fbpx

“Ora voglio raccontare le mie storie”

Teresa Fernández-Valdés chiede un passo. Non importa che il galiziano abbia fatto la storia nel 2016 essendo stato nominato da The Hollywood Reporter come una delle 20 donne più potenti della televisione mondiale. Velluto, Grand Hotel Y le ragazze del filo erano alcune delle serie che si sono trasformate Produzioni di bambù (fondata nel 2007 da Fernández-Valdés e Ramón Campos) in una fabbrica di successo e nella società di produzione scelta dalla maggior parte delle piattaforme di streaming per iniziare a creare serie originali. UN affare privato è la sua ultima scommessa, una commedia poliziesca per Video Amazon Prime guidato da Jean Reno e Aura Garrido.

Galizia, 1948. Un / a audace giovane donna dell’alta borghesia con l’anima di un agente di polizia, Marina Quiroga, che si propone di dare la caccia al serial killer che infesta la zona. Il suo più grande alleato sarà il suo maggiordomo, un uomo discreto e disponibile la cui sensibilità e audacia lo pongono sempre al centro delle indagini. Questa coppia atipica si batterà contro i pregiudizi del tempo e la resistenza delle autorità per assicurare il colpevole alla giustizia.

Con la sua nuova serie, Fernández-Valdés inizia un’era professionale di Potenziamento in quale “È giunto il momento di estrarre la mia pistola”. Il showrunner di una questione privata rimane fedele al suo modo di intendere la narrativa: femminista, preziosa e con un comandamento insormontabile: intrattenere qualunque cosa accada. La sua visione del business e dell’industria la lega direttamente a Shonda Rhimes, la regina della televisione di Hollywood che esercita anche uno stretto controllo creativo sulle sue serie.

[Aura Garrido, una heroína adelantada a su tiempo en ‘Un asunto privado’: “Estaba deseando hacer una comedia”]

come nasce una questione privata?

Gema Rodríguez Negra, la direttrice dello sviluppo di Bambú, ha intuito che il genere poliziesco doveva essere rinnovato. Ha proposto la storia di una donna con il suo maggiordomo che indaga sui crimini. Di conseguenza, anche io e Ramón abbiamo lavorato su di esso, e tra noi tre abbiamo creato quello che è oggi una questione privata.

In un primo momento abbiamo pensato di avere come protagonista una giovane coppia, che apparteneva a una famiglia di poliziotti e lui a uno di maggiordomi. Quello che abbiamo capito è che potremmo essere tentati di accoppiarli e non ce la siamo sentita di farlo. Avere un personaggio più vecchio ci ha permesso di avere un attore di peso. Era la nostra prima serie per Amazon e volevano una faccia internazionale, non solo spagnola. Dato che avevamo una sua figura molto chiara, abbiamo pensato che sarebbe stato più interessante contrastare la coppia e che lui fosse molto più grande di lei. Anche nelle personalità: lei è l’audace, l’inconscio, e lui è il miedica, il protettore.

Jean Reno e Aura Garrido recitano in “A Private Affair” su Amazon Prime Video, in anteprima il 16 settembre.

Fu allora che venne fuori il nome Jean Reno?

Sì. Amazon voleva davvero lavorare con lui e noi, immagina. La cosa più difficile è stata convincerlo a venire in Spagna, perché vive a New York. Bisognava conquistarlo. Abbiamo capito, è venuto a Madrid e all’improvviso è apparsa una pandemia globale. All’inizio dovevamo fare parte in Catalogna, parte a Madrid. Poi parte a Bilbao, parte a Madrid. Quando tutto è esploso, quello che volevamo era fuggire dalle grandi città. La Galizia era allora uno dei luoghi con la minore incidenza. Jean era in un’età pericolosa per la prima ondata di COVID-19 e abbiamo preferito non rischiare.

La verità è che pensavo che un giorno quest’uomo mi avrebbe detto “ehi, ti ho detto di sì in un momento in cui la vita era diversa. Ho la mia famiglia a New York e c’è una pandemia globale. Sono preoccupato”. E non è successo, è rimasto lì. Abbiamo creato una bolla ed è stata un’esperienza incredibile. Penso che in realtà abbiamo gestito bene la pandemia grazie a questa serie.

Dietro le quinte di

Dietro le quinte di “Una questione privata”.

