fbpx

“Parlare di inclusione per fare ‘check’ è prendere in giro il pubblico e non sono interessato”

Dopo il successo di la casa dei fiori e la polemica C’era una volta… ma non piùManolo Caro torna su Netflix venerdì 14 ottobre con Sacra Famigliauna miniserie che approfondisce a fondo la famiglia come istituzione per raccontare la maternità in un mondo di apparenze.

La finzione si svolge nel preciso momento in cui si trasferisce una nuova famiglia Fontana del crescione. Il suo arrivo porrà fine alla stabilità del quartiere in cui Gloria vive con il suo bambino e Aitana, la sua ragazza alla pari, che si nasconde da un passato misterioso e oscuro. In un quartiere dove nulla è come sembra, quattro vicini di casa stringeranno una forte amicizia con un denominatore comune, sono madri. La loro relazione sembra perfetta, finché il passato di Gloria non cambia tutto.

SERIE E ALTRO | giornale specializzato in serie televisive e film. ha parlato con il creatore della serie Manolo Caro e con i suoi protagonisti Najwa Nimri, fiori dell’alba, Alex Garcia, Macarena Gomez, Carla Campra, Ivan Pellicer, Lei Kweku e Alvaro Ricoche approfondiscono i dettagli della finzione e il suo modo di affrontare il tema della maternità.

[Travestis, amor y mentiras: la telenovela LGTB que ha revolucionado el verano]

L’origine della serie


Prima ancora che il progetto fosse annunciato, Manolo Caro aveva già pensato di girare una serie sul tema della famiglia e della maternità e lui stesso ha ammesso che l’idea era nella sua testa da un paio d’anni.

Più tardi, lo decise Sacra Famiglia Era la sua prima serie spagnola, in cui tutti i membri del cast erano spagnoli e lui poteva “riportare lo spirito del cinema e della televisione che è arrivato anche in America Latina negli anni ’90 e questo ha dato loro tanto successo”.

[Netflix presenta el tráiler de ‘Enola Holmes 2’, que marca el regreso de Millie Bobby Brown como detective]

Alba Flores ha anche ricordato com’era quando ha letto per la prima volta la sceneggiatura della serie e come Najwa Nimri -con cui ha già lavorato occhio per occhio Y La rapina di denaroè venuto a condizionare il fatto che ha finito per partecipare al progetto.

“Al momento in cui ho letto la sceneggiatura non c’era ancora Najwa e La prima cosa a cui ho pensato è stata chi avrebbe interpretato la protagonista, perché sapevo che questo era il ruolo più complicato.. Per me dipendeva molto da chi rendeva quel personaggio il fatto di cimentarsi in questo o meno e beh, certo, alla fine c’è stata fortuna”, ha confessato.

Da parte sua, Macarena Gómez ha riconosciuto di essere arrivata a pensare che avrebbe interpretato il personaggio che in seguito Alba Flores ha dato vita e che voleva lavorare con Caro. Ha infatti elogiato il lavoro del creatore, mettendo in evidenza “la regia, le inquadrature, l’inquadratura e l’estetica” e anche “brillanti performance”.

la rappresentazione conta

Manolo Caro torna sulla piattaforma con una serie su maternità e famiglia.

Netflix

Una delle domande affrontate nell’intervista è arrivata dall’ultima serie che Manolo Caro ha presentato in anteprima sulla piattaforma: C’era una volta… ma non più. La narrativa musicale è stata pesantemente criticata all’epoca per il suo modo di rivendicare la diversità e si diceva persino che usasse un linguaggio inclusivo con tono beffardo.

Come in tutte le sue creazioni, nel caso di Sacra Famiglia la rappresentanza della comunità LGTBIQ+ è ancora presente e lo stesso Manolo Caro ha spiegato che nel suo Paese (Messico) è criticato per il contrario. “Mi dicono sempre che racconto storie di persone eleganti e bianchi privilegiati, ma quello che mi interessa è essere onesto. Mi impegno e sto imparando, perché questo è un apprendimento costante”, ha detto.

“Ricordo il momento in cui sono uscito allo scoperto 20 anni fa ed è molto diverso dal fatto che lo fa un nipote ora. E questo ha a che fare con il modo in cui ci siamo evoluti socialmente e si trasferisce anche sullo schermo nel modo in cui raccontiamo le storie ora”, ha continuato.

“Per me Sono davvero preoccupato per l’annullamento della cultura., perché improvvisamente vedo che i progetti audiovisivi vengono giudicati che quando sono stati creati parlavano di un altro momento sociale e che vederli dal prisma di oggi è un po’ assurdo. Ma l’obiettivo è trattare questo argomento con attenzione e onestà. neanche io Parlerò di qualcosa che non conosco per fare un ‘controllo’ nel mondo dell’inclusioneperché sta prendendo in giro il pubblico e non sono interessato”, ha affermato Manolo Caro.

[Netflix busca su ‘Harry Potter’ con ‘La Escuela del Bien y del Mal’, la película basada en la saga]

La famiglia perfetta non esiste

Najwa Nimri in

Najwa Nimri in “La Sacra Famiglia”.

