fbpx

Perché gli animali non sono infetti in “The Last of Us”?

L’ultimo di noi è ricco di dettagli e poco a poco l’universo videoludico si sta aprendo davanti all’occhio vigile degli spettatori, che dopo aver correttamente ipotizzato sulla vera origine del Cordyceps, si chiedono cosa sia successo agli animali dopo l’arrivo del virus.

Nel secondo capitolo è stata confermata la teoria della farina, che ha spiegato come sia nata l’epidemia di virus che ha portato alla “fine del mondo” della serie. La malattia si è diffusa attraverso la farina e le scorte alimentari di base spedite da Jakarta e presto è diventata una pandemia globale. Due decenni dopo, il cibo in scatola è popolare, anche se rimangono gemme nascoste come il panino di Ellie.

Tuttavia, man mano che vengono rilasciati più episodi, vengono sollevate più domande sul mondo post-apocalittico. L’ultimo è arrivato a seguito del quarto episodio della serie, quando Joel ed Ellie intraprendono un viaggio in un furgone.

Durante il viaggio iniziale -e poco prima che venga interrotto-, Ellie vede attraverso il finestrino del veicolo un branco di bufali, che sembrano vivere separati e in pace dopo l’apocalisse. Questo può portare a chiedersi come gli animali possano essere sopravvissuti alla catastrofica realtà, e soprattutto se possano essere immuni al Cordyceps.

[Quiénes son la FEDRA, los Luciérnagas y los Cazadores, los grupos armados de ‘The Last of Us’]

La spiegazione del videogioco


Frame dal quarto episodio di ‘The Last of Us’

Secondo quanto narrato nel videogioco, all’università è stata condotta un’indagine sugli inizi del contagio. Apparentemente, le scimmie potrebbero essere infettate dal ceppo Cordyceps e persino essere portatrici, ma senza corrompere il cervello o il sistema nervoso. Si comporterebbe quindi in modo simile a quello di un parassita, che vive a spese di un organismo per un periodo di tempo.

Tuttavia, il Cordyceps è un’infezione fungina e non un parassita, quindi può essere diffuso attraverso la saliva, proprio come il virus della rabbia. È vero che L’ultimo di noi È una finzione, ma non smette di aggrapparsi a una base reale che può aiutare a spiegare cosa succede sullo schermo.

Ad un certo punto del videogioco i protagonisti trovano in un laboratorio alcune scimmie che apparentemente servivano per sperimentare il virus e ne vengono infettate, anche se questo non sembra interessarle, perché continuano a comportarsi in modo comune.

Questo deve ancora essere spiegato nella serie, ma sembra che la risposta più praticabile a questa domanda sia che possono anche essere infettati e che possono colpirli in modo diverso, a seconda della specie.

[El creador de ‘The Last of Us’: “Si el género zombi se trata adecuadamente puede abordar problemas sociales”]

Una risposta molto più semplice

Gli animali molto probabilmente non sono immuni al Cordyceps e potrebbero esserlo non si infetteranno perché si trovano in zone troppo lontane per la portata degli infetti o degli zombi.

Le aree urbane e le aree dove la popolazione viveva in massa avevano una maggiore concentrazione di persone e questo facilitava la diffusione del fungo, che rendeva molto più difficile raggiungere le aree disabitate.

Sapendo questo e considerando ciò che accade nel gioco, ci sono buone probabilità che non siano le uniche specie che incontrano durante la serie.

Archiviato in HBO Max, Serie, The Last of Us

Redattore di SERIE E ALTRO. Laureato in Comunicazione Audiovisiva presso l’Università Carlos III di Madrid. In spagnolo dal 2021

Leggi  il seguito potrebbe finire nella spazzatura (e tanto meglio)

Lascia un commento