fbpx

Omicidi e morti nella squadra dei ‘Power Rangers’: la maledizione che ha riempito di disgrazie una serie mitica

Skylar Julius Deleon è stato l’ultimo ad essere aggiunto a un elenco pieno di tragedie.

Durante l’ultima settimana si è saputo che Skylar Giulio Deleonattrice che ha avuto un ruolo secondario nel famoso Power Rangers negli anni ’90 è stata condannata a morte per duplice omicidio nello stato della California. La carriera di Skylar si è rapidamente allontanata dalla recitazione, ma è curioso che lei sia solo un altro caso nella maledizione dei membri immaginari.

Power Rangers ha intrattenuto per decenni il pubblico giovane e, anche se il passare del tempo non ha giocato molto a suo favore – basta guardare la serie degli anni ’90 per rendersi conto che gli spettacoli avevano bisogno di una revisione, tra le tante altre cose – rimane lo stesso mitico di erano 30 anni fa. Dietro il divertimento delle tue avventure, ci sono molti segreti: partenze forzate, molestie, esaurimenti nervosi, morti in incidenti… Le disgrazie che questa produzione ha subito sono notevoli e sembra che la lista continui a sommarsi.

Skylar Julius Deleon viene condannato a morte

Skylar Deleon non è stata una delle protagoniste, ma il suo caso è quello che attira maggiormente l’attenzione. Nel 2004 l’ex attrice, insieme all’ex moglie, ha rapito i proprietari di uno yacht del valore di $ 435.000 e li ha costretti a firmare per la vendita. Furono poi legati a un’ancora e gettati in mare. Il caso è stato chiarito quando uno dei complici ha rivelato il crimine. Skylar è stata condannata a un’iniezione letale, ma poiché lo stato della California non prevede la pena di morte, rimarrà in prigione a vita.

Thuy Trang, il Power Ranger giallo morto in un incidente


Thuy Trang ha lasciato la serie nella seconda stagione, ma non ha avuto molto tempo per trovare la sua nicchia. Pochi anni dopo, nel 2001, morì in un incidente stradale. Il veicolo su cui viaggiava ha perso il controllo e ha urtato un sasso sul ciglio della strada, dopodiché è caduto contro una barriera di sicurezza. Trang è morto per le ferite riportate mentre si recava in ospedale. I coetanei di Trang hanno partecipato al suo funerale per rendere omaggio.

David Yost, il Power Ranger blu che è stato molestato per il suo orientamento sessuale


David Yost è stato il Power Ranger blu, il cervellone della squadra, per quattro anni. L’esperienza di produzione è stata dolorosa per lui, poiché, come ha confessato nel 2010, è stato molestato dai suoi coetanei a causa del suo orientamento sessuale. Qualcuno gli ha persino detto che “non poteva essere un supereroe” perché era omosessuale. Tali commenti hanno risuonato con Yost, che si è iscritto alla terapia di conversione per due anni per diventare qualcuno che non era. Ciò ha causato un esaurimento nervoso che ha richiesto 5 settimane di cure psichiatriche.

Leggi  un trailer estenuante per la sopravvivenza completamente pazza

Robert L. Manahan, Zordon, è morto di aneurisma


Il mitico Zordon è stato interpretato da Robert L. Manahan e, sebbene abbia prestato solo la sua voce, non è sfuggito nemmeno a questa strana maledizione. L’attore è morto all’età di 44 anni vittima di un neurisma. È uno degli attori più anziani della produzione, essendo apparso in 75 episodi, e il suo personaggio è, senza dubbio, il più ricordato. Tuttavia, non era un attore professionista. Il vero lavoro di Mahanan era nel reparto del suono.

combattimenti dietro le quinte


Non tutto sono morti e molestie dietro le telecamere. la maledizione del Power Rangers include anche diverse uscite di attori da cattivo. È il caso di Austin St. John, il mitico guerriero rosso che guidava la squadra. L’attore ha lasciato la produzione a metà della seconda stagione dopo una “disputa contrattuale e salariale”, secondo la versione ufficiale. È stato sostituito da Steve Cardenas e John ha lasciato per sempre la sua carriera di attore. Ora lavora come pompiere.

Seguendo le sue orme c’era Walter Emanuel Jones, il Power Ranger nero. Come il suo partner, ha avuto problemi con le trattative contrattuali e ha lasciato la produzione a metà della seconda stagione. È interessante notare che Jones è tornato anni dopo nel franchise dei Power Rangers, anche se dietro le quinte. È passato dall’essere uno dei protagonisti a dare voce ai mostri.

Lascia un commento