Netflix

“Sono cresciuto in un quartiere residenziale come quello rappresentato nella serie e negli anni mi rendo conto delle cose che vedevo e di quelle di cui non ero a conoscenza”, ha commentato Macarena Gómez a proposito del suo legame personale con quanto raccontato in Sacra Famiglia.

“Quelle persone stavano cercando di apparire qualcosa che non erano e lo vedo ancora oggi, quindi La serie rispecchia molto bene la realtà. Persone come queste e madri come quelle che compaiono nella serie continuano ad esistere. E di solito sono madri con conflitti che vogliono nascondere dall’esterno”, ha detto l’attrice.

Leggi  Avete notato il primo grande errore de "Gli anelli del potere"? Un errore così improbabile da essere trascurato nella serie più ambiziosa della storia: Series News

[Críticas a Netflix por la imagen del duque de Edimburgo en la nueva temporada de ‘The Crown’]

Najwa Nimri ha anche cercato di confrontare ciò che accade nella serie con le proprie esperienze di madre, capendo che ci sono madri che si incontrano nel parco ma dicendo che non era abituata a quella routine. “Ho un figlio, ma l’ho cresciuto. Mio figlio non è stato cresciuto da nessuna ‘tata’ e nemmeno l’ho portato al parco”ha dichiarato.

“Sono andato con lui in posti con amici e cose del genere, ma quando sono arrivato al parco, avere il passeggino giù per me era un inferno perché in pratica andavo molto d’accordo con mio figlio. E ricordo momenti incredibili con lui “, ha detto, aggiungendo che “Non volevo parlare di ciucci e tette, perché alla fine sono solo parole”che per lei “non era un terreno comodo” e che doveva prepararlo al ruolo.

un mondo di apparenze

Ella Kweku e Jon Olivares in una sequenza della serie.

Ella Kweku e Jon Olivares in una sequenza della serie.

Netflix

In relazione alla serie, Álvaro Rico è stato in grado di vedere la somiglianza che la narrativa ha con la realtà attuale. “Penso che siamo in un momento sociale in cui tutto è apparenza e anche i social network cercano continuamente di contribuire.. Ma cosa succede a casa tua quando chiudi a chiave la tua casa, solo tu lo sai”.

Ella Kweku era d’accordo con il suo partner, completando la discussione dicendo questo “Fiction e realtà si mescolano quando inizi a credere alla bugia che stai creando”. Confrontandolo con l’estetica della vetrata che assume la serie, l’attrice ha affermato che “questo aspetto è anche delicato e può rompersi, perché c’è una linea così sottile”.

“Questa serie è un riflesso di ciò che viviamo, quando vai alla cena di Natale e ci sono cose che non ti piacciono e le sopporti e poi dici ‘perché ho sopportato questo?'”, Álex García ha fatto un esempio, confrontando la serie con il mondo reale.

Il desiderio di protezione

Macarena Gómez e Lorenzo Angellotti in una sequenza dalla

Macarena Gómez e Lorenzo Angellotti in una sequenza dalla “Sagrada Familia”.

Netflix

In Sacra Famiglia, Manolo Caro presenta diversi profili di madri diverse, ma hanno tutte cose in comune. Uno di questi è il desiderio di protezione, che se portato all’estremo può innescare qualcosa di molto tossico e un legame malsano.

Iván Pellicer pensa che “la famiglia non è solo questo, non è solo protezione” e Carla Campra ha saputo rispondergli che nella serie sorge un importante dilemma, dove “Puoi dire ‘Ti amo moltissimo perché sei mia madre, ma non capisco il tuo comportamentoanche se lo fai in questo modo per me,’ perché devi pensare che forse lo sta facendo per il mio bene o che in realtà è egoista”.

[‘Las cintas de Jeffrey Dahmer’, el documental de Netflix con conversaciones reales del asesino en serie]

Najwa Nimri è chiaro che “non importa se lo fa per il suo bene o per il tuo, non devi farlo davvero. Devi dare alle persone quella libertà, non importa se sono le tue figli. Ci sono madri che credono davvero che i loro figli siano loro e questa è una follia fortissima che ti lascia anche commosso per il resto della tua vitaperché dovrai liberarti di un legame emotivo che ti sta trattenendo perennemente dalle viscere”.

Per lei è qualcosa di simile a ciò che accade nelle dinamiche di potere. «È quello che succede con tanti rapporti che hanno a che fare con la violenza o con la mafia, che sono profondamente radicati. Quando tu, dalla tua vita normale, con i tuoi genitori separati e la tua autonomia che vivi da solo in un appartamento, vedi una famiglia che è davvero molto vicino -sono di queste famiglie che vedi che ridono e hanno un comportamento molto vicino-, pensi ‘che invidia’”.

«Ma in realtà tutte le famiglie cucinano fagioli e nelle famiglie molto vicine, che hanno molta consanguineità, che il sangue è radicato profondamente, quello stesso sangue ti strangola. Avere una famiglia a cui appartieni in modo così forte è qualcosa che tutti desideriamo, ma allo stesso tempo può tagliarti fuori”ha concluso.

Lascia un commento