In Spagna, la prima agente di polizia donna è arrivata negli anni ’80. Perché hai deciso di ancorare la storia negli anni ’40?

La serie inizia nel 1948. Uno dei primi impulsi è stato quello di ambientare la serie in un secondo momento, ma Amazon voleva fare qualcosa d’epoca. Avevano visto le nostre altre serie e volevano una storia in questo modo. Ci andava bene anche con il ruolo del maggiordomo. Quindi era giusto che potesse essere molto preoccupato e molto impegnato a prendersi cura di una famiglia come se fosse la sua. Poco dopo che quella cifra in Spagna ha cominciato ad essere un po’ incredibile, è stata la nostra paura.

Gli anni ’40 ci hanno permesso di porre molti più limiti a Marina, anche tecnologicamente. Il personaggio ha una mente scientifica. Volevamo che fosse lei stessa una creatrice di scienza. Gli anni ’40 ci hanno permesso di collocarci in un momento in cui sarebbe stato difficile per lui ottenere le prove o le chiavi del crimine. I suoi progressi dovrebbero avere a che fare più con il suo ingegno e la sua posizione, piuttosto che con un CSI scientifico che ci permetterebbe di trovare la chiave.

[Jean Reno: “Si haces una película solo por dinero, a la tercera semana no te quieres levantar de la cama]

Non ho intenzione di mentire nemmeno a te, volevamo creare una serie che fosse visivamente accattivante e ci permettesse di creare dei look davvero divertenti per Marina. Volevamo creare un guardaroba che si trasformasse, che perdesse pezzi che facevano parte del discorso. Sarebbero stati i capitoli in cui avrebbe fatto ricerche e non avrebbe avuto il tempo di cambiare, quindi ci abbiamo pensato in modo da poter esplorare il pieno potenziale della moda del tempo. In ogni capitolo compaiono diverse espressioni dei suoi abiti degli anni ’40, ma partendo sempre da uno sguardo iniziale.


Nelle tue serie non fai narrativa storica, ma periodo. Quali sono le regole che ti imposti quando realizzi serie ambientate nel passato?

Penso molto al pubblico e a me stesso come pubblico consumante. Le serie di questo tipo sono serie che quello che intendono è intrattenere. Ce ne sono altri che hanno più peso storico, come Giaguaro. Lì abbiamo svolto un lavoro di documentazione molto profondo. In caso di Grand Hotel inoltre, anche se ci documentiamo sempre per sapere quali limiti possiamo oltrepassare e come possiamo farlo. Non vogliamo essere schiavi della storia. Vogliamo che la storia sia un elemento attraente all’interno della nostra narrativa e che incorporiamo tutto ciò che la storia di quel tempo ci offre da aggiungere. Se qualcosa è un ostacolo, lo ignoriamo.

Leggi  Qual è la data e l'ora di uscita di Netflix?

A volte scherziamo su questi dettagli. Nel primo capitolo fanno riferimento al fatto che stavano per prendere Al Capone con un capello, per esempio. Queste serie non sono come un romanzo storico con cui lo spettatore cerca di documentare e imparare. Qui quello che vogliono è divertirsi. Ci piace che lo spettatore possa trovare riferimenti alla realtà, ma giochiamo con i tempi. Se Marina ha un guardaroba in anticipo sui tempi, diciamo che l’ha preso da un mercato nero. Quando lavoriamo con il tempo a Bambú, ci chiediamo cosa ci rende interessanti e attraenti per il pubblico e cosa ci appesantisce. Ed è qui che si segnano i limiti.

Teresa Fernández-Valdés, a destra, con gli attori di 'A Private Matter'.

Teresa Fernández-Valdés, a destra, con gli attori di ‘A Private Matter’.

Anche l’uso della musica nelle tue serie è molto particolare. È già successo a Velluto o le ragazze del filo. Sollevano le passioni. Anche qui.

