la professione per andare, sotto lo sguardo benevolo di Castiel, a costruire una famiglia con la sua amata di lunga data, Lisa Braeden.

Soprannaturale: foto, Jared PadaleckiDabb avrebbe fatto meglio a prendere appunti

In tal modo, l’episodio ha risolto ciascuno dei segmenti narrativi precedentemente introdotti e ha fornito ai due fratelli un finale agrodolce, ma adeguato. La conclusione non potrebbe essere più ideale. Infatti, nonostante i pochi tentativi di Eric Kripke di riabilitare la fine immaginata da Andrew Dabb con i fan, il produttore e sceneggiatore non inganna nessuno: la fine di soprannaturale è un piccolo disastro come raramente vediamo, e due anni dopo, i fan stanno ancora lottando per superarlo. Cosa temere di peggio per quanto riguarda lo spin-off commissionato da The CW.

Lascia un commento