Questo argomento mi diverte sempre. La musica di Velluto All’inizio sembrava molto marziano, poi è stato un successo. Lo stesso David Pinillos, direttore di una questione privata, mi ha detto una cosa che mi ha scritto su un post-it: “La musica di Velvet è una disgrazia” (ride). In termini di follia, significa. Mi è successo in altre produzioni, anche adesso con la serie di Nacho Vidal che sto facendo. È vero che oso con la musica. A volte otterrò dei pastiche orribili e altri si aggiungeranno alla serie. Penso che la musica evochi molte sensazioni e aiuti lo spettatore a posizionarsi in azione, thriller, commedia…

In questo caso si tratta di una serie che mescolava generi diversi. Quando stavamo creando la serie, a volte ho pensato a quanto sarebbe stato difficile entrare in contatto con lo spettatore. Volevamo che il pubblico si divertisse e poi si spaventasse un po’. La musica ci aiuta a essere un filo conduttore. Ti dà subito la chiave delle emozioni. Ci ha anche aiutato a generare più mistero. Quando sei al porto, per esempio, e la musica ti insegue, la sua ricerca ti accompagna. Quando in seguito si chiude nella cabina, il fatto che la musica continui ad accompagnarti in un luogo oscuro ti dice che il pericolo è ancora lì.

È vero che lavoro molto con i musicisti, è un argomento in cui sono molto coinvolto. Normalmente con Lucio Godoy, qui con Vanessa Gardel. con lui ho fatto Velluto, Grand Hotel, Istinto… È stato lui a propormi a Vanesa. Volevamo avere una compositrice donna, perché A Private Affair era già molto determinato da uno sguardo femminile. Ci siamo divertiti molto, ma abbiamo anche sofferto. Quando lavori con una casa di produzione come me, che è molto pesante, può volerci del tempo prima di trovare il tocco giusto. È stato un viaggio, ma Vanesa ha lavorato molto. A volte i cambiamenti di tono la spaventavano, ma l’ho incoraggiata a fare quei salti per mostrare tutti i lati di Marina.

La squadra di 'Una questione privata' al Festival di Montecarlo.

La squadra di ‘Una questione privata’ al Festival di Montecarlo.

Non so se sei pesante o no…

Sì, lo sono.

Quando vedo la tua serie, sento che c’è una voce e un concetto molto specifici. Quando le persone parlano in termini di autore, di solito non intendono questo tipo di storia. Come Marina e tanti altri personaggi che hai creato, ti sei mai sentito come quella donna che deve lottare per quello che ha da dire per essere ascoltata?

Senti, penso di essere esattamente in quel momento. Ramón ed io abbiamo fondato Bambú Producciones. È nato per questo. Scrive da quando aveva 8 anni ed era molto chiaro che voleva essere un produttore e sceneggiatore. Ho assunto più quella sfaccettatura di produzione, di coordinatore di produzione che si occupava della ricerca dei finanziamenti… insomma della parte più vicina al management. La realtà è che ho incontrato Ramón in un contesto creativo e quello che voleva era scrivere storie.

Per molti anni ho dedicato la mia vita alla parte di produzione, ma quando Bambú stava già lavorando e hai una squadra di cui ti fidi, ho sentito che era giunto il momento. Ora voglio raccontare le mie storie. Non ho incontrato difficoltà, ma ho dovuto riprendermi. Quando le persone già ti associano al fatto che sei la parte finanziaria, economica, gestionale, di coordinamento, di squadra…

Mi sono imbattuto in team di sceneggiatori che dicevano “ah, ora sta scrivendo Teresa”. E non credo. Sono sempre stato lì

Teresa Fernández-Valdés, showrunner di “Una questione privata”

Quando all’improvviso dici che vuoi raccontare la tua storia, ti guardano in modo strano. “Oh, ma tu…” Non lo dico per Ramón e Gema, perché sapevano già quanto sono sempre stato profondo, ma è successo a me con gli sceneggiatori, per esempio. Mi sono imbattuto in team di sceneggiatori che dicevano “ah, ora sta scrivendo Teresa”. E non credo. Sono sempre stato lì.

La nostra prima serie nazionale è stata Mancante, che abbiamo fatto con Grupo Ganga. Ricordo una notte che Ramón aveva l’emicrania ed era molto malato, ma doveva essere disegnato un copione. Gli ho detto: “non ti preoccupare, lo finisco io”. Ricordo che la mattina dopo uno degli attori commentò che si poteva dire che dietro c’era una nuova mano. Non era né meglio né peggio, ma c’era. Per molti anni non ho chiamato i colpi in modo creativo, ma ora è il momento di estrarre la mia pistola.

Lascia un commento